Include: all following filters
× Languages Classical Greek (until 1453)
× Date 1995
× Publisher Garzanti <casa editrice>
Include: none of the following filters
× Country it bs

Found 3 documents.

Vita di Demostene
0 0 0
Modern linguistic material

Plutarchus <50-dopo il 120>

Vita di Demostene ; Vita di Cicerone / Plutarco ; introduzione, traduzione e note di Annalaura Burlando

[Milano] : Garzanti, 1995

Abstract: In questa coppia di Vite Plutarco mette a confronto due maestri dell'oratoria, due campioni della libertà contro la tirannia e l'oppressione. Il romano Cicerone (106-43 a.C), forse il più grande politico che Roma abbia conosciuto, incarnazione stessa degli ideali repubblicani. È il modello comune a tutta l'oratoria politica, Demostene (384-322 a.C), sferzante voce delle città-stato greche contro le armate di Filippo di Macedonia. Ma ancor prima della statura storica dei due personaggi, l'arte di Plutarco permette al lettore moderno di cogliere le pieghe più nascoste e sconosciute di due uomini, riportandoli a una vera dimensione esemplare.

Racconti fantastici
0 0 0
Modern linguistic material

Lucianus <circa 120-180/192>

Racconti fantastici / Luciano ; introduzione di Fulvio Barberis ; traduzione e note di Maurizia Matteuzzi

Nuova ed

Milano : Garzanti, 1995

Abstract: Il volume raccoglie sei racconti fantastici di Luciano: La nave ovvero i desideri, Icaromenippo ovvero un viaggio tra le nuvole, Il pescatore ovvero i redivivi, I patiti della menzogna ovvero lo scettico, Timone ovvero il misantropo e la famosissima Storia vera). Il volume è corredato dall'introduzione di Fulvio Barberis, in cui vengono presentati la vita, le opere, l'ambiente culturale in cui Luciano di Samosata visse e la fortuna critica.

Oreste
0 0 0
Modern linguistic material

Euripides <485 a.C.-407/406 a.C.> - Euripides <485 a.C.-407/406 a.C.>

Oreste ; Ifigenia in Aulide / Euripide ; introduzione e traduzione di Umberto Albini ; note di Fulvio Barberis

[Milano] : Garzanti, 1995

Abstract: Testo originale a fronte. Introduzione di Umberto Albini. Oreste, complice la sorella Elettra, ha ucciso la madre Clitennestra per vendicare l'assassinio di Agamennone e, colpito dalle Erinni, giace delirante. La città di Argo deve decidere la pena per i matricidi. L'amico Pilade è deciso a condividere la loro sorte. Prima di morire i tre decidono di vendicarsi di Elena e di Menelao. Gli dei salvano Elena e Oreste sarà salvato dall'Areopago. Ifigenia è destinata dal padre al sacrificio e viene chiamata all'accampamento col pretesto di farla sposare ad Achille. La fanciulla, saputa la verità, accetta di sacrificarsi per salvare l'esercito, ma viene salvata dalla dea, sostituita da una cerva e assunta al proprio servizio.