Quando la famiglia diventa protagonista: romanzi, racconti, autobiografie corali nei quali emerge la storia famigliare

Found 46 documents.

Una famiglia decaduta
0 0 0
Modern linguistic material

Leskov, Nikolaj Semenovič <1831-1895>

Una famiglia decaduta / Nikolaj S. Leskov ; a cura di Flavia Sigona ; introduzione di Mauro Martini

Roma : Fazi, 1996

Abstract: Una famiglia decaduta, scritto nel 1874, è forse il romanzo in cui Leskov riconosce più chiaramente l'attimo tremendo che lega la gioia allo sconforto, quando la felicità si comincia a fare desiderio e timore. E' l'esistenza nella sua pienezza, la semplicità assoluta degli uomini a raccontare come la vita, quanto più ricolma, già decada e dia conto di una fatica ineluttabile, dello sconforto per ciò che deve fallire. E' proprio questa verità, ripetuta in filigrana, pagina dopo pagina, a commuovere i lettori.

Franny e Zooey
0 0 0
Modern linguistic material

Salinger, J. D. <1919-2010>

Franny e Zooey / J. D. Salinger ; traduzione di Romano Carlo Cerrone e Ruggero Bianchi

Torino : Einaudi, copyr. 2003

Abstract: Tanto per cominciare, Zooey era un giovanotto piccolo, dal corpo estremamente esile. Da dietro (soprattutto dove gli si vedevano le vertebre) sarebbe quasi potuto passare per uno di quegli sparuti bambini di città che ogni estate vengono spediti alle colonie a ingrassarsi e prendere il sole. Visto in primo piano, di faccia o di profilo, era straordinariamente, spettacolosamente bello. La sorella maggiore mi ha pregato di dire che assomigliava all'esploratore mohicano ebreo-irlandese dagli occhi azzurri che morì tra le vostre braccia al tavolo della roulette di Montecarlo. A salvare in extremis quel volto dall'eccessiva bellezza, se non addirittura dallo splendore, era un orecchio che sporgeva leggermente più dell'altro.

Un matrimonio in provincia
0 0 0
Modern linguistic material

Marchesa Colombi <1840-1920>

Un matrimonio in provincia / Marchesa Colombi ; nota introduttiva di Natalia Ginzburg

Torino : Einaudi, 1973

Abstract: Un romanzo d'amore scritto da una grande attivista lombarda del movimento femminile. Con ironia e una fortissima capacità comunicativa, sarcastica quanto basta, Maria Antonietta Torriani, in arte Marchesa Colombi, ci narra della passione di una ragazza in una famiglia della borghesia piemontese di fine Ottocento. Un romanzo amato da Natalia Ginzburg, che lo definì un testo buffo, divertente e strano. E soprattutto un libro ruvido, per il modo senza miele di trattare le persone, gli oggetti e gli avvenimenti.

Storie di primogeniti e figli unici
0 0 0
Modern linguistic material

Piccolo, Francesco <1964->

Storie di primogeniti e figli unici / Francesco Piccolo ; con una nuova postfazione dell'autore

Torino : Einaudi, 2012

Abstract: C'è, in queste nove storie di infanzie, adolescenze e giovinezze, tutta l'abilità di Francesco Piccolo di soffermarsi su quei dettagli e sorprese della vita che afferrano però il senso della vita: una frase ricorrente della mamma; un saluto sempre uguale; le caramelle di un tempo che erano un colorante unico; la convinzione tutta meridionale che non piove mai e gli ombrelli non servono. Con ironia, intelligenza, stupore, e con la consapevolezza che sono spesso le piccole cose a dimostrarsi rivelatrici, Piccolo ci conduce per mano, attraverso episodi semplici, spunti presi da una pacata ma evocativa quotidianità, a scoprire sotto una superficie apparentemente insignificante una profondità inaspettata. Con una nuova postfazione dell'autore.

La famiglia vuota
0 0 0
Modern linguistic material

Tóibín, Colm <1955->

La famiglia vuota / Colm Toibin ; traduzione di Andrea Silvestri

[Milano] : Bompiani, 2012

Abstract: La famiglia vuota è il ritratto composito e corale della quotidianità di uomini e donne di oggi che vivono lasciando indietro, a volte sbadatamente, a volte volontariamente, persone, volti, momenti, pezzi di vita che, improvvisamente, ritornano come punture di un ago invisibile a risvegliare la nostalgia, la rabbia, il dolore, l'amore. Nei racconti che compongono questo libro il passato non è mai passato. Il passato riprende sempre vita, il passato supera i personaggi in avanti e chiede loro di avanzare ancora qualche passo. Il passato è profezia, promessa, seme. Così, una stenografa di successo, torna nella sua Dublino - grande protagonista del libro - incontra la seconda moglie del suo grande amore, ora scomparso, lasciato in una notte di ira; o un professore di letteratura vola da New York per incontrare un'ultima volta sua madre in una corsa contro il tempo per chiederle perdono della sua assenza; o un giovane immigrato pakistano alla ricerca di stabilità in una città estranea; un riottoso e superbo sceneggiatore e romanziere di successo viene brutalmente convocato da ciò che pensava di essersi risolutamente lasciato alle spalle; un attivista di sinistra torna in Spagna dall'esilio londinese per trovare tutto cambiato.

Spie e zie
0 0 0
Modern linguistic material

Ginzberg, Siegmund <1948->

Spie e zie / Siegmund Ginzberg

Bompiani, 2015

Abstract: Tre fratelli e due sorelle lasciano Istanbul per seguire ognuno la propria strada, si ritrovano e poi si riperdono, mentre le loro vicende si intrecciano con la grande storia del Novecento. Zio Bernard si fonde nella figura del più misterioso agente di Stalin nella Parigi degli anni trenta e del Front Populaire. La bellissima e fascinosa zia Perla da entraîneuse a Praga diventa una delle signore più ricche e corteggiate d’Europa. La malinconica Dolceta sposa un ufficiale turco e trascorre il resto dei suoi giorni in un manicomio di Istanbul. Di Benjamin si perdono le tracce nella Russia sovietica e Paul, ragazzo delle pulizie nella Costantinopoli occupata dagli Alleati, trova la sua Europa nella Cecoslovacchia tra le due guerre, finisce ai lavori forzati in Anatolia per poi sognare di rifarsi una vita da immigrato nella Milano del miracolo economico. Attraverso una manciata di foto sbiadite, di racconti interrotti, di favole tramandate e di episodi visti e ricordati con gli occhi di un bambino, Siegmund Ginzberg racconta le avventure, le passioni, i traslochi, le speranze e i silenzi di una famiglia.

Ora che è novembre
0 0 0
Modern linguistic material

Johnson, Josephine W. <1910-1990>

Ora che è novembre / Josephine Johnson ; traduzione di Beatrice Masini

Bompiani, 2016

Abstract: Sono passati dieci anni da quando gli Haldmarne hanno lasciato i modesti agi della vita di città per tornare alla terra di famiglia. Kerrin, Merle e Marget sono diventate grandi in campagna, divise tra i doveri pesantissimi del lavoro quotidiano ("quella confusione che è la nostra vita e che ci impedisce di essere davvero vivi") e l'incanto dell'infanzia passata all'aria aperta, respirando paesaggi che mutano di ora in ora. Mentre per Marget e Merle la natura è fame e cibo insieme, e riesce a placare le loro ansie di crescita, Kerrin è selvatica e strana, rosa da un'inquietudine feroce che nemmeno la salda presenza della madre riesce a contenere. La terra è gravata da un'ipoteca che pesa come un macigno sull'anima già inasprita del padre e sparge insicurezza in famiglia. Mentre una siccità senza tregua devasta i raccolti, ad alleviare le fatiche degli Haldmarne arriva un giovane uomo assoldato come bracciante. Grant ha studiato, è stato in città; riesce a far sorridere le ragazze, a distrarle, ma anche a dividerle. E intanto la pioggia non arriva, e le stravaganze di Kerrin sfociano in una vena di follia. È Marget, ora che è novembre e tutto si è concluso, a raccontarci la storia di una famiglia che si sgretola, del mondo agreste che là fuori si sfalda sotto un sole impietoso, delle disgrazie che si abbattono una dopo l'altra sugli Haldmarne e sui loro vicini, senza risparmiare nessuno.

In extremis
0 0 0
Modern linguistic material

Parks, Tim <1954->

In extremis / Tim Parks ; traduzione di Eleonora Gallitelli

Bompiani, 2018

Abstract: Thomas sa che c'è qualcosa che deve rivelare a sua madre ormai in punto di morte. Ma ce la farà a raggiungerla in tempo? E avrà il coraggio di dire quello che non è riuscito a dirle in passato? Tra il telefono che vibra e i pensieri che corrono impazziti non riesce a concentrarsi sul significato di ciò che sta accadendo. Deve cercare di risolvere la crisi familiare del suo migliore amico? Deve riconsiderare la separazione dalla moglie? Perché si sente insieme confuso e paralizzato? Tim Parks esplora il profondo nesso tra presente personale e passato familiare e si chiede se è davvero possibile cambiare vita.

I pesci non hanno gambe
0 0 0
Modern linguistic material

Jón Kalman Stefánsson <1963->

I pesci non hanno gambe : storia di una famiglia / Jon Kalman Stefansson ; traduzione di Silvia Cosimini

Iperborea, 2015

Abstract: I pesci non hanno gambe è la storia di un pescatore, Oddúr, di sua moglie Margrét, del loro grande amore nato quando sono solo ragazzi e della vita così difficile dopo il matrimonio, quando lui passa la maggior parte del suo tempo in mare e lei rimane sola con i bambini, esausta nel suo ruolo di madre. È la storia del loro nipote Ari, che negli anni ‘70 si trasferisce a Keflavik, diventa un editore e scopre il valore della vera amicizia, la storia di una giovane ragazza di cui Ari si innamora, scoprendo troppo tardi della violenza di cui ha sofferto. La storia di persone che amano e soffrono, che cercano e fuggono, la storia di dolori, di perdite, di violenze, la storia di un mare pieno di pesci e di quote imposte. La storia della controversa base militare statunitense in Islanda e delle navi americane che portano in Islanda cose mai viste, la storia dell’arrivo dei Beatles e dei Pink Floyd. Ogni personaggio di questo grande romanzo corale ci conduce per mano in un mondo sospeso tra la terra e il cielo, ogni pagina è una rivelazione che ci tocca nel profondo e ci stupisce, ci fa ridere, piangere e sognare. Con una lingua misurata, poetica e intima, e uno stile che combina l’incanto della poesia e un umorismo implacabile ma pieno di tenerezza per le debolezze umane, Jón Kalman Stefánsson ci regala un indimenticabile ritratto dell’Islanda del XX secolo. E mentre racconta di questioni sociali, del difficile percorso delle donne per il raggiungimento dei loro diritti, della durezza della vita che fino a poco tempo fa scandiva le giornate del popolo islandese, riesce anche a mostrarci l’anima interiore e la ricchezza nascosta di un paese che ha lottato per entrare nel mondo globalizzato con il resto d’Europa.

La famiglia Morgeson
0 0 0
Modern linguistic material

Stoddard, Elizabeth <1823-1902>

La famiglia Morgeson / Elizabeth Stoddard ; traduzione di Federica Fusaroli

Elliot, 2016

Abstract: La giovane Cassandra Morgeson vive a Surrey, una piccola e isolata cittadina del New England, che non fornisce nessun tipo di stimolo intellettuale. A tredici anni viene mandata dal nonno a Barmouth, dove è costretta a una vita conformista e bigotta. A diciotto riesce a trasferirsi a Rosville, città in cui finalmente può godere dei piaceri più adatti alla sua età e al suo temperamento: i balli, gli incontri, le letture, ma anche il suo primo e tormentato amore, che le insegnerà una sensualità oscura e difficile da contenere. Eppure la vita ha altro in serbo per lei, e la sua irrequietezza la porterà a viaggiare ancora e a sperare in un nuovo amore, dovendo superare non poche difficoltà. Pubblicato nel 1862, "La famiglia Morgeson" è un delicato romanzo di formazione e una saga familiare che sa raccontare le asperità della vita per una giovane donna alla fine dell'Ottocento e la sua voglia di scoperta e di crescita nonostante i divieti sociali dell'epoca.

Mentre dorme il pescecane
0 0 0
Modern linguistic material

Agus, Milena <1955->

Mentre dorme il pescecane / Milena Agus

Roma : Nottetempo, copyr. 2005

Abstract: La storia di una famiglia, la famiglia Sevilla Mendoza, sarda sin dal paleolitico superiore, padre, madre, figlio, figlia, zia e nonna. Chi narra è la figlia che ama un uomo sposato dai gusti perversi, ma di amore si parla molto, e si parla molto di sesso, e di morte, e di Dio, di cui non si riesce mai a decidere se c'è o non c'è, se vuole o non vuole, e della vita, che è come stare in bocca a un pescecane, che a volte si addormenta, e allora, se hai fortuna, riesci a sgusciarne fuori.

Ragazza in un giardino
0 0 0
Modern linguistic material

Tyler, Anne <1941->

Ragazza in un giardino / Anne Tyler ; traduzione di Laura Pignatti

Parma : Guanda, copyr. 2008

Abstract: Baltimora, 1960. Pamela Emerson è rimasta vedova da poco e vive da sola in una grande casa, piena di orologi di cui il marito era appassionato collezionista. Ha appena licenziato il giardiniere ed è sola nel suo grande giardino, intenta a sistemare le sedie, quando passa di lì Elizabeth Abbot, una ragazza venuta dal Sud in cerca di un lavoretto estivo che le permetta di guadagnarsi qualcosa per il college. Elizabeth dà una mano a Pamela, che subito le offre un posto di tuttofare, nella sua enorme casa bisognosa di mille piccoli interventi. L'arrivo della ragazza nella famiglia Emerson, composta da sette figli adulti che raramente fanno visita all'anziana madre, fa scattare una molla nascosta e la situazione si complica. Soprattutto perché di lei si innamorano Matthew e Timothy, due dei figli di Pamela, che improvvisamente riprendono a frequentare la casa materna, solo per corteggiarla...

Questioni di famiglia
0 0 0
Modern linguistic material

Mistry, Rohinton <1952->

Questioni di famiglia / Rohinton Mistry ; traduzione di Maria Clara Pasetti

Milano : Mondadori, 2003

Abstract: La storia si impernia su Nariman, un vedovo di 79 anni di religione parsi, che vive con il figliastro e la figliastra. La moglie è morta parecchi anni prima, lasciando questi due bambini avuti dal primo matrimonio e una figlia, Roxanna, che hanno avuto insieme. Nariman ha speso tutti i soldi per dare a Roxanna e al marito, Yezad, una casa tutta loro, perché lei non dovesse vivere con lui nella dimora d'infelicità.

Foto di famiglia
4 2 0
Modern linguistic material

Moyes, Jojo <1969->

Foto di famiglia / Jojo Moyes ; traduzione di Stefania De Franco e Isabella Ruggi

[Milano] : Sonzogno, 2002

Abstract: Hong Kong, 1953. Impazzano le celebrazioni per l'incoronazione della regina Elisabetta II. Joy, una ventenne inglese insofferente alle convenzioni della società britannica, non condivide il clima di festa. Ma al ricevimento a cui si è recata controvoglia incontra Edward, ufficiale di Marina, e decide che è lui l'uomo giusto ed è lui che sposerà contro tutto e contro tutti. Londra, 1980. Kate, diciotto anni, ha ereditato il carattere indocile di sua madre Joy, ed è con questo spirito che scappa di casa con la piccola Sabine, una figlia appena nata che ha deciso di crescere da sola. Irlanda, ai nostri giorni. Sabine è una ragazza irrequeita, almeno secondo sua madre. Mandata dai nonni in campagna, scoprirà un segreto che riunirà le protagoniste.

Una famiglia americana
0 0 0
Modern linguistic material

Oates, Joyce Carol <1938->

Una famiglia americana / Joyce Carol Oates ; traduzione di Vittorio Curtoni

Milano : Tropea, 2003

Abstract: Michael e Corinne sono i genitori felici di quattro splendidi figli, tre maschi e una femmina, Marianne. Vivono in una bella fattoria nel nord dello stato di New York. Lui possiede una florida società edile e lei è una mamma che assolve alla perfezione qualsiasi compito spetti a una madre. Per più di quindici anni la famiglia Mulvaney non fa che prosperare. Poi, un San Valentino del 1976, accade qualcosa di terribile che coinvolge la giovane Marianne. Un incidente di cui nessuno vuole parlare, la vittima meno degli altri. Joyce Carol Oates, autrice di racconti, romanzi e saggi, è stata vincitrice del National Book Award e finalista al premio Pulitzer e al Pen Faulkner Award.

Album di famiglia
0 0 0
Modern linguistic material

Dalla Chiesa, Nando <1949->

Album di famiglia / Nando Dalla Chiesa

Torino : Einaudi, copyr. 2009

Abstract: Trentacinque brevi colloqui immaginati con gli affetti di quattro generazioni. Un album-romanzo sfogliato partendo da un oggetto, un luogo, una frase, un episodio, una foto, un ricordo. Per render conto di come una famiglia ha affrontato la sua pubblica storia, così che anche questa possa essere riletta con qualche sfumatura in più. E per raccontare come, grazie e dentro a questa fitta rete di affetti, alcuni valori di fondo si sono trasmessi attraverso gli sconvolgimenti sociali e politici di un secolo intero. Dalle generazioni dell'ultimo Ottocento fino a quelle del Duemila. Da chi conobbe entrambe le guerre a chi venne educato sotto il fascismo e scelse la Resistenza. Da chi divenne adulto con il Sessantotto a chi fece la prima comunione il giorno dopo l'assassinio di Falcone. Perché, pur nei grandi cambiamenti e al di là dei conflitti tra padri e figli, alla fine la famiglia trasmette i suoi valori e fa scegliere come camminare con gli altri. E insegna a stare in quella che con troppa deferenza chiamiamo la storia.

La famiglia Fang
0 0 0
Modern linguistic material

Wilson, Kevin <1978->

La famiglia Fang / Kevin Wilson ; traduzione di Silvia Castoldi

Fazi, 2012

Abstract: Maestri della performance, Caleb e Camilla Fang hanno dedicato la propria vita all'arte. Ma (quando ogni loro azione consiste nel sistematico capovolgimento della normalità, può diventare difficile crescere dei figli equilibrati. Basterà chiedere ad Annie e Buster Fang. A e B come li chiamano i genitori, sin da piccolissimi hanno preso parte a quelle folli esibizioni più o meno consapevolmente. Una volta cresciuti però quell'infanzia caotica e irreale incombe sul loro presente e al di fuori del bizzarro mondo familiare dei Fang. Quando le regole della vita adulta cui vanno incontro fatalmente si disfano, fratello e sorella, l'uno scrittore alla prova del secondo romanzo, l'altra attrice di B movies. non sanno dove rifugiarsi se non tra le mura, stravaganti ma familiari, dove sono cresciuti. Lì Caleb e Camilla sono pronti a mettere in scena l'ultima performance, l'opera più estrema mai realizzata, con o senza la partecipazione dei figli. La più audace delle ambizioni che obbligherà i coniugi Fang a scegliere, una volta per tutte, tra la famiglia e l'arte.

La contessa di ricotta
5 0 0
Modern linguistic material

Agus, Milena <1955->

La contessa di ricotta / Milena Agus

Nottetempo, 2009

Abstract: Tre sorelle occupano tre appartamenti di un palazzo nobiliare, un tempo tutto loro, nell'antico quartiere Castello di Cagliari. La maggiore, Noemi, sogna gli splendori perduti e tenta di ricostruirli con avarizia e puntiglio, mentre la seconda, Maddalena, sposata a Salvatore, sogna un figlio che non vuole venire, e l'ultima, detta contessa di ricotta perché ha le mani e il cuore di ricotta, sogna l'amore. È lei la sola ad avere un figlio, Carlino, indecifrabile terremoto e squisito pianista. Intorno alla famiglia e alle sue tenaci illusioni, ci sono personaggi più solidi, più concreti, ma non meno sfuggenti, perché, dopotutto, solo le illusioni non fuggono: la vecchia tata, l'ombroso vicino, il pastore Elias.

Costellazione familiare
0 0 0
Modern linguistic material

Matteucci, Rosa <1960->

Costellazione familiare / Rosa Matteucci

Adelphi, 2016

Abstract: «Dopo aver creato il cane, Dio si fermò un istante a contemplarlo nelle sue incertezze e nei suoi slanci, annuì e seppe che era cosa buona, che non aveva tralasciato nulla, che non avrebbe potuto farlo meglio»: scritta da Rilke a un'amica, è la frase che troviamo sulla soglia di questo romanzo – una nuova incursione di Rosa Matteucci nell'universo aggrovigliato e dolente dei rapporti familiari. Nella famiglia della narratrice sono proprio i cani ad assumere un ruolo determinante: quello di una «risicata passerella di corde gettata fra due impervie ripe sentimentali». Da un lato del baratro c'è una madre di «leggendaria bellezza», refrattaria a qualunque «smanceria», sorda a ogni «desolato richiamo d'amore», e del tutto disinteressata a fornire alla prole più che un incorporeo nutrimento spirituale; dall'altro, una figlia convinta da sempre della propria inadeguatezza, che non nasconde «una malsana predilezione per quello sfaticato» di suo padre, e votata all'accudimento di una lunga serie di cani, tanto deliziosi quanto pestiferi (e nutriti, loro sì, parecchie volte al giorno). Finché non si troverà, la figlia, a dover accompagnare la madre, amata sempre di un amore tacito e geloso, nel drammatico percorso della malattia che la porterà alla morte.

Autunno rosso porpora
0 0 0
Modern linguistic material

Martignoni, Elena <scrittrice> - Martignoni, Michela <scrittrice>

Autunno rosso porpora : romanzo / Elena e Michela Martignoni

Milano : Corbaccio, 2010

Abstract: Roma, autunno 1497. Nessuno conosce l'identità di Segundo. Non ha volto, non ha casa, non ha passato. Ma ha una vendetta da compiere. Nascosto dietro studiati travestimenti, falcia le vite di comuni sicari e di cardinali viziosi e corrotti, sfruttando le loro debolezze, lasciando dietro di sé una scia di sangue. Andrea Gianani invece è un giovane sensibile, appassionato d'arte, in contrasto con i fratelli che non condividono le sue scelte. In un momento fatale i destini di questi due uomini diversi si incrociano, cambiando in modo drastico le loro esistenze. L'Urbe, che morde il freno sotto il giogo dei Borgia, si tinge di rosso porpora, mentre la natura si scatena contro la malvagità degli uomini. Nel dramma sono coinvolti il popolo in quotidiana lotta contro fame e ingiustizie, i frati del convento di San Francesco a Ripa che prestano la loro opera caritatevole, gli artisti del Rinascimento, tra cui un giovane Michelangelo ancora sconosciuto e la corte papale con i suoi velenosi intrighi. Anche amare è difficile, sia per Gemma, schiava di un debito e delle sue insicurezze, sia per Isabella, giovane incupita dalla vedovanza: entrambe inseguono sogni d'amore impossibili. Al funzionario Riccardo Fusco è affidato il compito di sbrogliare l'intricata vicenda. Intuitivo e caparbio, rifiuta il ruolo di semplice pedina nelle mani del papa spagnolo e inventa uno stratagemma per far prevalere la Giustizia sulle contingenti leggi degli uomini.