945.091 Storia d'Italia. 1900-1946 [22]

(Classe)

Trouvés 424 documents.

Résultats à partir d'autres recherches: Rete Bibliotecaria Bergamasca

Perché l'Italia diventò fascista
0 0 0
Livres modernes

Vespa, Bruno <1944->

Perché l'Italia diventò fascista : (e perché il fascismo non può tornare) / Bruno Vespa

Rai libri : Mondadori, 2019

Résumé: Benito Mussolini camminava a lunghi passi su e giù per l'ufficio di direttore del «Popolo d'Italia» e, nei momenti di più acuta depressione, confidava alla sua musa Margherita Sarfatti di voler piantare baracca e burattini: «Faccio il giornalista da troppo tempo. Ho tanti altri mestieri. Posso fare il muratore: sono bravissimo. Sto imparando a fare il pilota aviatore. Oppure posso girare il mondo con il mio violino: magnifico mestiere, il rapsodo errante!». Era la fine del novembre 1919 e aveva fondato da poco i Fasci di combattimento, ma aveva perso in modo disastroso le prime elezioni politiche. Pochissimi voti e nessun seggio. Appena tre anni dopo, il Duce del fascismo era a capo del governo, acclamato dalla folla e incoraggiato da insospettabili antifascisti che gli chiedevano di rimettere in sesto un paese distrutto, demotivato, indebitato e diviso. Giolitti gli riconosceva il merito di aver «tratto il paese dal fosso in cui finiva per imputridire». Amendola suggeriva di «secondare le mosse dell'onorevole Mussolini perché questo è il solo mezzo per ripristinare la forma della legalità». Nitti scriveva ad Amendola: «Bisogna che l'esperimento fascista si compia indisturbato». E Anna Kuliscioff a Turati: «Nessuno potrebbe raggiungere la pacificazione se non Mussolini». Salvemini, l'antifascista più irriducibile, giungeva a dire: «Bisogna augurarsi che Mussolini goda di una salute di ferro, fino a quando non muoiano tutti i Turati…». In questo libro appassionante come un romanzo, Bruno Vespa racconta come e perché tre anni di guerra civile (1919-1922) consegnarono il potere all'uomo che l'avrebbe tenuto per un ventennio e perché la «democrazia autoritaria» del primo biennio (1923-1924) si trasformò in dittatura dopo il delitto Matteotti. Gli slogan e gli errori di un secolo fa sono stati spesso richiamati nell'attuale polemica politica, italiana e internazionale. Vespa ne disegna il panorama completo, mettendo al centro della scena Matteo Salvini che, con la clamorosa vittoria della Lega alle elezioni europee del 2019, ha ribaltato gli equilibri politici, aprendo una crisi al buio che, invece di portare di nuovo alle urne, ha fatto nascere per la prima volta nella storia italiana un governo di segno opposto al precedente, ma presieduto dallo stesso premier, Giuseppe Conte. L'autore, che ha incontrato tutti i protagonisti della scena politica, racconta tattiche, strategie e retroscena di una battaglia senza esclusione di colpi: dalla nascita del partito di Matteo Renzi ai patemi del Pd di Zingaretti dopo la scissione, dalla ritrovata unità del centrodestra nella grande manifestazione romana di piazza San Giovanni del 19 ottobre 2019 per far cadere il governo all'implicita alleanza non dichiarata tra Luigi Di Maio e lo stesso Renzi per evitare che Conte diventi il nuovo leader del centrosinistra.

Guerra
0 0 0
Livres modernes

Bertoldi, Silvio <1920-2018>

Guerra : italiani in trincea da Caporetto a Salò / Silvio Bertoldi

[Milano] : Rizzoli, 2003

Résumé: Silvio Bertoldi racconta le storie di uomini e donne che hanno attivamente partecipato ai tre sanguinosi conflitti del Novecento italiano: la Grande Guerra, la conquista dell'Etiopia, la seconda guerra mondiale. Incontriamo così il generalissimo Luigi Cadorna e i suoi riottosi subordinati, tutti responsabili della catastrofe di Caporetto, e i fanti gettati al massacro nell'assalto contro le trincee nemiche; gli intrepidi aviatori come Francesco Baracca (o, trent'anni dopo, il controverso Carlo Emanuele Buscaglia), e marinai come Luigi Rizzo, che sul suo Mas affonda le corazzate austriache Wien e Santo Stefano; i gerarchi che vanno in Etiopia a fare carriera e Amedeo d'Aosta asserragliato sull'Amba Alagi...

Il caos italiano
0 0 0
Livres modernes

Mieli, Paolo <1949->

Il caos italiano : alle radici del nostro dissesto / Paolo Mieli

Rizzoli, 2017

Résumé: Mai come oggi la politica italiana sembra in preda a una paralisi. Da anni i partiti sono impegnati in una continua campagna elettorale, con l’unico scopo di minare la legittimità degli avversari e allo stesso tempo lasciare aperte le porte a tutte le alleanze possibili. Alleanze da stringere nel nome di un’eterna emergenza: economica, politica o sociale. Questa incapacità di educarsi all’alternanza, di comprendere che “è normale stare lungo una stagione parlamentare ai banchi del governo e nella successiva su quelli dell’opposizione”, sembra ai più una degenerazione della buona politica, il frutto avvelenato degli ultimi decenni, del passaggio dalla Prima alla Seconda repubblica. Ma potrebbe non essere così. Forse esiste un male originario della politica italiana. Paolo Mieli ripercorre la vita del nostro Paese attraverso una serie di storie – le convulse vicende politiche dei primi anni del Regno; la Grande Guerra; il fascismo; politici del dopoguerra come De Gasperi, La Malfa o Nenni; vicende oscure quali il golpe del generale De Lorenzo o il dirottamento dell’Achille Lauro; cronache giudiziarie come quelle del caso Montesi o dell’assassinio del giudice Caccia – che contribuiscono a disegnare un ritratto dell’Italia e della sua politica molto spesso diverso dalla storia ufficiale. E mostrano come l’incapacità di dar vita a meccanismi che creino un’alternanza tra gli schieramenti parlamentari costituisca la nostra anomalia di fondo.

Il golpe inglese
0 0 0
Livres modernes

Cereghino, Mario J. <1959-> - Fasanella, Giovanni <1954->

Il golpe inglese / Mario Josè Cereghino, Giovanni Fasanella

Milano : Chiarelettere, 2011

Résumé: Questo libro apre uno squarcio importante nella storia del nostro paese e risponde a quesiti altrimenti indecifrabili che nemmeno le inchieste giudiziarie sono riuscite a chiarire del tutto. A cominciare dal delitto Matteotti (1924) per arrivare alla morte di Mattei (1962) e di Moro (1978). Ogni volta che gli italiani hanno provato a decidere del proprio destino, gli inglesi sono intervenuti. Ora i documenti desecretati, che i due autori hanno consultato negli archivi londinesi di Kew Gardens, lo dimostrano. Da quelle carte emerge con chiarezza che non è Washington a ordire piani eversivi per l'Italia, come si è sempre creduto, ma soprattutto Londra, che non vuol perdere il controllo delle rotte petrolifere e contrasta la politica filoaraba e terzomondista di Mattei, Gronchi, Moro e Fanfani. Il petrolio però non è il solo problema. Per gli inglesi anche i comunisti sono un'ossessione. Tanto da contrastarli con ogni mezzo. Persino arruolando schiere di giornalisti, intellettuali e politici per orientare l'opinione pubblica e il voto degli italiani. Finché si arriva al 1976, l'anno che apre al PCI le porte del governo. A Londra progettano un golpe. Ma l'ipotesi viene alla fine scartata a favore di un'altra azione sovversiva. Si scatena così un'ondata terroristica che culmina nell'assassinio di Aldo Moro.

L'Italia di Mussolini
0 0 0
Livres modernes

Bosworth, R. J. B. <1943->

L'Italia di Mussolini : 1915-1945 / Richard J. B. Bosworth

Milano : Mondadori, 2007

Résumé: Come era l'Italia che vide affermarsi Benito Mussolini? Quali erano i meccanismi politici, ma anche la cultura, la società e il contesto economico che resero possibile l'ascesa del dittatore di Predappio? In questo libro, seguito ideale della sua biografia del Duce, Richard Bosworth risponde a tali domande con una ricerca approfondita, che mette in luce come Mussolini non fu affatto un italiano atipico, un uomo isolato che riuscì a imporre la sua volontà a un paese sostanzialmente estraneo alle sue prospettive sociali e politiche: al contrario, egli fu un italiano in senso pieno e incarnò lo spirito più profondo della nazione italiana, ne interpretò gli umori più veri e assecondò una serie di interessi e di forze che lo precedevano e che avrebbero continuato a vivere anche dopo la sua morte. Seguendo questa prospettiva, il lavoro di ricostruzione del complesso tessuto sociale italiano di quegli anni, fatto di partiti, associazioni, gruppi di interesse, movimenti di intellettuali, centri di potere, diventa un modo di capire e illustrare l'ascesa e il declino del partito fascista e del suo capo.

Cancellare le tracce
0 0 0
Livres modernes

Battista, Pierluigi <1955->

Cancellare le tracce : il caso Grass e il silenzio degli intellettuali italiani dopo il fascismo / Pierluigi Battista

[Milano] : Rizzoli, 2007

Résumé: Nell'estate 2006, il Premio Nobel per la letteratura Günter Grass rivela nella sua autobiografia di essersi arruolato, diciassettenne, nelle SS. Lo scandalo dilaga, disseppellisce vecchi rancori, chiama in causa i nomi più noti della cultura tedesca. E come un'onda di marea riporta alla luce il panorama sommerso e accidentato dei rapporti tra intellettuali e totalitarismi in Europa. È legittima infatti la domanda: e i tanti Günter Grass italiani? All'indomani del fascismo anche l'Italia piombò in un gorgo di odio, rivalità e tradimenti in cui l'imperativo categorico era rinfacciare i trascorsi altrui all'ombra della dittatura prima che venissero denunciati i propri. Per sottrarsi all'epurazione, l'unica via fu cancellare le tracce, con strategie diverse poi perpetuate e raffinate per decenni. Negare l'evidenza. Truccare i calendari. Sublimare il passato nelle opere artistiche del dopo. E lamentare all'infinito la propria generazione perduta, smarrita, incosciente. Sulla scorta di un ricco tessuto di citazioni e confronti, Pierluigi Battista analizza la malattia di un dopoguerra che, contrapponendo un passato da demonizzare a un presente mitizzato, ha impedito all'Italia di assimilare la metamorfosi collettiva dal fascismo all'antifascismo. Inserendo la vicenda del rapporto negato tra intellettuali e regime in un quadro storico-politico più ampio, contribuisce a spiegare una ferita che ancora oggi lacera l'Italia.

L'Italia nella sconfitta
0 0 0
Livres modernes

Aga-Rossi, Elena <1940->

L'Italia nella sconfitta : politica interna e situazione internazionale durante la seconda guerra mondiale / Elena Aga-Rossi ; introduzione di Renzo De Felice

Napoli : Edizioni scientifiche italiane, copyr. 1985

L'Italia contemporanea
0 0 0
Livres modernes

Chabod, Federico <1901-1960>

L'Italia contemporanea : 1918-1948 / Federico Chabod ; introduzione di Giuseppe Galasso

Torino : Einaudi, copyr. 2002

Résumé: Questo classico della storiografia offre una sintesi ricca e partecipe di trent'anni di vita italiana. Il libro si apre sul dopoguerra della cosidetta vittoria mutilata, considerando gli effetti psicologici, economici e sociali della guerra sulle classi italiane. Muovendo dalla crisi che immobilizzò gli ultimi governi costituzionali, Chabod giunge al tema centrale del libro: il fascismo, le ragioni del consenso alla dittatura, il suo istituzionalizzarsi a regime, l'atteggiamento della Chiesa e della Corona. Dalla guerra d'Etiopia all'intervento nella guerra civile spagnola a fianco della Germania nazista, alle leggi razziali, il libro ricostruisce il precipitare degli eventi verso il secondo conflitto mondiale. Illuminanti sono nella loro agile essenzialità, le pagine dedicate alla Resistenza, considerata di là da ogni intento celebrativo. Attraverso le dinamiche della lotta partigiana e le sue contraddizioni Chabod giunge all'ultimo tema della trattazione: la nascita della Repubblica italiana, investigandone questioni tutt'ora aperte di ordine economico-politico, così come culturale e sociale. Il rigore dell'autore, la vivacità di una scrittura mai didascalica fanno di questa opera più che un utile compendio di fatti cruciali, una lettura cui fare costantemente riferimento.

I giovani di Mussolini
0 0 0
Livres modernes

Grandi, Aldo <1961->

I giovani di Mussolini : fascisti convinti, fascisti pentiti, antifascisti / Aldo Grandi

Milano : Baldini e Castoldi, copyr. 2001

Résumé: Erano nati o cresciuti durante il fascismo e avrebbero dovuto costituire, nelle intenzioni del regime, la futura classe dirigente dell'Italia di Mussolini. Parteciparono, quasi tutti, ai littoriali della cultura e dell'arte, istituiti a partire dal 1934 a Firenze e destinati a raccogliere il fior fiore della gioventù intellettuale in camicia nera. Dovevano essere fascisti naturaliter e invece, per molti di loro, le tormentate vicende dei vent'anni di regime li fecero approdare a sponde diverse, addirittura opposte, a quella da dove erano partiti.

Le guerre coloniali del fascismo
0 0 0
Livres modernes

Le guerre coloniali del fascismo / H. W. Al-Hesnawi ... [et al.] ; a cura di Angelo Del Boca

Roma : Laterza, 1991

Il quirinale del re
0 0 0
Livres modernes

Mureddu, Matteo

Il quirinale del re / Matteo Mureddu

[Milano] : Club degli editori, stampa 1978

Storia del Novecento italiano
0 0 0
Livres modernes

Colarizi, Simona <1944->

Storia del Novecento italiano / Simona Colarizi

12. ed.

BUR, 2016

Résumé: Cent’anni di storia del nostro Paese narrati con estrema chiarezza in un libro che descrive il percorso che ha portato gli italiani dall’unità politica raggiunta nel 1861 fino alla conquista della piena cittadinanza: dai primi passi del Regno d’Italia alla dittatura fascista, dai conflitti mondiali alla nascita della Repubblica, dalla ricostruzione nel Dopoguerra alle trasformazioni dei partiti negli anni Novanta, quello dell’Italia è stato anche il passaggio da una società rurale a una società industriale, che ha visto mutamenti di tradizioni, costumi, ideali e ideologie. Simona Colarizi tiene presente questo cospicuo patrimonio storiografico e ripercorre – con una chiave interpretativa ampia e libera dai preconcetti tipici della nostra storiografia – gli avvenimenti e i personaggi che hanno segnato il Novecento italiano. Un libro fondamentale, soprattutto per le nuove generazioni che non ne hanno esperienza diretta, per conoscere il passato e quindi capire il presente dell’Italia.

La catena
0 0 0
Livres modernes

Lussu, Emilio

La catena / Emilio Lussu ; a cura di Mimmo Franzinelli

Milano : Baldini & Castoldi, copyr. 1997

Résumé: La catena forma, assieme a Un anno sull'altopiano e a Marcia su Roma e dintorni, il trittico con cui Emilio Lussu rivisita la tragedia della storia italiana, dalla Grande guerra all'imporsi della dittatura fascista. Il testo è la cronistoria della vicenda che nell'autunno del '26 porta Lussu, deputato cagliaritano e medaglia al valor militare, prima in galera e poi al confino per essersi opposto, armi in pugno, agli squadristi che tentavano di invadergli la casa.

L'Italia del Novecento
0 0 0
Livres modernes

Montanelli, Indro <1909-2001> - Cervi, Mario <1921-2015>

L'Italia del Novecento / Indro Montanelli, Mario Cervi

[Milano] : Rizzoli, 1998

Résumé: La storia italiana del Novecento, dall'uccisione di Re Umberto I da parte dell'anarchico Bresci fino alla tormentata gestazione di una (presunta) Seconda Repubblica e al primo governo delle sinistre: questa la sfida dei due noti autori Montanelli e Cervi, che in un unico volume raccolgono in una sintesi il frutto del loro impegno più che ventennale.

Il secolo sbagliato
0 0 0
Livres modernes

Bocca, Giorgio <1920-2011>

Il secolo sbagliato / Giorgio Bocca

Milano : Mondadori, 1999

Résumé: La scintilla di Sarajevo e la Grande guerra, la rivoluzione in Russia e l'ascesa del fascismo, il secondo conflitto mondiale e la guerra partigiana, la fine del regno d'Italia e la scelta dell'Alleanza atlantica fino alla contestazione e agli anni del terrorismo, a tangentopoli e all'attuale governo di centrosinistra. Nello stile secco di un'inchiesta sul campo e con la profondità di una vasta riflessione storica, Giorgio Bocca abbraccia un intero secolo, nei suoi eventi epocali e nei suoi piccoli e grandi protagonisti.

Questo Novecento
0 0 0
Livres modernes

Foa, Vittorio <1910-2008>

Questo Novecento / Vittorio Foa

Torino : Einaudi, copyr. 1996

Résumé: Dalle pagine di grande tensione morale sulla Grande Guerra al fascismo, dall'apparente dissoluzione dell'eredità della Resistenza alle battaglie politiche del dopoguerra, Foa non si limita a testimoniare una stagione passata. Ogni grande svolta del secolo viene analizzata e ricondotta a una umana possibilità di scelta, che in definitiva è la riaffermazione del senso alto e vero della politica dietro la scomparsa o il fallimento di tante singole politiche.

Appena ieri
0 0 0
Livres modernes

Goldoni, Luca <1928->

Appena ieri : come non siamo cambiati / Luca Goldoni

Milano : Mondadori, 2005

Résumé: Caustico e impietoso, Luca Goldoni è da sempre un osservatore dei costumi degli italiani. Con È gradito l'abito scuro, Esclusi i presenti e Cioè ha ritratto i vizi e vezzi dei nostri anni Settanta. A più di trent'anni di distanza si è messo a sfogliare i suoi scritti e si è accorto, fra sorrisi e qualche piccola nostalgia, che quell'Italia miracolata dal boom ma stordita dal Sessantotto, ingolosita dai miti ma tormentata dalle tradizioni, assomigliava incredibilmente a quella di oggi. Rapporti di coppia, crisi del macho, contrasto genitori-figli, velleità, fobie sembrano gli stessi dei nostri giorni.

Storia del fascismo
0 0 0
Monographies

Storia del fascismo / diretta da Enzo Biagi ; realizzazione grafica di Luigi Garonzi

Firenze : SADEA : Della Volpe

[Vol. 3]: Tra il rosso il nero e il tedesco
0 0 0
Livres modernes

[Vol. 3]: Tra il rosso il nero e il tedesco / testi di Max Polo ... [et al.] ; introduzione di Julius Bogatsvo

Risorgimento conteso
0 0 0
Livres modernes

Baioni, Massimo <1963->

Risorgimento conteso : memorie e usi pubblici nell'Italia contemporanea / Massimo Baioni

Reggio Emilia : Diabasis, 2009

Résumé: In questo libro, il rapporto tra le memorie del Risorgimento e i processi di costruzione dell'identità nazionale è seguito nelle forme che ha assunto e nei contrasti che ha generato nelle diverse stagioni dell.Italia unita: l'età liberale, il ventennio fascista, i decenni della democrazia repubblicana. Incrociando fonti e strumenti di pedagogia patriottica di varia natura (monumenti, musei, celebrazioni, autobiografie) e intrecciando i miti del Risorgimento con quelli della Grande Guerra e della Resistenza, l'autore fa del conflitto di memorie intorno alla storia nazionale un osservatorio cruciale per esplorare alcuni caratteri di lungo periodo dell'Italia contemporanea.