973.932092 Storia degli Stati Uniti. 2009-2017. Persone [22]

(Classe)

Found 42 documents.

Becoming
0 1 0
Modern linguistic material

Obama, Michelle <1964->

Becoming : la mia storia / Michelle Obama ; traduzione di Chicca Galli

Garzanti, 2018

Abstract: Quando era solo una bambina, per Michelle Robinson l'intero mondo era racchiuso nel South Side di Chicago, dove lei e il fratello Craig condividevano una cameretta nel piccolo appartamento di famiglia e giocavano a rincorrersi al parco. È stato qui che i suoi genitori, Fraser e Marian Robinson, le hanno insegnato a parlare con schiettezza e a non avere paura. Ma ben presto la vita l'ha portata molto lontano, dalle aule di Princeton, dove ha imparato per la prima volta cosa si prova a essere l'unica donna nera in una stanza, fino al grattacielo in cui ha lavorato come potente avvocato d'affari e dove, la mattina di un giorno d'estate, uno studente di giurisprudenza di nome Barack Obama è entrato nel suo ufficio sconvolgendole tutti i piani. In questo libro, per la prima volta, Michelle Obama descrive gli inizi del matrimonio, le difficoltà nel trovare un equilibrio tra la carriera, la famiglia e la rapida ascesa politica del marito. Ci confida le loro discussioni sull'opportunità di correre per la presidenza degli Stati Uniti, e racconta della popolarità vissuta - e delle critiche ricevute - durante la campagna elettorale. Con grazia, senso dell'umorismo e una sincerità non comune, Michelle Obama ci offre il vivido dietro le quinte di una famiglia balzata all'improvviso sotto i riflettori di tutto il mondo e degli otto anni decisivi trascorsi alla Casa Bianca, durante i quali lei ha conosciuto meglio il suo Paese, e il suo Paese ha conosciuto meglio lei. "Becoming" ci conduce in un viaggio dalle modeste cucine dell'Iowa alle sale da ballo di Buckingham Palace, tra momenti di indicibile dolore e prove di tenace resilienza, e ci svela l'animo di una donna unica e rivoluzionaria che lotta per vivere con autenticità, capace di mettere la sua forza e la sua voce al servizio di alti ideali. Nel raccontare con onestà e coraggio la sua storia, Michelle Obama lancia una sfida a tutti noi: chi siamo davvero e chi vogliamo diventare?

I sogni di mio padre
0 0 0
Modern linguistic material

Obama, Barack <1961->

I sogni di mio padre : un racconto sulla razza e l'eredità / Barack Obama ; traduzione di Cristina Cavalli e Gianni Nicola

Roma : Nutrimenti, 2007

Abstract: Un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio fino in Kenya, dove è nato e cresciuto suo padre, dove vive tuttora sua nonna. In I sogni di mio padre, Barack Obama racconta i primi trent'anni della sua vita. Un difficile cammino di riscoperta della sua cultura e identità di afro-americano nato da un uomo nero e da una donna bianca, cresciuto alle Hawaii e che, contro il destino già segnato di molti americani neri, ha conosciuto una folgorante ascesa politica fino all'elezione al Senato degli Stati Uniti. Un viaggio difficile e sofferto, che inizia a New York, quando il ventunenne Obama viene a sapere che il padre è morto per un incidente d'auto, e che passa prima in Kansas, nella cittadina dove è nata la madre, poi alle Hawaii, suo luogo di nascita, infine in Kenya, alla scoperta della misteriosa metà africana. Un'autobiografia senza reticenze, senza ipocrisie, scritta prima della sua ascesa politica, che racconta senza veli vicende private di samrrimento e confusione, ma anche le difficoltà della società americana e dei suoi giovani di colore.

Becoming
0 0 0
Modern linguistic material

Obama, Michelle <1964->

Becoming / Michelle Obama

Viking, 2018

Abstract: Quando era solo una bambina, per Michelle Robinson l'intero mondo era racchiuso nel South Side di Chicago, dove lei e il fratello Craig condividevano una cameretta nel piccolo appartamento di famiglia e giocavano a rincorrersi al parco. È stato qui che i suoi genitori, Fraser e Marian Robinson, le hanno insegnato a parlare con schiettezza e a non avere paura. Ma ben presto la vita l'ha portata molto lontano, dalle aule di Princeton, dove ha imparato per la prima volta cosa si prova a essere l'unica donna nera in una stanza, fino al grattacielo in cui ha lavorato come potente avvocato d'affari e dove, la mattina di un giorno d'estate, uno studente di giurisprudenza di nome Barack Obama è entrato nel suo ufficio sconvolgendole tutti i piani. In questo libro, per la prima volta, Michelle Obama descrive gli inizi del matrimonio, le difficoltà nel trovare un equilibrio tra la carriera, la famiglia e la rapida ascesa politica del marito. Ci confida le loro discussioni sull'opportunità di correre per la presidenza degli Stati Uniti, e racconta della popolarità vissuta - e delle critiche ricevute - durante la campagna elettorale. Con grazia, senso dell'umorismo e una sincerità non comune, Michelle Obama ci offre il vivido dietro le quinte di una famiglia balzata all'improvviso sotto i riflettori di tutto il mondo e degli otto anni decisivi trascorsi alla Casa Bianca, durante i quali lei ha conosciuto meglio il suo Paese, e il suo Paese ha conosciuto meglio lei. "Becoming" ci conduce in un viaggio dalle modeste cucine dell'Iowa alle sale da ballo di Buckingham Palace, tra momenti di indicibile dolore e prove di tenace resilienza, e ci svela l'animo di una donna unica e rivoluzionaria che lotta per vivere con autenticità, capace di mettere la sua forza e la sua voce al servizio di alti ideali. Nel raccontare con onestà e coraggio la sua storia, Michelle Obama lancia una sfida a tutti noi: chi siamo davvero e chi vogliamo diventare?

I sogni di mio padre
0 0 0
Modern linguistic material

Obama, Barack <1961->

I sogni di mio padre / Barack Obama ; traduzione di Cristina Cavalli, Gianni Nicola

Garzanti, 2019

Abstract: Barack Obama racconta i primi trent'anni della sua vita, la storia non facile di un americano nato dal matrimonio fra un uomo di colore, proveniente dal Kenya, e una donna bianca, originaria di una piccola cittadina del Kansas. I sogni di mio padre è un'autobiografia senza reticenze, senza diplomazie o ipocrisie, a ulteriore testimonianza della forza e della novità del linguaggio di Obama, anche perché scritta prima della sua fulminea carriera politica. Una storia che in un linguaggio vivo e diretto, senza veli, racconta più di tanti saggi le difficoltà della società americana e dei suoi giovani di colore. Un viaggio, quello alla scoperta della propria identità, che inizia quando, appena ventunenne, Obama viene raggiunto dalla notizia della morte del padre. Il presidente degli Stati Uniti ripercorre così la sua infanzia alle Hawaii, dove nasce e dove dopo pochi anni rimane solo con la madre, quando il padre decide di tornare in Africa dalla famiglia d'origine. Non tace sulla difficile adolescenza quando, confuso sulla propria identità, rischia di smarrirsi fra droghe e gang giovanili. E racconta infine il viaggio in Kenya per conoscere i parenti della famiglia di suo padre, ma soprattutto per ritrovare la 'metà africana' della sua cultura e identità.

I sogni di mio padre
0 0 0
Modern linguistic material

Obama, Barack <1961->

I sogni di mio padre : un racconto sulla razza e l'eredità / Barack Obama ; traduzione di Cristina Cavalli e Gianni Nicola

BEAT, 2012

Abstract: Barack Obama racconta i primi trent'anni della sua vita, la storia non facile di un americano nato dal matrimonio fra un uomo di colore, proveniente dal Kenya, e una donna bianca, originaria di una piccola cittadina del Kansas. I sogni di mio padre è un'autobiografia senza reticenze, senza diplomazie o ipocrisie, a ulteriore testimonianza della forza e della novità del linguaggio di Obama, anche perché scritta prima della sua fulminea carriera politica. Una storia che in un linguaggio vivo e diretto, senza veli, racconta più di tanti saggi le difficoltà della società americana e dei suoi giovani di colore. Un viaggio, quello alla scoperta della propria identità, che inizia quando, appena ventunenne, Obama viene raggiunto dalla notizia della morte del padre. Il presidente degli Stati Uniti ripercorre così la sua infanzia alle Hawaii, dove nasce e dove dopo pochi anni rimane solo con la madre, quando il padre decide di tornare in Africa dalla famiglia d'origine. Non tace sulla difficile adolescenza quando, confuso sulla propria identità, rischia di smarrirsi fra droghe e gang giovanili. E racconta infine il viaggio in Kenya per conoscere i parenti della famiglia di suo padre, ma soprattutto per ritrovare la 'metà africana' della sua cultura e identità.

Michelle Obama
0 0 0
Modern linguistic material

Lightfoot, Elizabeth

Michelle Obama : first lady della speranza / Elizabeth Lightfoot ; traduzione di Annalisa Di Liddo

Roma : Nutrimenti, 2009

Abstract: Barack Obama la chiama scherzosamente The Boss. Lei, con ironia pungente, in riferimento alla questione razziale negli Usa, si è definita un errore statistico. Di certo Michelle Obama, prima first lady afroamericana degli Stati Uniti, sembra destinata a giocare un ruolo di primo piano nella nuova stagione aperta con l'elezione di Barack Obama. E non solo come 'consigliere privilegiato' del presidente. Elizabeth Lightfoot ne racconta la storia personale in questa biografia. Un ritratto affettuoso, ma eccezionalmente documentato, che ripercorre l'incredibile viaggio dal South Side di Chicago, figlia di un operaio dell'acquedotto, fino al giorno dell'insediamento alla Casa Bianca. Attraversando il periodo della formazione, le convinzioni politiche e le aspirazioni di impegno sociale, l'approdo a Princeton e a Harvard, e naturalmente l'incontro e il matrimonio con Barack. Un ritratto da cui emergono l'energia e la forza di una donna chiamata a conciliare l'impegno pubblico con quello di madre e moglie, convinta di non dover rinunciare né alla famiglia né al suo desiderio di contribuire a cambiare il mondo.

L'audacia della speranza
0 0 0
Modern linguistic material

Obama, Barack <1961->

L'audacia della speranza : il sogno americano per un mondo nuovo / Barack Obama

[Milano] : Rizzoli, 2007

Abstract: Qualche anno fa, con il discorso introduttivo alla convention del Partito democratico entusiasmò il pubblico, ricordando quell'ottimismo nel futuro, da lui definito audacia della speranza, che ha sempre guidato il popolo americano. Avvocato, esperto di diritti civili, senatore per l'Illinois nelle file dei democratici moderati, Barack Obama è uno dei candidati favoriti alla nomination democratica per le elezioni presidenziali del 2008. Mentre la sua principale avversaria, Hillary Clinton, è l'espressione di una dinastia e dell'establishment, il Kennedy nero, come è stato battezzato, è il leader carismatico che rappresenta il cambiamento. In questo libro, Obama si racconta: essere nato da una madre del Kansas e un padre keniano, aver avuto un patrigno indonesiano e aver vissuto la sua giovinezza tra Hawaii e Indonesia lo rendono capace di rivelare con lucidità i difetti del mondo globalizzato. E di mettere a punto un piano di battaglia e un concreto progetto di frontiera per affrontare i gravi problemi del gigante malato: la crescente insicurezza economica delle famiglie americane, le tensioni razziali e religiose interne al corpo politico, le minacce globali, dal terrorismo agli imminenti pericoli ecologici. Un ritorno allo spirito democratico e ai valori che sono alla base della Costituzione. E il coraggio di offrire un nuovo sogno ai cittadini statunitensi e a tutti i popoli del mondo. Con un'introduzione di Walter Veltroni.

Obama
0 0 0
Modern linguistic material

Mendell, David

Obama : storia dell'uomo che fa sognare l'America / David Mendell

Milano : Cairo, 2008

Abstract: La fulminante ascesa del democratico Barack Obama al ruolo di primo candidato di colore alla presidenza è certo l'evento politico più eclatante nella storia odierna degli Stati Uniti d'America. È lui, oggi, l'uomo che incarna le migliori speranze di milioni di persone, non solo elettori: neri e bianchi, giovani e vecchi, poveri e ricchi, progressisti e conservatori, in uno slancio unanime che non si conosceva più dai tempi di Martin Luther King, di John F. Kennedy. David Mendell, firma del Chicago Tribune, ha seguito ogni momento della sua carriera, guadagnandosi la fiducia e il rispetto del senatore, beneficiando quindi di un osservatorio privilegiato rispetto ad altri commentatori. Dall'infanzia tra le Hawaii e l'Indonesia agli esordi come organizzatore politico a Chicago, dalla nomina a senatore fino a quella a candidato democratico alla presidenza USA, passando per il trionfale viaggio ufficiale in Africa nel 2006: capitolo dopo capitolo, le tappe della vita privata e pubblica di Barack Obama compongono quella che è una biografia imparziale, accurata e ricca di informazioni. Mendell rinuncia al politichese e lascia parlare le fonti - per prima la carismatica moglie Michelle - analizzando con grande chiarezza e in ogni suo aspetto il fenomeno Obama. Un ritratto a tutto tondo dell'uomo e del politico che permette anche al pubblico italiano di leggere i mutamenti della storia statunitense e l'autentica realtà di uno dei suoi più sorprendenti protagonisti.

Si può fare
0 0 0
Modern linguistic material

Obama, Barack <1961->

Si può fare / Barack Obama ; a cura di Lisa Rogak

[Roma] : Casini, copyr. 2008

Abstract: Sin dal suo discorso ne! 2004 alla Convention Nazionale del Partito Democratico, Barack Obama è stato acclamato come il volto nuovo non solo dei Democratici, ma dell'intera classe politica americana. In questo libro il Senatore delHIlinois affronta i temi di principale interesse, non solo a livello nazionale: aborto, religione, AIDS, politica estera, Iraq, la Guerra al Terrorismo, disoccupazione, unioni civili. Un volume indispensabile per capire non soltanto le imminenti elezioni presidenziali, ma soprattutto l'America del dopo-Bush.

Grazie, Obama
0 0 0
Modern linguistic material

Litt, David <1986->

Grazie, Obama : i miei anni alla Casa Bianca : memorie semiserie di un giovane scrittore di discorsi / David Litt ; traduzione di Nicolò Marcionni

HarperCollins, 2018

Abstract: Come molti ventenni, David Litt si è spesso sentito in imbarazzo davanti al capo del suo capo. A differenza degli altri coetanei, però, il capo del boss di Litt era il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. A soli ventiquattro anni, Litt è diventato uno dei più giovani autori di discorsi della Casa Bianca che la storia ricordi. Oltre ad aver affrontato nei suoi scritti questioni importanti come il cambiamento climatico e la riforma della giustizia penale, è stato la “musa comica” del presidente, artefice di numerose battute argute e di frasi scherzose entrate nella storia. Con l'occhio dell'umorista per i dettagli e lo zelo di un neo-convertito, Litt conduce il lettore attraverso i suoi otto anni in prima linea nell’Obamaworld. Nella sua storia personale di crescita politica, passa da essere uno studente universitario sognatore – un vero "Obamabot", come si è autodefinito – al giovane e nervoso autore di discorsi dello staff senior della Casa Bianca. I suoi aneddoti sul dietro le quinte rispondono a domande che non avremmo mai pensato di farci: qual è il bagno degli uomini più elegante della Casa Bianca? Qual è la vita sociale sull’Air Force One? Come si può costringere il Consiglio di Sicurezza Nazionale a smettere di fare “reply-all” a tutte le e-mail? Insieme a queste osservazioni spensierate, Litt usa la sua esperienza per affrontare una delle questioni più importanti di oggi: l'eredità e il futuro del movimento di Obama nell'epoca di Donald Trump.

Il paese di Obama
0 0 0
Modern linguistic material

Molinari, Maurizio <1964- >

Il paese di Obama : come è cambiata l'America / Maurizio Molinari

Roma : Laterza, 2009

Abstract: Se volete sapere perché i bianchi hanno scelto di votare per un nero, come fanno i neri a emanciparsi dal complesso della schiavitù, in che maniera si possa immaginare un modello di sviluppo basato sulle energie alternative e qual è la ricetta per garantire sicurezza e libertà, allora dovete visitare la terra di Barack Hussein Obama, il 44° presidente degli Stati Uniti. Un paese in grande trasformazione, così come le stanze del potere che lo governa. Un'America che sembra far suo quel tutto è possibile che avvicina le differenze, non tiene conto delle ideologie, governa con pragmatismo, si mobilita contro la crisi economica proponendo riforme strutturali. E che mette tutti alla prova. Chiedendo agli europei, che negli anni di George W. Bush denunciavano Abu Ghraib e Guantanamo, di immaginare assieme nuovi codici per difenderci dai kamikaze in abiti civili. Chiedendo agli arabi e ai musulmani di lasciarsi alle spalle il vittimismo e l'odio antioccidentale. Chiedendo a Russia e Cina di essere attori responsabili della stabilità del pianeta. Chiedendo a popoli e leader del Terzo Mondo di partecipare a pieno titolo alla lotta all'inquinamento, senza delegarla solo ai paesi più industrializzati. Sfide difficili: proprio quelle che Obama sta sostenendo in America e che riguardano anche noi molto da vicino.

Obama, Yes we can
0 0 0
Modern linguistic material

Painter, Anthony

Obama, Yes we can / Anthony Painter ; traduzione di Giuseppe Balestrino

Milano : Baldini Castoldi Dalai, copyr. 2009

Abstract: Incurante dello scetticismo e della supponenza di chi, fino all'ultimo, non ha smesso di pronosticare, e forse di sperare, in una sua sconfitta, Barack Obama ha vinto, anzi stravinto, la più difficile e importante competizione elettorale del pianeta, e lo ha fatto nel modo più semplice, eppure, chissà perché, più sorprendente: riportando al centro dell'interesse i problemi economici e sociali. Il suo successo è forse il primo, vero, grande evento politico del XXI secolo, e si è concretizzato proprio mentre è in atto una ridefinizione del ruolo degli Stati Uniti sulla scena internazionale. Credendo nei propri sogni con la coerenza caparbia dei grandi uomini, Obama ha sbaragliato la formidabile macchina elettorale dei Clinton, superato i sempre vivi pregiudizi razziali, demolito il fortino eretto dai poteri forti che per otto anni hanno marciato sottobraccio a Bush, e soprattutto capito, prima di ogni altro, che il tempo di cambiare era arrivato, che gli americani e il mondo intero erano pronti, che, se vogliamo, possiamo. Il libro di Painter non è però solo la storia di un uomo, ma anche la storia di un movimento e della gente che ha reso possibile ciò che pareva impossibile. Il racconto di una nuova favola americana che sarà tramandata per generazioni.

Mister Cool
0 0 0
Modern linguistic material

Pistolini, Stefano

Mister Cool : come funziona il metodo Obama / Stefano Pistolini

Venezia : Marsilio, 2009

Abstract: Capita una o due volte nella vita di assistere a un'impresa storica: la scalata al tetto del mondo senza rete e senza privilegi, trampolini o capitali. Quella di Obama non è una parabola della predestinazione, ma la vittoria della fede nei propri mezzi, della visione e dell'innovazione. Mister Cool analizza il successo di Obama, nato dalla sua disciplina e dal lungimirante lavoro del suo team. Fatto di tecnica del coinvolgimento, studio dell'immagine, dello stile e del linguaggio, il fenomeno Obama è in continuo divenire ora che, da presidente, ha finalmente condotto l'America nel XXI secolo e la sospinge a rialzarsi da una crisi gravissima. Dopo aver seguito Obama dagli esordi, Stefano Pistolini racconta i tanti aspetti della sua personalità e i segreti del suo metodo: il superamento delle politiche tradizionali, l'utilizzo delle nuove tecnologie, il riappropriarsi della cultura popolare e dei simboli della mistica americana.

Obama
0 0 0
Modern linguistic material

Angelini, Claudio <1943-2015>

Obama : un anno di sfide / Claudio Angelini

[Milano] : Rizzoli, 2010

Abstract: Con queste parole e con quel sorriso che di lì a poco tutti abbiamo imparato a riconoscere, Barack Obama parlava di sé a qualche giorno dall'election day che lo ha consacrato 44° Presidente degli Stati Uniti, primo afroamericano della storia. Fin dalla cerimonia di insediamento, Obama ha catalizzato gli sguardi e l'attenzione del mondo: di quanti lo temono e di chi invece lo ritiene la migliore carta giocata in tempi recenti dalla Statua della Libertà, l'apparizione a lungo attesa nel buio dell'amministrazione Bush. L'uomo giusto per concludere la definitiva pacificazione del Medio Oriente, per affrontare la crisi economica mondiale, per dare vita a una nuova politica ecologica e rilanciare la cooperazione internazionale su temi comuni fondamentali. Riuscirà Obama a compiere la sua missione? Oppure l'esito deludente delle elezioni dello scorso novembre in New Jersey e in Virginia testimonia già un raffreddamento degli entusiasmi? In questo reportage, Claudio Angelini ci racconta il primo anno dell'era Obama, le sfide vinte e quelle che ancora attendono il presidente, percorre il profilo di una nazione che non è una parte del mondo ma uno stato d'animo e ci consegna il perfetto ritratto pop dell'America contemporanea.

Yes she can
0 0 0
Modern linguistic material

Palumbo, Marilisa

Yes she can : Michelle Obama e la prima famiglia africano americana alla Casa Bianca / Marilisa Palumbo

Roma : Castelvecchi, 2009

Abstract: La mia migliore amica da sedici anni, la roccia della famiglia, l'amore della mia vita: è alla moglie Michelle che il neoeletto Presidente degli Stati Uniti Barack Obama dedica il più sentito grazie nella notte della vittoria a Grant Park. Ma chi è Mrs O.? Di fatto, è la prima discendente di schiavi a entrare alla Casa Bianca, la prima First Lady africano americana. Eppure, c'è da scommetterci, non è solo per questo che farà storia. Moglie innamorata, madre premurosa di Malia e Sasha, laurea a Princeton e specializzazione ad Harvard, Michelle è una donna moderna che si batte per tante sue coetanee impegnate a conciliare lavoro e famiglia. Sarà la First Lady più influente e attiva dai tempi di Eleanor Roosevelt, ma senza l'ambizione personale e la ruvidezza di Hillary Clinton, piuttosto con la classe e la capacità di ispirare i suoi connazionali che fu di Jacqueline Kennedy. La sua vita è un classico american dream, dall'infanzia a Chicago nel quartiere nero di South Side all'ingresso nelle università più prestigiose del Paese, dall'incontro con Obama fino al contributo decisivo in campagna elettorale. Questo libro racconta però anche un altro sogno, forse ancora più grande: diventare l'epicentro di una rivoluzione culturale al femminile.

La mia fede
0 0 0
Modern linguistic material

Obama, Barack <1961->

La mia fede : come riconciliare i credenti con una politica democratica / Barak Obama ; introduzione di Giancarlo Bosetti

Venezia : Marsilio, 2008

Abstract: Con la conquista della Casa Bianca Barack Obama ha cambiato lo scenario politico sotto tanti aspetti. Uno dei più importanti riguarda il rapporto tra la fede e il Partito democratico, tra lo spirito religioso del popolo americano e i liberals. Negli otto anni di Bush il primato elettorale e morale, tra la popolazione dei credenti, era decisamente nelle mani dei conservatori. Ora questo primato è stato interrotto. Un mutamento che ha qualcosa da dire anche al resto del mondo. Anche noi democratici veneriamo un Dio formidabile: i discorsi del presidente americano qui raccolti documentano gli ingredienti con i quali si era proposto, fin dall'inizio della sua corsa, nel giugno del 2006, e poi nelle fasi più calde della battaglia nel 2008, di riconciliare fede e politica sul versante liberal, di riconciliare fede e democrats, facendo apparire sulla scena pubblica americana, e con ciò in tutto il mondo, un progressismo amico della religione, un progressismo religioso, e valorizzando la fede come risorsa per la società in generale.

C'era una volta Obama
0 0 0
Analyticals

C'era una volta Obama : la solitudine del numero uno, nel mondo senza poli, noi Europei orfani di mamma America

I mille volti di Barack Obama
0 0 0
Modern linguistic material

De Bellis, Giuseppe

I mille volti di Barack Obama : la vera storia e tutti i segreti dell'uomo che unisce e divide l'America / Giuseppe De Bellis

[Milano] : Il giornale, [2008]

Barack Obama
0 0 0
Modern linguistic material

Moltedo, Guido - Palumbo, Marilisa

Barack Obama : la rockstar della politica americana / Guido Moltedo, Marilisa Palumbo

Nuova ed. aggiornata

[Torino] : UTET libreria, stampa 2008

Abstract: È il fenomeno. Barack Obama è l'uomo delle definizioni fuori misura. Per i media è la rockstar della politica statunitense. Per i palazzi di Washington, è l'uomo nuovo per il tanto atteso rinnovamento della cultura politica e della classe dirigente, in un paese profondamente cambiato nell'ultimo ventennio, al suo interno e nel rapporto con il mondo. Padre keniota e madre bianca del Kansas, cresciuto nel crogiolo multietnico delle Hawaii e in Indonesia, non è un figlio dell'America in bianco e nero, ma della nuova America multicolore. Senatore dell'Illinois, non è una meteora nell'universo politico statunitense, ma, al di là dell'esito della corsa presidenziale che lo vede protagonista, è destinato comunque a essere per lungo tempo uno degli attori principali sulla scena washingtoniana.

Barack Obama
0 0 0
Modern linguistic material

Moltedo, Guido - Palumbo, Marilisa

Barack Obama : la rockstar della politica americana / Guido Moltedo, Marilisa Palumbo

[Torino] : UTET libreria, copyr. 2007

Abstract: È il fenomeno. Barack Obama è l'uomo delle definizioni fuori misura. Per i media è la rockstar della politica statunitense. Per i palazzi di Washington, è l'uomo nuovo per il tanto atteso rinnovamento della cultura politica e della classe dirigente, in un paese profondamente cambiato nell'ultimo ventennio, al suo interno e nel rapporto con il mondo. Padre keniota e madre bianca del Kansas, cresciuto nel crogiolo multietnico delle Hawaii e in Indonesia, non è un figlio dell'America in bianco e nero, ma della nuova America multicolore. Senatore dell'Illinois, non è una meteora nell'universo politico statunitense, ma, al di là dell'esito della corsa presidenziale che lo vede protagonista, è destinato comunque a essere per lungo tempo uno degli attori principali sulla scena washingtoniana.