Animali

(Argomento)

Note:
  • Gli organismi viventi dotati di sensi e capaci di moto, escluso l'uomo
Thesaurus
Rinvio da (UF)
Più generale (BT)
Più specifico (NT)
Vedi anche (RT)

Opere collegate

Found 6397 documents.

Related search results: Rete Bibliotecaria Bergamasca

Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare
3 1 0
Modern linguistic material

Sepúlveda, Luis <1949-2020>

Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare : romanzo / Luis Sepulveda ; traduzione di Ilide Carmignani ; illustrazioni di Simona Mulazzani

Salani, copyr. 1996

Abstract: I gabbiani sorvolano la foce dell'Elba, nel mare del Nord. Banco di aringhe a sinistra stride il gabbiano di vedetta e Kengah si tuffa. Ma quando riemerge, il mare è una distesa di petrolio. A stento spicca il volo, raggiunge la terra ferma, ma poi stremata precipita su un balcone di Amburgo. C'è un micio nero di nome Zorba su quel balcone, un grosso gatto cui la gabbiana morente affida l'uovo che sta per deporre, non prima di aver ottenuto dal gatto solenni promesse: che lo coverà amorevolmente, che non si mangerà il piccolo e che, soprattutto, gli insegnerà a volare. E se per mantenere le prime due promesse sarà sufficiente l'amore materno di Zorba, per la terza ci vorrà una grande idea e l'aiuto di tutti.

Chi dorme nel lettone?
0 0 0
Modern linguistic material

Straßer, Susanne <1976->

Chi dorme nel lettone? / Susanne Strasser

Terre di mezzo, 2021

Abstract: Gli animali dormono tutti della grossa, solo la foca è sveglia: le scappa la pipì! Allora salta giù dal letto ed esce dalla stanza. Ma poi, uno a uno, si svegliano anche gli altri: c’è chi ha sete, chi si è dimenticato di lavarsi i denti, chi vuole il coniglio di peluche. O forse sono solo scuse per un altro bacino della buonanotte?

La mia famiglia e altri animali
4 1 0
Modern linguistic material

Durrell, Gerald <1925-1995>

La mia famiglia e altri animali / Gerald Durrell ; traduzione di Adriana Motti

Milano : Adelphi, 1990

La scelta
4 0 0
Modern linguistic material

Sparks, Nicholas <1965->

La scelta / Nicholas Sparks ; traduzione di Alessandra Petrelli

[Milano] : Frassinelli, copyr. 2008

Abstract: Travis è un giovane, affascinante veterinario, convinto di non essere destinato alle relazioni a lungo termine. Gabby è una deliziosa pediatra, con tutte le carte in regola per spingerlo a cambiare idea, ma - purtroppo - anche un fidanzato. Dopo un primo, burrascoso incontro, pian piano i due si avvicinano al punto da capire di non poter fare a meno l'uno dell'altra... Un giorno, però, accade l'irreparabile e la vita di lui subisce una drammatica svolta. Straziato dal dolore e dilaniato dai dubbi, l'uomo continua a porsi lo stesso, angosciante interrogativo: fino a che punto si può arrivare per amore?

Vacanze all'isola dei gabbiani
0 0 0
Modern linguistic material

Lindgren, Astrid <1907-2002>

Vacanze all'isola dei gabbiani / Astrid Lindgren ; illustrazioni di Grazia Nidasio

Firenze : Salani, copyr. 1996

Abstract: Un padre svagato, quattro figli pieni di personalità, gli abitanti dell'isola, tanti animali (cani, foche, conigli, pecore) avventure col cielo sereno e con la tempesta: un mondo reale e nelle stesso tempo magico. Il racconto si sviluppa in una serie di avventure: il primo amore di Karin, la sorella-mamma dei tre ragazzi, le escursioni e le marachelle di Niklas e Johan, la triste sorte del coniglio di Pelle e le comiche avventure dello sbadato padre.

Il sentiero
0 0 0
Modern linguistic material

Dubuc, Marianne <1980->

Il sentiero / Marianne Dubuc ; traduzione di Paolo Cesari

Orecchio acerbo, 2018

Abstract: Il mondo è magnifico da lassù! Ogni domenica la signora Tasso percorre il sentiero che conduce al Pan di zucchero. Ma oggi qualcuno la sta osservando...

Vol. 2: [Congelano di brutto]
5 0 0
Modern linguistic material

Lupano, Wilfrid <1971-> - Itoïz, Mayana <1978->

Vol. 2: [Congelano di brutto]

Abstract: Nella foresta l'inverno è arrivato, portando con sé la neve e un freddo tremendo. Per fortuna gli animali sanno come prepararsi alla nuova stagione: alcuni si rifugiano al calduccio dentro casa, altri si imbacuccano per bene per sciare o giocare nella neve, altri ancora si ristorano con una fonduta di formaggio calda e filante. Gli affari vanno a gonfie vele: il freddo, si sa, fa venir fame e così, oltre ai piumini, si vendono più formaggi, più pane e nocciole. Ma non per tutti le cose vanno bene. Vi ricordate il lupo? Un tempo considerato il terrore della foresta (v. Il lupo in mutanda 1), aveva alla fine fatto amicizia con gli altri animali rivelandosi gentile, innocuo e simpatico. Ma se si fossero tutti sbagliati? Se dietro la sua maschera bonaria, il lupo fosse davvero malvagio? Da qualche tempo, infatti, non sembra più lui: a chiunque gli chieda come sta, risponde con uno sguardo cupo e minaccioso: "Non va", e poi aggiunge: "Congelano". Ma chi, o cosa, potrà mai congelare? Lui di certo non dovrebbe patire il freddo perché indossa la sua mutanda (che sembra davvero molto calda). Forse ha freddo ai piedi? Gli si congelano le orecchie? Gli animali fanno varie ipotesi e cercano le soluzioni, regalando al lupo prima un paio di calzettoni e poi un berretto. Ma niente da fare: lui continua a fare la faccia torva e a ripetere: "Congelano". Per di più, gli animali incaricati di consegnargli i doni spariscono nel nulla e comincia a circolare la voce che lui se li sia mangiati. Così gli abitanti della foresta, guidati dalla brigata anti-lupo, fanno irruzione a casa sua dove scopriranno però una realtà molto diversa da quella che temevano, e impareranno una nuova lezione.

Gisella pipistrella
0 1 0
Modern linguistic material

Willis, Jeanne <1959-> - Ross, Tony <1938->

Gisella pipistrella / Jeanne Willis e Tony Ross

Il castoro, copyr. 2007

Abstract: I giovani animali della foresta pensano che Gisella pipistrella sia matta. Perché dice che il tronco dell'albero sta sopra e le foglie stanno sotto? Per fortuna il Saggio Gufo sa che il mondo non è sempre uguale: dipende dal nostro punto di vista

La migliore mamma del mondo
0 0 0
Modern linguistic material

Perez, Sébastien <1975-> - Lacombe, Benjamin <1982->

La migliore mamma del mondo / testi Sébastien Perez ; illustrazioni Benjamin Lacombe

L'Ippocampo, 2022

Abstract: Questo album di grande formato presenta 17 ritratti di mamme del regno animale. Tra queste, chi sarà mai la migliore mamma del mondo? Mamma ragno, che si sacrifica letteralmente per i suoi piccoli? O Mamma cuculo che, ben conscia di non essere all’altezza, preferisce affidare a un’altra la cura del suo pulcino? In questo inventario della maternità – o piuttosto delle maternità – nel regno animale e nelle sue infinite varietà, l'autore gioca con umorismo e poesia sui diversi registri dell’essere madre. Quanto all'illustratore, si lascia trasportare dal suo talento per onorare l’indefettibile istinto materno attraverso tenere tavole. Il messaggio si vuole semplice e universale. Una sola cosa sembra riunire tutte le madri, al di là della specie: l’amore incondizionato che portano alla loro prole.

Una casetta troppo stretta
0 0 0
Modern linguistic material

Donaldson, Julia <1948-> - Scheffler, Axel <1957->

Una casetta troppo stretta / scritto da Julia Donaldson ; illustrato da Axel Scheffler

[San Dorligo della Valle] : Emme, copyr. 2003

Abstract: Una vecchietta se ne va brontolando che la sua casetta le sta troppo stretta. Ma con il consiglio di un vecchio saggio e l'aiuto di una gallina, una capra, un maiale e una mucca, scoprirà che in realtà non è proprio così

L' ultimo lupo
3 2 0
Modern linguistic material

Milani, Mino <1928-2022>

L' ultimo lupo / Mino Milani ; illustrazioni di Carmen Lucini

Casale Monferrato : Piemme junior, 1993

Abstract: Enzo è un ragazzo senza interessi e senza desideri, che pensa di non avere nulla da imparare dal vecchio zio. Due giorni con lui però cambiano completamente le sue prospettive. Enzo sa che non avrà mai più occasione di rivedere lo zio, ma sa anche che quello è stato l'incontro più importante della sua vita

Il testimone chiave
0 0 0
Modern linguistic material

Savioli, Sarah <1974->

Il testimone chiave / Sarah Savioli

Feltrinelli, 2021

Abstract: Anna, Cantoni e Tonino vengono ingaggiati dai figli di un anziano suicida, Luigi Barani, per investigare su una possibile truffa testamentaria. Barani, industriale vedovo molto benvoluto, ha disposto infatti un lascito in denaro a favore della collaboratrice domestica e i due figli sono convinti che la donna abbia manipolato il padre a suo favore. Grazie al suo talento molto speciale, Anna trova ben presto il modo di interrogare il cane di Barani – un carlino con l’idea fissa del sesso –, scoprendo che la domestica è innocente, ma soprattutto che qualcosa di ben più grave si annida in quella morte. La sera del presunto suicidio il vecchio industriale non era solo in casa: una persona lo ha raggiunto e i due hanno avuto una breve conversazione – poche parole, dopo le quali Barani si è impiccato come eseguendo un ordine. La polizia, però, decide di non riaprire il caso: Cantoni non può certo dire che il suo testimone chiave è un cane, in fondo il suicidio di un anziano solo non stupisce nessuno... L’Agenzia si ritrova a proseguire in solitaria le indagini su incarico della collaboratrice domestica, che non ha mai creduto all’ipotesi del suicidio, mentre il carlino, fiutando che i figli del suo ex padrone hanno intenzione di castrarlo, fugge prima di svelare ad Anna altre informazioni decisive per la risoluzione del caso. Oltre all’indagine e all’indaffarato trantran casalingo con il marito Alessandro, il piccolo Luca e il gatto Banzai, Anna deve fare i conti con il padre, che si ammala, ha bisogno di lei e con il quale c’è tutta una vita da trattare da capo, vecchie ferite da ricucire e nuove forme di comunicazione da costruire. Per fortuna però, sia nella vita privata sia sul lavoro, può avvalersi dello sguardo non convenzionale degli animali di sempre e di quelli incontrati lungo la risoluzione di questo difficile caso: il cane carlino erotomane, una gatta junghiana frustrata dalla convivenza con una psicologa freudiana, una lucertola che si interroga sull’evoluzione del genere umano, un gruppo di pipistrelli che passa da un rave all’altro...

Il gufo che aveva paura del buio
0 0 0
Modern linguistic material

Tomlinson, Jill <1931-1976>

Il gufo che aveva paura del buio / Jill Tomlinson ; traduzione di Michele Piumini ; illustrazioni di Anna Laura Cantone

Milano : Feltrinelli, 2005

Abstract: In questo classico per l'infanzia il protagonista è il gufetto Tombolo che contrariamente alla sua natura ha paura del buio e si rifiuta dì volare di notte per andare a caccia con il suo papa. Con l'aiuto della mamma,Tombolo affronta e supera tutte le sue paure acquistando la fiducia in se stesso. Infatti, conoscendo ciò che ci è ignoto si smette di temerlo.

Abbaiare stanca
4 0 0
Modern linguistic material

Pennac, Daniel <1944->

Abbaiare stanca / Daniel Pennac ; illustrazioni di Cinzia Ghigliano

Firenze : Salani, copyr. 1993

Abstract: Non si può certo dire che Il Cane sia uno splendore: un bastardino senza arte né parte che un giorno decide di abbandonare l'accogliente deposito della spazzatura dove è cresciuto per andare in cerca di fortuna a Parigi. E convivere con gli esseri umani non è facile per un cane che non sia ‘di razza’: anche quando crede di avere trovato ‘il padrone ideale’, i guai non sono finiti. Perché, per educare come si deve i padroni umani, bisogna ricorrere ad astuzia, coraggio e determinazione. Daniel Pennac capisce dei cani ogni pensiero, ogni tristezza, ogni desiderio. Quando avremo letto la storia di Il Cane – con due maiuscole, perché è il cane per eccellenza – sapremo non solo tutto sul suo mondo, ma impareremo anche molto su quello degli uomini: come appaiono agli occhi del cane, imprevedibili e traditori, e quanto debbano venire ammaestrati. Da uno scrittore cult, un inno all'amicizia tra uomo e cane, una storia sull'amore, la paura e la voglia di libertà.

Cipì
0 0 0
Modern linguistic material

Lodi, Mario <1922-2014>

Cipì / Mario Lodi e i suoi ragazzi

[Trieste] : Einaudi ragazzi, copyr. 1992

Abstract: La storia di Cipì, il passero curioso e coraggioso che scopre il mondo, diventa amico del sole e di un fiore, sopravvive agli attacchi del gatto e dell'uomo e smaschera infine un pericoloso incantatore, è una storia che accompagna da oltre cinquant'anni intere generazioni di bambini. È nato, come altre opere di questo maestro-autore, da un dialogo con gli alunni in un'aula di scuola, osservando il mondo dalla finestra, senza buonismi ma senza dimenticare che valori come l'amicizia, la speranza e la libertà si possono trovare ovunque. Al di là della finestra della loro aula, i ragazzi di una piccola scuola di campagna hanno scoperto e annotato via via, nel corso dell'anno, la vita dei passeri sui tetti, nei cortili, negli orti. È nata così l'idea di scrivere insieme la loro storia. Protagonisti del racconto sono, con Cipì e la sua compagna Passerì, un gatto, una margherita-poeta, tanti altri passeri e farfalle; e soprattutto il sole, le nuvole, la pioggia, tutta la natura con l'eterno ciclo delle stagioni. Il libro narra la scoperta del mondo con i pericoli e gli ostacoli che i protagonisti affrontano con la sola forza vitale dei valori universali: l'amicizia, la solidarietà, la libertà. Nella società di oggi, che sembra averli dimenticati, Cipì propone ai bambini la realtà positiva dei valori umani più alti.

Affamato come un lupo
0 0 0
Modern linguistic material

Borando, Silvia <1986->

Affamato come un lupo / Silvia Borando

Minibombo, 2018

Abstract: Si dice che nel bosco ci sia un lupo affamato. Sarà il caso di crederci?

Il gabbiano Jonathan Livingston
2 0 0
Modern linguistic material

Bach, Richard <1936->

Il gabbiano Jonathan Livingston / Richard Bach ; fotografie di Russell Munson ; traduzione di Pier Francesco Paolini

Milano : Rizzoli, 1977

Abstract: Jonathan Livingston è un gabbiano che abbandona la massa dei comuni gabbiani per i quali volare non è che un semplice e goffo mezzo per procurarsi il cibo e impara a eseguire il volo come atto di perizia e intelligenza, fonte di perfezione e di gioia. Diventa così un simbolo, la guida ideale di chi ha la forza di ubbidire alla propria legge interiore; di chi prova un piacere particolare nel far bene le cose a cui si dedica. E con Jonathan il lettore viene trascinato in un'entusiasmante avventura di volo, di aria pura, di libertà.

Bravo, burro!
0 0 0
Modern linguistic material

Fante, John <1909-1983>

Bravo, burro! / John Fante ; e Rudolph Borchert ; illustrazioni di Marilyn Hirsh ; a cura e traduzione di Francesco Durante

Einaudi, 2010

Abstract: È la storia, allegra e toccante, di un bambino e del suo asinelio coraggioso. E di una formidabile alleanza che permetterà di ricondurre al suo recinto un meraviglioso toro da combattimento e redimere un padre alla deriva. Ambientata in un Messico da favola, bonario e festevole, trafelato e pittoresco e, in fondo, anche un po' italiano, in origine avrebbe dovuto servire da base per un episodio di It's All True, il grande progetto cinematografico interrotto di Orson Welles, e fu scritta da Fante in collaborazione con lo sceneggiatore Rudolph Borchert e arricchita dalle illustrazioni di Marilyn Hirsh. Un Fante diverso, in apparenza. In realtà, un testo che più fantiano sarebbe difficile immaginare: centrato, come nella saga di Bandini, sul difficile rapporto tra padre e figlio, e di pieno umorismo, di commovente umanità.

Il colibrì che salvò l'Amazzonia
5 0 0
Modern linguistic material

Raisson, Gwendoline <1972-> - Pianina, Vincent <1985->

Il colibrì che salvò l'Amazzonia / Gwendoline Raisson, Vincent Pianina ; traduzione di Simona Mambrini

Babalibri, 2020

Abstract: Un giorno, dall'Amazzonia si leva una strana colonna di fumo nero. «Che cos'è?» si chiede il pappagallo. «È solo una nuvola» risponde il tamarino. «Non mi avrete disturbato per così poco?» si lamenta l'armadillo. Il serpente spalanca gli occhi ma non vede nulla e il bradipo si limita a sbadigliare. In pratica, tutti gli animali della foresta minimizzano o ironizzano o hanno di meglio da fare. Solo il colibrì, l'uccello più piccolo del mondo, ha il coraggio di andare a vedere. È un incendio! Che cosa si può fare? Forse è già troppo tardi e tutto è perduto? Il colibrì però ha un'idea... Storia ispirata a una leggenda dei nativi americani.

Possiamo salvare il mondo, prima di cena
4 0 0
Modern linguistic material

Foer, Jonathan Safran <1977->

Possiamo salvare il mondo, prima di cena : perché il clima siamo noi / Jonathan Safran Foer ; traduzione di Irene Abigail Piccinini

Guanda, 2019

Abstract: Qualcuno si ostina a liquidare i cambiamenti climatici come fake news, ma la gran parte di noi è ben consapevole che se non modifichiamo radicalmente le nostre abitudini l’umanità andrà incontro al rischio dell’estinzione di massa. Lo sappiamo, eppure non riusciamo a crederci. E di conseguenza non riusciamo ad agire. Il problema è che l’emergenza ambientale non è una storia facile da raccontare e, soprattutto, non è una buona storia: non spaventa, non affascina, non coinvolge abbastanza da indurci a cambiare la nostra vita. Per questo rimaniamo indifferenti, o paralizzati: la stessa reazione che suscitò Jan Karski, il «testimone inascolta­to», quando cercò di svelare l’orro­re dell’Olocausto e non fu creduto. In tempo di guerra, veniva chiesto ai cittadini di contribuire allo sforzo bellico: ma qual è il confine tra rinuncia e sacrificio, quando in gioco c’è la nostra sopravvivenza, o la ­sopravvivenza dei nostri figli? E quali sono le rinunce necessarie, adesso, per salvare un mondo ormai trasformato in una immensa fattoria a cielo aperto? Nel suo nuovo libro, Jonathan Safran Foer mette in campo tutte le sue risorse di scrittore per raccontare, con straordinario impatto emotivo, la crisi climatica che è anche «crisi della nostra capacità di credere», mescolando in modo originalissimo storie di famiglia, ri­cordi personali, episodi biblici, dati scienti­fici rigorosi e suggestioni futuristiche. Un libro unico, che parte dalla volontà di «convincere degli sconosciuti a fare qualcosa» e termina con un messaggio rivolto ai figli, ai quali ciascun genitore – non solo a parole, ma con le proprie scelte – spera di riuscire a insegnare «la differenza tra correre verso la morte, correre per sfuggire alla morte e correre verso la vita».