Il quarto tipo
3 1 0
Videoregistrazioni: DVD

Il quarto tipo

Vietato ai minori di 14 anni

Abstract: In Alaska, a partire dagli anni Sessanta, alcune persone scompaiono misteriosamente. Nonostante le numerose indagini, l'FBI non e' stata in gradodi spiegare questo fenomeno. Nelle riprese video delle sessioni di terapia coni suoi pazienti, la psicologa Abigail Tyler mostra, senza rendersene conto, le spaventose rivelazioni di molti di loro, che raccontano le presunte visitedegli alieni


Titolo e contributi: Il quarto tipo / [diretto da Olatunde Osunsanmi]

Pubblicazione: [Milano] : Warner Home Video, 2010

Descrizione fisica: 1 DVD-Video (98 min) : color., sonoro ; 12 cm

EAN: 5051891013636

Data:2010

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.), Inglese (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Opera:
Altri titoli:
  • Il *quarto tipo
Nota:
  • Film del 2009, produzione USA. Basato su studi documentati. Contenuti speciali: scene inedite; trailer. Titolo dell'etichetta. Sceneggiatura di Olatunde Osunsanmi; musica di Atli Orvarsson. Interpreti: Milla Jovovich, Will Patton, Elias Koteas. Lingue: italiano, inglese; sottotitoli per non udenti in italiano. Codice area 2; 16:9, 1.77:1 adatto a ogni tipo di televisore. Vietato ai minori di 14 anni clavisng

Nomi: (Compositore) (Attore) (Attore) (Regista) (Sceneggiatore) (Attore) (Editore)

Parole chiave:

Classi: Fantascienza <genere fiction>

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2010
  • Target: adulti, generale
Proiezioni visive, videoregistrazioni e film (115)
  • Colore: colore
  • Suono: sonoro
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 3 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
SIRMIONE MM FANTASCIENZA QUA EY-38129 Su scaffale Prestabile
ROVATO DVD FANTASCIENZA QUA CQ-53303 Su scaffale Prestabile
SAN GIOVANNI IN CROCE DVD FANTASY QUA XSM-10602 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Un film discreto nella sua semplicità, nonostante il tema del rapimento alieno sia non direi abusato, ma comunque molto sfruttato.
Saggiamente breve e interessante, forse più che per il concetto (arricchito da qualche dettaglio insolito) e la potenzialità-spavento, per lo sviluppo aperto della storia (a tratti troppo aperto) e le riflessioni che induce - sarebbe stato bello poter ascoltare i commenti in sala, in diverse sale, degli spettatori -: sull'impatto sociale e politico di determinati eventi / convinzioni, sulle possibili reazioni governative non solo di accusa ma anche di difesa dei cittadini coinvolti, e soprattutto sulla natura e gli scopi dell'intervento di entità non umane.
La vera chicca, infatti, arriva alla fine, appunto con la rivelazione della natura intima delle manifestazioni e gli interrogativi alla coscienza personale che porta con sé.

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.