La pazienza del sasso
0 1 0
Materiale linguistico moderno

Scotti, Carmela

La pazienza del sasso

Abstract: Della madre, Argia ricorda lo sguardo sereno mentre fa danzare le dita sui tasti del pianoforte. Il suo profumo, nei pomeriggi in cui le insegna a intrecciare i fili con il tombolo nella soffitta calda. In quei momenti, Argia si sente il centro dell’universo materno e vorrebbe occupare quel posto per sempre. Ma il suo si rivela presto un desiderio impossibile. Quando sua sorella Dervia viene al mondo, la prima cosa che fa è toglierle quel primato. Senza alcuno sforzo. Del resto, Dervia è tutto ciò che Argia non è mai stata: bella, aggraziata e fragile. Di una fragilità che è naturale proteggere, ma è altrettanto facile colpire. Bastano piccoli dispetti, un rifiuto a una richiesta di aiuto, un silenzio troppo profondo, perché Argia sfoghi l’invidia e la gelosia che le si muovono dentro e, crescendo, si abbandoni a gesti e ripicche sempre più velenosi nei confronti di Dervia. Fino a raggiungere il punto di non ritorno. Da allora sono passati anni. Argia si è rifatta una vita lontano dall’aspra Sicilia dove è cresciuta. Lontano da un passato troppo pieno di rancore e frustrazione. Eppure, intorno a sé vede solo macerie. E si rende conto che i legami di sangue, per quanto non cercati e non voluti, restano eterni e ci definiscono. Per questo deve tornare nel Belice. Per riallacciare i fili di un’esistenza che altrimenti resterebbe soffocata dai fantasmi di un tempo che non esiste più. Carmela Scotti torna a sondare le zone d’ombra dell’animo umano con la penna affilata, precisa e tagliente che la contraddistingue fin dal suo esordio, L’imperfetta, con cui ha convinto anche la critica più esigente. La pazienza del sasso è una storia che ci parla di legami familiari. Di espiazione. E del perdono che si cerca quando la verità, avvolta dalle nebbie del tempo, diventa opaca e rischia di confondersi con l’ossessione.


Titolo e contributi: La pazienza del sasso / Carmela Scotti

Pubblicazione: Garzanti, 2021

Descrizione fisica: 231 p. ; 23 cm

EAN: 9788811816201

Data:2021

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nomi: (Editore) (Autore)

Soggetti:

Classi: 853.92 Narrativa italiana. 2000- [22]

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2021
  • Target: adulti, generale
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 10 copie, di cui 8 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
MAZZANO N 853.92 SCO PAZ EN-47192 Su scaffale Novità locale 30gg
BRESCIA - BUFFALORA SCO.C HB-21635 In prestito 03/06/2021
VILLANUOVA SUL CLISI NARRATIVA SCOTTI Carmela SX-31222 Su scaffale Novità locale 60gg
TOSCOLANO MADERNO NARRATIVA SCOTTI Carmela QG-34047 In prestito 27/05/2021
CALCINATO N 853.92 SCO PAZ EE-37898 In prestito 27/05/2021
ROVATO A_Famiglia 853.92 SCO PAZ CQ-70482 In prestito 31/05/2021
LUMEZZANE L 853.92 SCO PAZ TK-75393 In prestito 25/05/2021
CASTELLEONE N 853.92 SCO PAZ YG-66054 In prestito 21/05/2021
GARDONE VAL TROMPIA L N SCO CAR TH-76665 In prestito 26/05/2021
BAGNOLO MELLA L 853.92 SCO PAZ BB-44257 In prestito 03/06/2021
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

La protagonista del romanzo è Argia che affronta un lungo viaggio in macchina per riportare le ceneri di sua sorella dal nord al sud , per la sepoltura .
I suoi due compagni di “avventura” sono :Nicola, proprietario di una piccola agenzia di pompe funebri e compagno di scuola
“ non lo so se lo amo, l’amore per me è quel filo intricato che lega un figlio alla madre, che avvolge la madre intorno al fiato di un figlio e non so neppure se quello viluppo si possa declinare in forme diverse adattarlo al Cuore di due adulti chiamarlo con la stessa parola”
e suo figlio che , per occupare il tempo,cerca di capire dai racconti , come sono i suoi nonni (che non ha conosciuto) e la zia ( che in realtà è la madre naturale )
“ Voglio inventare per lui una storia luccicante, madri e padri che vivono per i loro figli, che non smettono di abbracciarli e baciarli. Voglio regalarle anche a me quelle bugie ricordi che a furia di essere desiderati, finiscono per pesistere sul serio ; voglio una madre tutta per me che mi apra che mi ami sopra ogni cosa anche più della musica
La realtà è completamente diversa però .

Il padre , dopo i disturbi mentali della madre (che si è suicidata) abbandona le due figli, per rifarsi una nuova vita all”estero
La sorella che diventa un nemico appena nasce : l'odio inizia a germogliare in lei, alimentando le sue giornate, spegnendo la sua luce interiore, facendola sentire grassa è inutile

“ I corpi non si scelgono si abitano e per quando mi spostarsi sforzarsi di attirare la sua attenzione di rendermi aggraziata i suoi occhi era a Dervia che mia madre riservava quello sguardo e statico da Santa al cospetto della luce divina”

La nonna che non accetta che entrambi le nipoti vanno a “trovare fortuna al Nord”

La madre che cerca di più volte di avvelenare le figlie Con il veleno dei topi sciolto nel latte che ogni sera appoggiava sul comodino delle figlie
Grazie ad una scrittura pulita ,affilata e tagliente e prosa incisiva ,sono stato fortemente “colpito al cuore” dal racconto famigliare di Argia,dai sensi di colpa ,dai suoi legami di amore e di odio ,di sbagli e perdono che avvolgono i componenti della sua famiglia
La scrittrice evidenzia che avere coraggio è saper perdonare ma lo è ancor di più se si è in grado di sapersi perdonare (come cerca di fare Argia) e guardare il futuro .

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.