La Rete Bibliotecaria Bresciana, certa di interpretare il sentire del mondo culturale, rende omaggio a Emanuele Serverino, tra i massimi filosofi viventi, riconoscendo il significato davvero decisivo che il suo pensiero riveste per la fiolosofia del Novecento. 
Emanuele Severino nasce a Brescia il 26 febbraio 1929. Forte è il legame del fiolosofo con la Valle Trompia, in particolare con Bovegno, paese d'origine della madre, di cui riceve la cittadinanza onoraria il 23 dicembre 2015. Il Consiglio Comunale di Bovegno così motiva l'onoreficenza: "Discendente per parte di madre da antica famiglia bovegnese, ha contribuito con la sua opera in maniera rilevante al pensiero filosofico occidentale contemporaneo, sulle orme degli antichi filosofi greci. Nella sua autobiografia ha espresso il suo legame con la terra avìta di Bòvegno che onorata, lo vuole annoverare tra i suoi concittadini più illustri".   
Giovanissimo, nel 1950, si laurea all'Università di Pavia con una tesi su "Heidegger e la metafisica" con il suo maestro il filosofo Gustavo Bonfadini. L'anno successivo inizia la sua carriera universitaria che lo vedrà docente all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, all'Università Ca' Foscari di Venezia, fino ad approdare alll'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.
Rifacendosi al pensirero di Parmenide, Severino è noto per i suoi studi sull'antico problema dell'essere, o meglio sull'opposizione tra essere e non-essere.
Assai prolifica risulta la sua produzione editoriale tra cui emergono la sua opera prima La struttura originaria (1958), e a seguire Essenza del nichilismo (1972), Téchne (1979), Traduzione e interpretazione dell'«Orestea» di Eschilo (1985), Heidegger e la metafisica (1994), La gloria (2001), L'identità della follia (2007), fino ad approdare al suo ultimo lavoro  Testimoniando il destino edito da Adelphi lo scorso gennaio.
La Rete Bibliotecaria Bresciana e Cremonese è lieta di festeggiare il novantesimo compleanno del suo illustre concittadino invitandovi a scoprire i suoi scritti e le numerossisime pubblicazioni presenti nel proprio catalogo. Per approfondire ulteriormente la conoscenza e il pensiero di Emanuele Severino, vi invitiamo inoltre a consultare anche il sito dell'Associazione Studi Emanuele Severino link http://ases.psy.unipd.it/

La Rete Bibliotecaria Bresciana, certa di interpretare il sentire del mondo culturale, rende omaggio a Emanuele Serverino (1929-2020), riconoscendo il significato davvero decisivo che il suo pensiero riveste per la filosofia del Novecento. 

 

Emanuele Severino nasce a Brescia il 26 febbraio 1929. Forte è il legame del filosofo con la Valle Trompia, in particolare con Bovegno, paese d'origine della madre, di cui riceve la cittadinanza onoraria il 23 dicembre 2015. Il Consiglio Comunale di Bovegno così motiva l'onoreficenza: "Discendente per parte di madre da antica famiglia bovegnese, ha contribuito con la sua opera in maniera rilevante al pensiero filosofico occidentale contemporaneo, sulle orme degli antichi filosofi greci. Nella sua autobiografia ha espresso il suo legame con la terra avìta di Bòvegno che onorata, lo vuole annoverare tra i suoi concittadini più illustri".   

 

Giovanissimo, nel 1950, si laurea all'Università di Pavia con una tesi su "Heidegger e la metafisica" con il suo maestro il filosofo Gustavo Bonfadini. L'anno successivo inizia la sua carriera universitaria che lo vedrà docente all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, all'Università Ca' Foscari di Venezia, fino ad approdare alll'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

 

Rifacendosi al pensirero di Parmenide, Severino è noto per i suoi studi sull'antico problema dell'essere, o meglio sull'opposizione tra essere e non-essere.

 

Assai prolifica risulta la sua produzione editoriale tra cui emergono la sua opera prima La struttura originaria (1958), e a seguire Essenza del nichilismo (1972), Téchne (1979), Traduzione e interpretazione dell'«Orestea» di Eschilo (1985), Heidegger e la metafisica (1994), La gloria (2001), L'identità della follia (2007), fino ad approdare al suo ultimo lavoro Testimoniando il destino edito da Adelphi nel gennaio 2019.

 

La Rete Bibliotecaria Bresciana vi invita a scoprire i suoi scritti e le numerossisime pubblicazioni presenti nel proprio catalogo.

Per approfondire ulteriormente la conoscenza e il pensiero di Emanuele Severino, potete inoltre consultare il sito dell'Associazione Studi Emanuele Severino. 

 

 

View all

Opere di Emanuele Severino

View all

Opere su Emanuele Severino

Pagine

Book Tales - I dialoghi

Inizia con questi 4 incontri un percorso in quattro tappe BOOK TALES - DA LETTORE A BOOKINFLUENCER che troverà compimento in un Forum...

Attraverso lo schermo a marzo

Per iscriverti clicca qui http://bit.ly/iscrizioni_marzo "ATTRAVERSO LO SCHERMO. VIDEOLETTURE E INCONTRI CON I BIBLIOTECARI DELLA CITTÀ" - Marzo 2021    martedì 2 marzo -...

Book Tales - I dialoghi

Incontri digitali per discutere su dove fare booktelling oggi. Edoardo Barbieri conduce incontri con alcuni protagonisti del libro in Italia: scrittori, critici, giornalisti che...

Concorso Open Up 2021_Trasform-Azioni

Torna con l'edizione 2021 “Open Up”, il festival della città aperta alle differenze, iniziativa dedicata alla valorizzazione delle diversità!La nona...

Incontro del gruppo di lettura giovani

I ragazzi del gruppo di lettura Giovani si incontrano venerdì 19 marzo alle ore 18 per discutere della lettura del...

Gruppo di lettura adulti

Nuovo appuntamento col gruppo di lettura per adulti, quest'edizione è online su google meet. Chiedere in biblioteca per la modalità di...

PAROLE TRA NOI: ELENA VARVELLO

ELENA VARVELLOpresentaSOLO UN RAGAZZO(Ed. Einaudi) Tutta la verità. Ma obliqua. Intraducibile Emily Dickinson, se non con nuove figure, nuove immagini, una...

PAROLE TRA NOI: GIULIO CAVALLI

GIULIO CAVALLIpresentaNUOVISSIMO TESTAMENTO(Ed. Fandango) Fausto Albini si sente male in un giorno qualsiasi. Portato d'urgenza al pronto soccorso, viene ricoverato nel...
Loading data...Load more