700.1 Arti. Filosofia e teoria [22]

(Classe)

Encontrados 109 documentos.

Resultados de otras búsquedas: Rete Bibliotecaria Bergamasca

L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica
0 0 0
Libros Modernos

Benjamin, Walter <1892-1940>

L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica : arte e società di massa / Walter Benjamin ; prefazione di Cesare Cases ; traduzione di Enrico Filippini ; con una nota di Paolo Pullega

Einaudi, 2000

Resumen: Tra il 1935 e il 1940, l'anno della sua morte, Benjamin lavorò a più riprese al suo saggio più importante: "L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica". Il saggio s'interroga sul destino dell'arte nel contesto delle trasformazioni radicali indotte dall'invenzione e dalla diffusione di nuovi dispositivi tecnologici quali la fotografia e il cinema. Con somma lucidità Benjamin coglie nel tratto che accomuna queste nuove forme dell'arte (la riproducibilità tecnica capace di annullare la distinzione tra originale e copia) lo sconvolgimento del tradizionale rapporto tra il pubblico e il mondo dell'arte. Soggetti della fruizione estetica, con la diffusione della macchina fotografica e soprattutto con il cinema, non sono più isolati individui che sprofondano nella contemplazione di un quadro o nella lettura di una poesia. Sono, piuttosto, le masse: una folla anonima, abituata tanto ai ritmi convulsi della produzione industriale quanto agli choc subiti nella quotidianità delle moderne metropoli. Ma la profetica analisi di Benjamin si spinge ben oltre l'ambito estetico. Negli stessi anni in cui nazismo e fascismo minacciavano di prevalere e di cancellare la buona tradizione europea, Benjamin vede profilarsi una nuova epoca del rapporto tra arte, tecnica e politica. Un'epoca che non concede spazio a sconsolati rimpianti per il cattivo tempo che fu e che riguarda il nostro stesso presente. Di qui la rinnovata attualità di questo saggio, che costituisce un momento decisivo di quella riflessione sul Moderno che Benjamin avvia nella grande opera, non terminata, sui Passages parigini. Seppur non incompiuto, il saggio sull'opera d'arte si presenta come caratterizzato da una pluralità di stesure e da un'avventurosa vicenda editoriale che ne fanno un lavoro ancora alla ricerca di uno sviluppo teorico e di un'esposizione adeguati alla complessità e profondità della sua intuizione originaria. Appunto allo spirito e alla lettera di tale complessità la presente edizione intende rimanere fedele, offrendo al lettore italiano le cinque stesure del saggio scritte tra l'autunno del 1935 e l'estate del 1936.

Guardare, ascoltare, leggere
0 0 0
Libros Modernos

Lévi-Strauss, Claude <1908-2009>

Guardare, ascoltare, leggere / Claude Levi-Strauss ; traduzione di Francesco Maiello

2. ed

Milano : Il saggiatore, 2001

Resumen: L'autore evidenzia, attraverso le proprie esperienze nel campo della pittura, della musica, della letteratura, la rete di corrispondenze che sono alla base del giudizio estetico. Spaziando da Rimbaud a Breton, da Poussin a Diderot, dal mito di Parsifal alla simbologia dei colori, i saggi contenuti in queste pagine mettono in luce alcuni degli elementi che sono alla radice del giudizio estetico di un grande intellettuale del Novecento.

Quattro passi
0 0 0
Libros Modernos

Paolini, Giulio <1940->

Quattro passi : nel museo senza muse / Giulio Paolini

Torino : Einaudi, copyr. 2006

Resumen: Nei primi anni Settanta Giulio Paolini rappresentava sulla tela le tecniche e gli strumenti della pittura e del disegno; più tardi prese a studiare il rapporto tra le opere e lo spazio espositivo; infine passò all'utilizzo di citazioni della storia dell'arte, inserite nelle sue opere con innesti fotografici e testuali. Un percorso multiforme che è continuato nel teatro e non si è ancora richiuso in una definizione univoca, a testimonianza dell'inquietudine che continua a spingere l'artista a interrogarsi sul senso dell'arte, sul suo rapporto con il passato.

Vertigine della lista
5 0 0
Libros Modernos

Eco, Umberto <1932-2016>

Vertigine della lista / Umberto Eco

[Milano] : Bompiani, copyr. 2009

Resumen: Nell'Iliade appaiono due modi di rappresentazione. Il primo si ha quando Omero descrive lo scudo di Achille: è una forma compiuta e conchiusa in cui Vulcano ha rappresentato tutto quello che egli sapeva e che noi si sa su una città, il suo contado, le sue guerre i suoi riti pacifici. L'altro modo si manifesta quando il poeta non riesce a dire quanti e chi fossero tutti i guerrieri Achei: chiede aiuto alle muse, ma deve limitarsi al cosiddetto, e enorme, catalogo delle navi, che si conclude idealmente in un eccetera. Questo secondo modo di rappresentazione è la lista o elenco. Ci sono liste che hanno fini pratici e sono finite, come la lista di tutti i libri di una biblioteca; ma ve ne sono altre che vogliono suggerire grandezze innumerabili e che si arrestano incomplete ai confini dell'indefinito. Come mostra questo libro e l'antologia che esso raccoglie, la storia della letteratura di tutti i tempi è infinitamente ricca di liste, da Esiodo a Joyce, da Ezechiele a Gadda. Sono spesso elenchi stesi per il gusto stesso dell'enumerazione, per la cantabilità dell'elenco o, ancora, per il piacere vertiginoso di riunire tra loro elementi privi di rapporto specifico, come accade nelle cosiddette enumerazioni caotiche. Però con questo libro non si va solo alla scoperta di una forma letteraria di rado analizzata, ma si mostra anche come le arti figurative siano capaci di suggerire elenchi infiniti, anche quando la rappresentazione sembra severamente limitata dalla cornice del quadro.

Missione universale dell'arte
0 0 0
Libros Modernos

Steiner, Rudolf <1861-1925>

Missione universale dell'arte : il genio del linguaggio : il mondo dell'apparenza manifesta : otto conferenze tenute a Dornach dal 27 maggio al 9 giugno 1923 e a Oslo (Kristiania) il 18 e 20 maggio 1923 / Rudolf Steiner

2. ed. italiana

Milano : Editrice antroposofica, 2011

Il complotto dell'arte
0 0 0
Libros Modernos

Baudrillard, Jean <1929-2007>

Il complotto dell'arte / Jean Baudrillard ; traduzione di Laura Frausin Guarino ; con uno scritto di Sylvere Lotringer

SE, 2013

Resumen: Il complotto dell'arte" scritto da Baudrillard nel 1996, suscitando reazioni violente e un aspro dibattito, è uno spietato atto di accusa contro l'arte contemporanea, e un testo capitale, attualissimo nel dibattito, aspro oggi come allora, tra i suoi fautori e i suoi detrattori. "L'essenza dell'arte contemporanea", scrive Baudrillard, "sta in questo: rivendicare la nullità, l'insignificanza, il nonsenso, mirare alla nullità essendo già nulla. L'arte contemporanea si avvale dell'impossibilità di un giudizio estetico fondato, e specula sul senso di colpa di quanti non capiscono niente di ciò che essa produce, e non hanno capito che non c'era niente da capire.

L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica
0 0 0
Libros Modernos

Benjamin, Walter <1892-1940>

L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica / Walter Benjamin ; con un saggio di Massimo Cacciari ; a cura di Francesco Valagussa

5. ed.

Einaudi, 2014

Resumen: Tra il 1935 e il 1940, l'anno della sua morte, Benjamin lavorò a più riprese al suo saggio più importante: "L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica". Il saggio s'interroga sul destino dell'arte nel contesto delle trasformazioni radicali indotte dall'invenzione e dalla diffusione di nuovi dispositivi tecnologici quali la fotografia e il cinema. Con somma lucidità Benjamin coglie nel tratto che accomuna queste nuove forme dell'arte (la riproducibilità tecnica capace di annullare la distinzione tra originale e copia) lo sconvolgimento del tradizionale rapporto tra il pubblico e il mondo dell'arte. Soggetti della fruizione estetica, con la diffusione della macchina fotografica e soprattutto con il cinema, non sono più isolati individui che sprofondano nella contemplazione di un quadro o nella lettura di una poesia. Sono, piuttosto, le masse: una folla anonima, abituata tanto ai ritmi convulsi della produzione industriale quanto agli choc subiti nella quotidianità delle moderne metropoli. Ma la profetica analisi di Benjamin si spinge ben oltre l'ambito estetico. Negli stessi anni in cui nazismo e fascismo minacciavano di prevalere e di cancellare la buona tradizione europea, Benjamin vede profilarsi una nuova epoca del rapporto tra arte, tecnica e politica. Un'epoca che non concede spazio a sconsolati rimpianti per il cattivo tempo che fu e che riguarda il nostro stesso presente. Di qui la rinnovata attualità di questo saggio, che costituisce un momento decisivo di quella riflessione sul Moderno che Benjamin avvia nella grande opera, non terminata, sui Passages parigini. Seppur non incompiuto, il saggio sull'opera d'arte si presenta come caratterizzato da una pluralità di stesure e da un'avventurosa vicenda editoriale che ne fanno un lavoro ancora alla ricerca di uno sviluppo teorico e di un'esposizione adeguati alla complessità e profondità della sua intuizione originaria. Appunto allo spirito e alla lettera di tale complessità la presente edizione intende rimanere fedele, offrendo al lettore italiano le cinque stesure del saggio scritte tra l'autunno del 1935 e l'estate del 1936.

L' artista armato
0 0 0
Libros Modernos

Zecchi, Stefano <1945->

L' artista armato : contro i crimini della modernità / Stefano Zecchi

Mondadori, 1998

Resumen: Perché l'arte del Novecento è diventata incomprensibile? Perché gli sperimentalismi e la continua ricerca di novità hanno distrutto ogni forma di comunicazione fra artista e pubblico? Stefano Zecchi, uno dei fondatori del mitomodernismo, indaga sul significato e sul destino dell'artista e di chi usufruisce dell'opera d'arte.

Lo spettatore emancipato
0 0 0
Libros Modernos

Rancière, Jacques

Lo spettatore emancipato / Jacques Rancière ; edizione italiana a cura di Diletta Mansella

DeriveApprodi, 2018

Resumen: Chi guarda non sa vedere: questo è il presupposto che attraversa la storia della filosofia e dell'emancipazione, dalla caverna platonica alla debordiana società dello spettacolo. Per guarire lo spettatore da tale infermità, filosofi e rivoluzionari - e da alcuni decenni anche gli artisti - si troveranno accomunati nell'intento di strapparlo dalle illusioni percettive e conoscitive che ne farebbero un subalterno. Il libro di Jacques Rancière - tradotto in decine di lingue e ora disponibile anche in italiano - propone un integrale rovesciamento: l'emancipazione della quale la figura dello spettatore è portatrice passa per lo sguardo e la passività, per un diverso uso delle capacità di percepire che sono di ciascuno e la possibilità di tradurre in pensiero o in azione anche ciò che si guarda senza conoscere. Da questa prospettiva, quella di una comune incapacità e di una comune ignoranza, si tratta di definire proprio altre capacità e altri saperi, passando da un mondo sensibile dato a un altro mondo sensibile. Nella produzione di questo dissenso, che manderà in frantumi un mondo comune creandone un altro, il ruolo che vi è svolto dall'arte è quanto questo libro si propone di indagare.

L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica
0 0 0
Libros Modernos

Benjamin, Walter <1892-1940>

L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica / Walter Benjamin

Einaudi, 1966

Resumen: Tra il 1935 e il 1940, l'anno della sua morte, Benjamin lavorò a più riprese al suo saggio più importante: "L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica". Il saggio s'interroga sul destino dell'arte nel contesto delle trasformazioni radicali indotte dall'invenzione e dalla diffusione di nuovi dispositivi tecnologici quali la fotografia e il cinema. Con somma lucidità Benjamin coglie nel tratto che accomuna queste nuove forme dell'arte (la riproducibilità tecnica capace di annullare la distinzione tra originale e copia) lo sconvolgimento del tradizionale rapporto tra il pubblico e il mondo dell'arte. Soggetti della fruizione estetica, con la diffusione della macchina fotografica e soprattutto con il cinema, non sono più isolati individui che sprofondano nella contemplazione di un quadro o nella lettura di una poesia. Sono, piuttosto, le masse: una folla anonima, abituata tanto ai ritmi convulsi della produzione industriale quanto agli choc subiti nella quotidianità delle moderne metropoli. Ma la profetica analisi di Benjamin si spinge ben oltre l'ambito estetico. Negli stessi anni in cui nazismo e fascismo minacciavano di prevalere e di cancellare la buona tradizione europea, Benjamin vede profilarsi una nuova epoca del rapporto tra arte, tecnica e politica. Un'epoca che non concede spazio a sconsolati rimpianti per il cattivo tempo che fu e che riguarda il nostro stesso presente. Di qui la rinnovata attualità di questo saggio, che costituisce un momento decisivo di quella riflessione sul Moderno che Benjamin avvia nella grande opera, non terminata, sui Passages parigini. Seppur non incompiuto, il saggio sull'opera d'arte si presenta come caratterizzato da una pluralità di stesure e da un'avventurosa vicenda editoriale che ne fanno un lavoro ancora alla ricerca di uno sviluppo teorico e di un'esposizione adeguati alla complessità e profondità della sua intuizione originaria. Appunto allo spirito e alla lettera di tale complessità la presente edizione intende rimanere fedele, offrendo al lettore italiano le cinque stesure del saggio scritte tra l'autunno del 1935 e l'estate del 1936.

Lezioni private 2
0 0 0
Libros Modernos

Sgarbi, Vittorio <1952->

Lezioni private 2 / Vittorio Sgarbi

Milano : Mondadori, 1998

Vere presenze
0 0 0
Libros Modernos

Steiner, George <1929-2020>

Vere presenze / George Steiner

Milano : Garzanti, 1998

Resumen: Agli studenti bisogna dire di non leggere le critiche, ma di leggere i testi. Tutto il mio libro è un grido d'orrore per ciò che accade nel mondo universitario. I miei studenti a Cambridge hanno un esame in cui discutono l'opinione di T.S. Elliot su Dante senza dovere leggere Dante, un solo verso di Dante. (...) Quello che ci vuole è un'interpretazione dinamica, un'interpretazione che sia azione e non passività. Leggere la critica, leggere i testi secondari, significa essere passivi, come davanti alla televisione; significa rinunciare alla responsabilità dell'azione. (George Steiner da un'intervista su Linea d'ombra)

Teoria generale della critica
0 0 0
Libros Modernos

Brandi, Cesare <1906-1988>

Teoria generale della critica / Cesare Brandi

Torino : Einaudi, 1975

L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica
0 0 0
Libros Modernos

Benjamin, Walter <1892-1940>

L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica / Walter Benjamin ; prefazione di Cesare Cases ; traduzione di Enrico Filippini ; con una nota di Paolo Pullega

[Nuova ed.]

Einaudi, 1991

Resumen: Tra il 1935 e il 1940, l'anno della sua morte, Benjamin lavorò a più riprese al suo saggio più importante: "L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica". Il saggio s'interroga sul destino dell'arte nel contesto delle trasformazioni radicali indotte dall'invenzione e dalla diffusione di nuovi dispositivi tecnologici quali la fotografia e il cinema. Con somma lucidità Benjamin coglie nel tratto che accomuna queste nuove forme dell'arte (la riproducibilità tecnica capace di annullare la distinzione tra originale e copia) lo sconvolgimento del tradizionale rapporto tra il pubblico e il mondo dell'arte. Soggetti della fruizione estetica, con la diffusione della macchina fotografica e soprattutto con il cinema, non sono più isolati individui che sprofondano nella contemplazione di un quadro o nella lettura di una poesia. Sono, piuttosto, le masse: una folla anonima, abituata tanto ai ritmi convulsi della produzione industriale quanto agli choc subiti nella quotidianità delle moderne metropoli. Ma la profetica analisi di Benjamin si spinge ben oltre l'ambito estetico. Negli stessi anni in cui nazismo e fascismo minacciavano di prevalere e di cancellare la buona tradizione europea, Benjamin vede profilarsi una nuova epoca del rapporto tra arte, tecnica e politica. Un'epoca che non concede spazio a sconsolati rimpianti per il cattivo tempo che fu e che riguarda il nostro stesso presente. Di qui la rinnovata attualità di questo saggio, che costituisce un momento decisivo di quella riflessione sul Moderno che Benjamin avvia nella grande opera, non terminata, sui Passages parigini. Seppur non incompiuto, il saggio sull'opera d'arte si presenta come caratterizzato da una pluralità di stesure e da un'avventurosa vicenda editoriale che ne fanno un lavoro ancora alla ricerca di uno sviluppo teorico e di un'esposizione adeguati alla complessità e profondità della sua intuizione originaria. Appunto allo spirito e alla lettera di tale complessità la presente edizione intende rimanere fedele, offrendo al lettore italiano le cinque stesure del saggio scritte tra l'autunno del 1935 e l'estate del 1936.

Scritti di poesia e di estetica
0 0 0
Libros Modernos

Wackenroder, Wilhelm Heinrich

Scritti di poesia e di estetica / W. H. Wackenroder ; introduzione e traduzione di Bonaventura Tecchi

Firenze : Sansoni, copyr. 1967

Ideali e idoli
0 0 0
Libros Modernos

Gombrich, Ernst Hans <1909-2001>

Ideali e idoli : i valori nella storia e nell'arte / Ernst H. Gombrich

Torino : Einaudi, copyr. 1986

Lezioni private 2
0 0 0
Libros Modernos

Sgarbi, Vittorio <1952->

Lezioni private 2 / Vittorio Sgarbi

Milano : A. Mondadori, 1996

Saggi sull'arte, la letteratura e il linguaggio
0 0 0
Libros Modernos

Freud, Sigmund <1856-1939>

Saggi sull'arte, la letteratura e il linguaggio / Sigmund Freud

Torino : Bollati Boringhieri, [1991?]

Guardare, ascoltare, leggere
0 0 0
Libros Modernos

Lévi-Strauss, Claude <1908-2009>

Guardare, ascoltare, leggere / Claude Levi-Strauss

Milano : Il saggiatore, 1997

Scritti sull' arte e sulla letteratura
0 0 0
Libros Modernos

Goethe, Johann Wolfgang von <1749-1832>

Scritti sull' arte e sulla letteratura / Johann Wolfgang Goethe ; a cura di Stefano Zecchi

Torino : Bollati Boringhieri, 1992

Resumen: Il volume raccoglie saggi, dialoghi, lettere e appunti mai riuniti prima d'ora in un volume e che spaziano dall'architettura, alla poesia, all'arte drammatica, dall'arte greca a quella indiana e cinese. Goethe chiarisce così i punti nodali della sua opera e la sua idea di un'arte e di una letteratura che, sole, possono offrire un ritratto onnicomprensivo del mondo.