Battaglia di Stalingrado <1942-1943>

(Argomento)

Thesaurus

Opere collegate

Trouvés 53 documents.

Résultats à partir d'autres recherches: Rete Bibliotecaria Bergamasca

La battaglia di Stalingrado
0 0 0
Livres modernes

Caruso, Alfio <1950->

La battaglia di Stalingrado / Alfio Caruso

Mondolibri, 2013

Résumé: Stalingrado (l'odierna Volgograd) fu teatro della più lunga e sanguinosa battaglia della seconda guerra mondiale, uno scontro che durò dall'estate del 1942 all'inverno del 1943. Il 22 novembre, per quasi trecentomila uomini della Wehrmacht e dei suoi alleati, chiusi in una sacca dalle armate sovietiche, iniziò un tragico conto alla rovescia. Il freddo, la fame, la sete, le malattie uccisero più tedeschi degli attacchi russi. La città divenne un incubo, un cumulo di macerie, un inferno: ogni ferita era a rischio d'infezione, la sopravvivenza una sfida quotidiana. Il 2 febbraio del 1943, contravvenendo all'ordine del Fuhrer di resistere a ogni costo, si arresero in centoventimila: di questi solo seimila tornarono a casa dopo una lunga detenzione, durata per alcuni tredici anni. Dopo oltre cinque mesi di battaglie, il mattatoio contava più di un milione e mezzo tra morti e feriti, dall'una e l'altra parte. Dei settantasette soldati italiani che avevano partecipato all'assedio se ne salvarono soltanto due. Con la sconfitta di Hitler e dei suoi eserciti nella battaglia di Stalingrado, ebbe finalmente inizio il cruento tracollo del Terzo Reich.

6: Disfatte e invasioni
0 0 0

6: Disfatte e invasioni

Résumé: L’Italia è sconfitta sul fronte russo e africano. La vita nel Paese è sempre più difficile: dilagano la fame e la povertà. Gli Alleati bombardano la penisola e il 10 luglio 1943 sbarcano in Sicilia. Inizia la Liberazione. Il Gran Consiglio del Fascismo nella notte tra il 24 e il 25 luglio sfiducia Mussolini. Al mattino Vittorio Emanuele III lo fa arrestare e incarica Badoglio di formare un nuovo governo. L’8 settembre viene annunciato l’armistizio. La risposta tedesca è feroce. La penisola è divisa tra forze tedesche e anglo-americane

Ultime lettere da Stalingrado
0 0 0
Livres modernes

Ultime lettere da Stalingrado

9. ed

Torino : Einaudi, stampa 1966

Résumé: Antologia di lettere pubblicata nella Germania Occidentale nel 1950. Contiene le missive presumibilmente autentiche scritte da soldati tedeschi nell'ultimo periodo della battaglia di Stalingrado, nel dicembre 1942. L'attenta censura tedesca sequestrò sette pacchi di corrispondenza dall'ultimo aereo proveniente dalla sacca con l'intento di conoscere lo stato d'animo delle truppe. La raccolta di tali scritti doveva offrire materiale al fine di una pubblicazione sulla battaglia ma l'ufficio della propaganda, dipendente dal Ministero presieduto da Joseph Goebbels, ne vietò la divulgazione in quanto "insopportabile per il popolo tedesco"[3] e ne ordinò la distruzione; le poche ritrovate sono state raccolte formando il contenuto del libro.

Il nemico alle porte
0 0 0

Il nemico alle porte / un film di Jean Jacques Annaud

Cecchi Gori home video, [200-?]

Résumé: Mentre le armate tedesche e sovietiche si scontrano ed il mondo attendetimoroso gli esiti della battaglia di Stalingrado, il celebre cecchino russoVassili Zaitsev sconfigge pazientemente i suoi nemici uno alla volta.

DVD 5: La battaglia di Russia
0 0 0

DVD 5: La battaglia di Russia / [regia Frank Capra]

Résumé: Frank Capra racconta il tentativo ricorrente dei tedeschi di impadronirsi della Russia e delle sue immense risorse minerarie, dal carbone al petrolio del Mar Caspio. La tenaglia di Hitler dal Mar Baltico al Mar sarà infranta dall'eroica resistenza dell'Armata Rossa, che per la prima volta riesce a bloccare quella che era stata fino ad allora l'arma vincente dei tedeschi: la Guerra Lampo. Nonostante la distruzioni di città e villaggi, i russi affrontano con coraggio le divisioni della Wehrmacht. Il regista Frank Capra racconta il lungo, tragico assedio di Leningrado, con migliaia di morti nelle strade, ma anche la battaglia casa per casa a Stalingrado, fino alla sconfitta della 6a armata tedesca di von Paulus. Uno straordinario omaggio all'Urss, ma anche a Stalin, quando la solidarietà e l'amicizia tra americani e russi non era ancora venuta meno.

Nelle trincee di Stalingrado
0 0 0
Livres modernes

Nekrasov, Viktor Platonovic

Nelle trincee di Stalingrado / Viktor Nekrasov

Castelvecchi, 2013

Résumé: Il 2 febbraio 1943, con la resa della Sesta armata del maresciallo Friedrich Paulus termina la battaglia di Stalingrado, uno dei momenti più significativi della Seconda Guerra Mondiale. Viktor Nekrasov, come molti civili, combatté in prima persona nelle trincee e pochi anni dopo pubblicò questo romanzo, ancora oggi comunemente considerato una delle migliori opere della letteratura sovietica di guerra. Narrato in prima persona dal luogotenente Kerèncev (che in tempo di pace era un giovane ingegnere), il racconto ripercorre quei momenti drammatici, dall'annuncio dell'arrivo dei tedeschi ai combattimenti durissimi all'ultimo sangue che metteranno alla prova la natura umana dei vari personaggi, fino agli esiti finali in cui la resistenza eroica di un intero popolo obbligherà alla resa il nemico cambiando così le sorti di tutta l'Europa. Nekrasov è stato cittadino e soldato, e come tale si è immedesimato nella condizione degli infiniti e quasi anonimi eroi, con galloni e senza, che si sono trovati a fare la Storia sotto le mura di Stalingrado. Rifiutando ogni retorica e con una narrazione sincera e priva di enfasi celebrativa, gli umili protagonisti di questo romanzo pongono quesiti etici validi ancora oggi: ci si può fidare di un compagno sconosciuto? Qual è il vero eroismo: quello di chi si cela dietro le frasi altisonanti ma nel momento del bisogno tradisce la sua mancanza di umanità o quello di chi non sa usare le belle parole ma è capace di sacrificare la propria vita per il bene comune?

Ultime lettere da Stalingrado
0 0 0
Livres modernes

Ultime lettere da Stalingrado

5. ed

Torino : Einaudi, 1958

Résumé: Antologia di lettere pubblicata nella Germania Occidentale nel 1950. Contiene le missive presumibilmente autentiche scritte da soldati tedeschi nell'ultimo periodo della battaglia di Stalingrado, nel dicembre 1942. L'attenta censura tedesca sequestrò sette pacchi di corrispondenza dall'ultimo aereo proveniente dalla sacca con l'intento di conoscere lo stato d'animo delle truppe. La raccolta di tali scritti doveva offrire materiale al fine di una pubblicazione sulla battaglia ma l'ufficio della propaganda, dipendente dal Ministero presieduto da Joseph Goebbels, ne vietò la divulgazione in quanto "insopportabile per il popolo tedesco"[3] e ne ordinò la distruzione; le poche ritrovate sono state raccolte formando il contenuto del libro.

Nelle trincee di Stalingrado
0 0 0
Livres modernes

Nekrasov, Viktor Platonovic

Nelle trincee di Stalingrado : romanzo / Viktor Nekrasov ; traduzione dall' originale russo di Vittorio Nadai

[Milano] : A. Mondadori, 1964

Résumé: Il 2 febbraio 1943, con la resa della Sesta armata del maresciallo Friedrich Paulus termina la battaglia di Stalingrado, uno dei momenti più significativi della Seconda Guerra Mondiale. Viktor Nekrasov, come molti civili, combatté in prima persona nelle trincee e pochi anni dopo pubblicò questo romanzo, ancora oggi comunemente considerato una delle migliori opere della letteratura sovietica di guerra. Narrato in prima persona dal luogotenente Kerèncev (che in tempo di pace era un giovane ingegnere), il racconto ripercorre quei momenti drammatici, dall'annuncio dell'arrivo dei tedeschi ai combattimenti durissimi all'ultimo sangue che metteranno alla prova la natura umana dei vari personaggi, fino agli esiti finali in cui la resistenza eroica di un intero popolo obbligherà alla resa il nemico cambiando così le sorti di tutta l'Europa. Nekrasov è stato cittadino e soldato, e come tale si è immedesimato nella condizione degli infiniti e quasi anonimi eroi, con galloni e senza, che si sono trovati a fare la Storia sotto le mura di Stalingrado. Rifiutando ogni retorica e con una narrazione sincera e priva di enfasi celebrativa, gli umili protagonisti di questo romanzo pongono quesiti etici validi ancora oggi: ci si può fidare di un compagno sconosciuto? Qual è il vero eroismo: quello di chi si cela dietro le frasi altisonanti ma nel momento del bisogno tradisce la sua mancanza di umanità o quello di chi non sa usare le belle parole ma è capace di sacrificare la propria vita per il bene comune?

Il nemico alle porte
0 0 0

Il nemico alle porte / un film di Jean Jacques Annaud

Panorama, [2005]

Résumé: Mentre le armate tedesche e sovietiche si scontrano ed il mondo attende timoroso gli esiti della battaglia di Stalingrado, il celebre cecchino russo Vassili Zaitsev sconfigge pazientemente i suoi nemici uno alla volta.

3: La battaglia di Russia
0 0 0

3: La battaglia di Russia = The battle of Russia

Résumé: Frank Capra racconta il tentativo ricorrente dei tedeschi di impadronirsi della Russia e delle sue immense risorse minerarie, dal carbone al petrolio del Mar Caspio. La tenaglia di Hitler dal Mar Baltico al Mar sarà infranta dall'eroica resistenza dell'Armata Rossa, che per la prima volta riesce a bloccare quella che era stata fino ad allora l'arma vincente dei tedeschi: la Guerra Lampo. Nonostante la distruzioni di città e villaggi, i russi affrontano con coraggio le divisioni della Wehrmacht. Il regista Frank Capra racconta il lungo, tragico assedio di Leningrado, con migliaia di morti nelle strade, ma anche la battaglia casa per casa a Stalingrado, fino alla sconfitta della 6a armata tedesca di von Paulus. Uno straordinario omaggio all'Urss, ma anche a Stalin, quando la solidarietà e l'amicizia tra americani e russi non era ancora venuta meno.

Il nemico alle porte
0 0 0

Il nemico alle porte / Jude Law, Ed Harris, Joseph Fiennes

Eagle Pictures, [2011]

Résumé: Mentre le armate tedesche e sovietiche si scontrano ed il mondo attendetimoroso gli esiti della battaglia di Stalingrado, il celebre cecchino russoVassili Zaitsev sconfigge pazientemente i suoi nemici uno alla volta.

Nelle trincee di Stalingrado
0 0 0
Livres modernes

Nekrasov, Viktor Platonovic

Nelle trincee di Stalingrado : romanzo / Viktor Nekrasov ; traduzione dall'originale russo di Vittorio Nadai

Mondadori, 1974

Résumé: Il 2 febbraio 1943, con la resa della Sesta armata del maresciallo Friedrich Paulus termina la battaglia di Stalingrado, uno dei momenti più significativi della Seconda Guerra Mondiale. Viktor Nekrasov, come molti civili, combatté in prima persona nelle trincee e pochi anni dopo pubblicò questo romanzo, ancora oggi comunemente considerato una delle migliori opere della letteratura sovietica di guerra. Narrato in prima persona dal luogotenente Kerèncev (che in tempo di pace era un giovane ingegnere), il racconto ripercorre quei momenti drammatici, dall'annuncio dell'arrivo dei tedeschi ai combattimenti durissimi all'ultimo sangue che metteranno alla prova la natura umana dei vari personaggi, fino agli esiti finali in cui la resistenza eroica di un intero popolo obbligherà alla resa il nemico cambiando così le sorti di tutta l'Europa. Nekrasov è stato cittadino e soldato, e come tale si è immedesimato nella condizione degli infiniti e quasi anonimi eroi, con galloni e senza, che si sono trovati a fare la Storia sotto le mura di Stalingrado. Rifiutando ogni retorica e con una narrazione sincera e priva di enfasi celebrativa, gli umili protagonisti di questo romanzo pongono quesiti etici validi ancora oggi: ci si può fidare di un compagno sconosciuto? Qual è il vero eroismo: quello di chi si cela dietro le frasi altisonanti ma nel momento del bisogno tradisce la sua mancanza di umanità o quello di chi non sa usare le belle parole ma è capace di sacrificare la propria vita per il bene comune?

Stalingrad
5 1 0

Stalingrad / un film di Fedor Bondarchuk

Sony Pictures Home Entertainment, 2014

Résumé: Seconda guerra mondiale. Stalingrado. Un piccolo gruppo di soldati russi combatte strenuamente per non perdere - in una città già devastata dai nazisti - il controllo di un edificio di enorme importanza strategica. Lì, il loro destino si intreccerà con quello di una donna che vive proprio in quel palazzo.

Stalingrado
0 0 0
Livres modernes

Paulus, Friedrich

Stalingrado / Friedrich Paulus ; a cura di Walter Gorlitz

2. ed

Milano : Garzanti, 1961

Stalingrado
0 0 0
Livres modernes

Wieder, Joachim

Stalingrado : morte di un esercito / di Joachim Wieder ; traduzione di Luisa Coeta

Milano : Longanesi, 1967

Stalingrado
0 0 0
Livres modernes

Wieder, Joachim

Stalingrado : morte di un esercito / di Joachim Wieder ; traduzione di Luisa Coeta

Milano : Longanesi, copyr. 1972

L' inizio della riscossa
0 0 0
Livres modernes

Cujkov, Vasilij Ivanovic <1900-1982>

L' inizio della riscossa / Vassili Ivanovic Ciuikov

Milano : Baldini & Castoldi, copyr. 1969

Stalingrado
0 0 0
Livres modernes

Samsonov, A. M.

Stalingrado : fronte russo / A. M. Samsonov

Milano : Garzanti, 1961

Stalingrado
0 0 0
Livres modernes

Paulus, Friedrich

Stalingrado / Friedrich Paulus ; a cura di Walter Gorlitz

2. ed

[Milano] : Garzanti, 1968

Stalingrado
0 0 0
Livres modernes

Beevor, Antony <1946->

Stalingrado / Antony Beevor ; traduzione di Sergio Mancini ; consulenza tecnica militare di Maurizio Pagliano

Milano : Rizzoli, copyr. 1998

Résumé: La sera del 23 agosto 1942 la Sedicesima divisione corazzata tedesca si attestava sulle rive del Volga, a breve distanza dalla città di Stalingrado. Era l'avanguardia dell'armata che poco più di un anno prima Hitler aveva lanciato a sopresa contro l'Unione Sovietica. L'esercito russo pareva in rotta. L'unica resistenza degna di nota fu opposta da un gruppo di studentesse che manovravano pezzi di artiglieria antiaerea. Gli uomini della Wehrmacht credevano di avere vinto. Ma la città assediata sarebbe diventata un baluardo insuperabile, una trappola per le ambizioni del Reich e la tomba di migliaia di suoi soldati.