E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti (nella colonna a sinistra), oppure utilizzando il box di ricerca veloce o la relativa ricerca avanzata.

Include: all following filters
× Subject Memorie
× Publisher Mursia <casa editrice>

Found 346 documents.

Show parameters
Sergio Leone
0 0 0
Modern linguistic material

Santini, Fabio <1951->

Sergio Leone : perché la vita è cinema / Fabio Santini

RTL 102.5 : Mursia, 2019

Abstract: Per ricostruire il profilo di Sergio Leone, un uomo che ha cambiato la storia del cinema con la forza delle sue idee, Fabio Santini ripercorre le tappe principali della carriera del regista, da un’angolazione inedita: il suo privato. Gli incontri di una vita, i rapporti con i produttori e gli attori, gli aneddoti del dietro le quinte dei film, i colpi di scena, le genialità, gli slanci, i pregi e le debolezze di un grande italiano, raccontati con passione e cura del dettaglio. In queste pagine prendono forma i ricordi della moglie Carla, dei figli Raffaella, Francesca e Andrea, dei tecnici, degli attori, di Ennio Morricone. Ne esce un ritratto quotidiano incalzante e divertente, una cronaca minuziosa di una vita vissuta per il cinema, come in un film.

L'erba non cresceva ad Auschwitz
0 0 0
Modern linguistic material

Paulesu Quercioli, Mimma <1928-2009>

L'erba non cresceva ad Auschwitz / Mimma Paulesu Quercioli

Mursia, 2019

Abstract: Arianna, 11 anni; Loredana, 18 anni; Teresa, 23 anni, Zita, 25 anni. Una bambina e tre ragazze con un destino comune: Auschwitz. Quattro testimonianze che raccontano l'orrore dei lager che subirono le donne e i bambini. Ricordi che si stagliano sullo sfondo di un paesaggio di morte: l'arresto, il viaggio nei vagoni piombati, l'arrivo al campo, la selezione, la vita nelle baracche e nel Kinderblock. E poi l'umiliazione del corpo, il pudore violato, la femminilità cancellata, la paura e la fame sempre presenti con l'unico conforto di un'invisibile rete di sorellanza che a volte riesce a salvare vite. Liberate e tornate a casa Arianna, Loredana, Teresa e Zita si scontrano con il muro dell'incomprensione: nessuno vuole sapere, nessuno vuole sentire quello che hanno vissuto. Ci sono voluti decenni prima che qualcuno ascoltasse le loro voci che ora, grazie a questo libro, risuoneranno per sempre.

Guerra bianca
0 0 0
Modern linguistic material

Robbiati, Paolo <1885-1973> - Viazzi, Luciano <1930->

Guerra bianca : Ortles, Cevedale, Adamello : 1915-1916 / Paolo Robbiati, Luciano Viazzi

Mursia, 2016

Abstract: Il libro è una lunga narrazione diaristica sulla guerra in Adamello redatta da un valoroso artigliere, comandante di una batteria da montagna. Sempre sereno e calmo, anche quando le batterie nemiche gli centravano l'osservatorio in cui si trovava, Robbiati riporta minutamente tutto quello che ha visto e che ha fatto, dicendo sempre la verità, anche quando è sicuro di suscitare qualche malumore.

Sei petali di sbarre e cemento
0 0 0
Modern linguistic material

Quatela, Antonio <1942->

Sei petali di sbarre e cemento : Milano, carcere di San Vittore : 1943-1945 / Antonio Quatela

2. ed.

Mursia, 2014

Abstract: L'occupazione di San Vittore da parte dei tedeschi dopo l'8 settembre 1943 è uno degli episodi più cupi e dimenticati della storia di Milano. Il carcere, infatti, è stato il primo campo di concentramento sorto in Italia, precedente anche a Fossoli, a Bolzano-Gries e alla Risiera di San Sabba: tra il '43 e il '45 vi furono deportati a migliaia antifascisti ed ebrei prima di essere indirizzati verso gli orrori dei campi di sterminio. A dirigere le operazioni di polizia dall'Albergo Regina era il capitano della Gestapo Theodor Saevecke, coadiuvato per la cattura degli ebrei dal maresciallo delle SS Otto Koch e per i detenuti politici dal maggiore Ferdinando Bossi dell'UPI. Le violenze, le torture e le ruberie che gli arrestati furono costretti a subire testimoniano la crudeltà gratuita dei loro aguzzini. Ma questi atroci episodi non cancellano i segni di profonda solidarietà umana che singole guardie carcerarie, medici e infermieri, suore e sacerdoti dimostrarono con la loro presenza ai prigionieri. In questo libro parlano i protagonisti che ebbero la sventura di sperimentare i bracci infernali del carcere milanese prima di finire nei lager tedeschi e di sopravvivere ad essi con tracce indelebili nel corpo e nello spirito.

Diario di guerra
0 0 0
Modern linguistic material

Bissolati, Leonida <1857-1920>

Diario di guerra : i taccuini del soldato-ministro : 1915-1918 / Leonida Bissolati ; a cura di Alessandro Tortato

Mursia, 2014

Abstract: Leonida Bissolati soldato-ministro, ma anche socialista-riformista, interventista-democratico, anti o filo-cadorniano, wilsoniano, massone: un personaggio complesso, talora apparentemente contraddittorio se non ambiguo (basti pensare al rapporto con il generale Luigi Cadorna). Volontario alpino nel 1915 a 58 anni, ferito gravemente e nominato ministro l'anno seguente, annotò la sua straordinaria Grande Guerra su undici taccuini di formato tascabile, ora proposti per la prima volta in edizione integrale, senza censure, e completati in Appendice dalle lettere alla moglie, da alcuni discorsi e dai carteggi con i principali attori della scena politica e militare nazionale. La cronaca quotidiana è ripetutamente interrotta e ripresa, in concomitanza con le vicende che videro protagonista il ministro-soldato che portò la politica in trincea e la trincea nella politica. Con la sua varietà stilistica, dalla sintesi della cronaca ai toni poetici alpini, alla polemica politica appassionata, il diario di Bissolati è uno dei documenti più importanti per aiutarci a comprendere quali potenti tensioni e pulsioni la Grande Guerra abbia acceso nell'umanità mondiale e nel panorama politico italiano.

Gli italiani in guerra
0 0 0
Modern linguistic material

Cavaciocchi, Alberto <1862-1925>

Gli italiani in guerra / Alberto Cavaciocchi ; a cura di Andrea Ungari ; prefazione di Antonino Zarcone

Mursia, 2014

Abstract: «L’Italia ha giovato in misura notevole alla propria causa e a quella degli Alleati, e ha messo in evidenza le splendide qualità militari dei propri soldati, i quali andarono incontro a sacrifici e sostennero privazioni e disagi che difficilmente trovano confronto in altri ricordi di guerra.»Il generale Alberto Cavaciocchi, comandante del IV Corpo d Armata nel 1917, fu uno degli ufficiali coinvolti nella sconfitta di Ca-poretto, ma è stato anche un esperto storico militare e direttore dell'Ufficio Storico dell’Esercito dal 1906 al 1910. Le sue qualità di scrittore si rivelano in questo volume rimasto finora inedito, che ricostruisce in maniera approfondita le gesta degli italiani durante la Prima guerra mondiale. Attraverso la descrizione degli avvenimenti militari, inquadrati nel più generale contesto europeo e analizzati anno per anno, emerge chiaramente il contributo decisivo che l’Esercito italiano diede alla vittoria finale dell’Intesa. Sin dalle prime pagine, il generale mette in luce il valore e l’eroismo delle nostre truppe, riconosciuti persino dal nemico, anche di fronte ai momenti di tragica sconfitta.Abbinando una visione critica degli eventi con il necessario gusto letterario, questo libro si inserisce a pieno titolo nel solco delle grandi opere che la storiografia militare dedicò alla Grande Guerra.

Un fante in Russia
0 0 0
Modern linguistic material

Sorgente, Giuseppe <1922->

Un fante in Russia : la tragedia della Divisione Vicenza 1942-1943 / Giuseppe Sorgente

Mursia, 2014

Abstract: «Tutto questo io l’ho scritto solo percorrendo i solchi profondi che la Ritirata ha segnato nel mio spirito, nella mia memoria, nella mia vita, perché tutti conoscano i sacrifìci sopportati, i rischi corsi, la fine tragica dei soldati più sfortunati, gli errori commessi, le responsabilità dei capi militari e politici.»Luglio 1942: Giuseppe Sorgente, vent’anni, parte con la divisione di Fanteria «Vicenza» per il fronte russo, dove rimarrà fino alla primavera del ’43 partecipando a tutte le azioni più drammatiche di questa campagna, da Stalingrado a Nikolajewka. La tragedia della Ritirata dell’ARMIR lo segna profondamente e per sempre, ma riesce a sopravvivere e a tornare in patria dove, dopo l’Armistizio, affronta un lungo viaggio a piedi e in treno attraverso la penisola italiana. Durante il cammino verso casa si trova coinvolto in una serie di disavventure che supera con coraggio e astuzia, riuscendo a prendersi gioco di una cinquantina di tedeschi con un fucile scarico e fornendo agli Meati informazioni militari importanti.A settantanni di distanza, nel suo racconto spontaneo e diretto, dal punto di vista di soldato semplice di un corpo di Fanteria, denuncia la disorganizzazione con cui la campagna di Russia fu affrontata, senza armamento ed equipaggiamento adeguati, il comportamento degli ufficiali che lasciarono i loro reparti pensando solo a salvarsi, l’estenuante marcia di migliaia di giovani soldati come lui che, nella neve e nel buio, avevano come punto di riferimento solo il proprio compagno davanti.

ConPassione e leggerezza
0 0 0
Modern linguistic material

Scardovelli, Mauro <1948->

ConPassione e leggerezza : dietro le quinte della psicoterapia e della guarigione / Mauro Scardovelli

Mursia, 2013

Abstract: Uomini freddi e grigi, funzionari della burocrazia anonima, stanno occupando gli ultimi spazi vitali, rendendo faticoso ogni nostro gesto, nelle aziende come nelle università o negli ospedali. In un mondo dominato da loro non c’è posto per bambini, per piante e per animali, né per una generazione di nuove idee. L’attuale crisi globale non è finanziaria, ma spirituale. Abbiamo bisogno di uomini colorati, di poeti dal cuore caldo, di ricercatori autentici, capaci di farci intravvedere terreni vergini, non inquinati da dogmi e ingessature della mente, dove nuove idee e nuovi stili di vita possano generarsi. In questo volume, Mauro Scardovelli si confida attraverso una scrittura lasciata libera di scorrere tra ricordi, immagini, riflessioni che confluiscono in un unico tema di ricerca: come liberare l’animo umano, individuale e collettivo, dai virus del pensiero e dagli inquinanti egoici, che rendono l’uomo nemico di sé e del bene comune. Per aprirci a un futuro possibile.

Trincee
0 0 0
Modern linguistic material

Salsa, Carlo <1893-1962>

Trincee : confidenze di un fante / Carlo Salsa ; prefazione di Luigi Santucci

5. ed.

Mursia, 2013

Chi ha ucciso Lumi Videla?
0 0 0
Modern linguistic material

Barbarani, Emilio

Chi ha ucciso Lumi Videla? : il golpe di Pinochet, la diplomazia italiana e i retroscena di un delitto / Emilio Barbarani ; prefazione di Giorgio Galli

Mursia, 2012

Abstract: 1974: mentre in tutto il mondo centinaia di migliaia di persone manifestano contro il golpe di Pinochet, che da un anno ha precipitato il Cile nel buio di una dittatura sanguinaria, a Santiago Emilio Barbarani, giovane diplomatico italiano, tiene in scacco la temibile DINA, la polizia segreta, proteggendo e salvando centinaia di rifugiati politici. Due anni vissuti pericolosamente quelli di Barbarani, tra spie, intrighi, scontri politici, storie d'amore, colpi di mano, sparatorie e un delitto da risolvere: nel giardino dell'Ambasciata viene trovato il corpo martoriato di Lumi Videla, militante del Mir, movimento rivoluzionario di sinistra. Uccisa in Ambasciata, dicono i golpisti; torturata ed eliminata, affermano gli oppositori. Tra mille difficoltà e spesso a rischio della propria vita Barbarani si trova a gestire l'inchiesta giudiziaria e contemporaneamente la difficile situazione dei rifugiati bloccati in Ambasciata. E per farlo dovrà ricorrere a tutta la sua intelligenza, al suo fascino e a una buona dose di audacia. Una pagina sconosciuta degli anni della guerra fredda scritta con il ritmo di una spy-story in cui le vicende umane si intrecciano con l'analisi politica della situazione che portò al golpe, la denuncia della crudeltà del regime, le contraddizioni dei movimenti e il ruolo della diplomazia a Santiago.

Tappe della disfatta
0 0 0
Modern linguistic material

Weber, Fritz <1895-1972>

Tappe della disfatta / Fritz Weber

Mursia, 2012

Abstract: La Grande Guerra raccontata dall'altra parte delle linee, quella dei nemici austriaci.A descrivere le carneficine degli attacchi in massa, il terrore dei bombardamenti e l'inferno della trincea h un tenente d'artiglieria che in quei lunghi mesi visse le fasi alterne del conflitto su tutti i settori del fronte italiano. Un'opera di grande valore storico che, nello stesso tempo, rispecchia gli effetti emotivi di un'esperienza sconvolgente, fatta di sudore e sangue, coraggio e rassegnazione. Dagli altopiani dell'Isonzo al Pasubio, da Caporetto all'ultima offensiva sul Piave del giugno 1918, la dimensione autobiografica si dilata per coinvolgere il destino di centinaia di migliaia di uomini. Tutti uguali nell'orrore, tutti vittime del fuoco che brucia le nazioni.Fritz Weber (1895-1972) combatte la Prima guerra mondiale nell'esercito autro-ungarico con il grado di tenente d'artiglieria.

Fughe
0 0 0
Modern linguistic material

Isacchini, Valeria

Fughe : dall'India all'Africa, le rocambolesche evasioni di prigionieri italiani / Valeria Isacchini

Mursia, 2012

Abstract: Primo dovere di un militare prigioniero è cercare di fuggire. Un imperativo anche per molti soldati italiani finiti in mano inglese durante la Seconda guerra mondiale. Molti ci provarono, pochi ci riuscirono. Le avventure di questi uomini in fuga sono rimaste impresse nelle pagine di storia per coraggio, audacia e fantasia. Come quella dei due sommergibilisti Camillo Milesi Ferretti e Elios Toschi che si danno alla macchia una prima volta mescolandosi nella folla variopinta di Bombay, poi attraversando a piedi le impervie montagne dell'Himalaya, quella dell'aristocratico fiorentino Vanni Corsini che riesce a scappare dal campo di Eldoret insieme ad altri quattro amici, spacciandosi per un ufficiale inglese, quella di Pasquale Landi e Giorgio Pozzolini che dopo mesi di clandestinità affrontano un'odissea attraverso il Medio Oriente e i Balcani, oppure quella commovente di Giovanni Balletto, Enzo Barsotti e Felice Benuzzi evasi per scalare una vetta del monte Kenya e piantarci la bandiera italiana il 6 febbraio 1943.

La rotta della morte
0 0 0
Modern linguistic material

Accini, Libero <1905-1975>

La rotta della morte : Canale di Sicilia, 1942-1943 / Libero Accini

Mursia, 2012

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Dalla viva voce del corrispondente di guerra Accini, il racconto dei tragici avvenimenti che nel 1942-1943 videro, nel Canale di Sicilia, la distruzione quasi completa della nostra flotta mercantile e l'affondamento di numerose unità della Regia Marina. L'autore racconta le estenuanti missioni dei dragamine a caccia degli ordigni seminati dagli inglesi nelle acque del Mediterraneo centrale, le veloci crociere antisommergibile dei mas e delle motosiluranti, la pericolosissima navigazione di scorta ai convogli che percorrevano la rotta della morte fino alla resa delle forze armate italo-tedesche.

Pippo vola sulla città
0 1 0
Modern linguistic material

Quatela, Antonio <1942->

Pippo vola sulla città : ricordi e testimonianze di bambini e ragazzi milanesi tra fascismo, guerra e Resistenza / Antonio Quatela

Mursia, 2012

I testimoni muti
0 0 0
Modern linguistic material

Zandel, Diego <1948->

I testimoni muti : le foibe, l'esodo, i pregiudizi / Diego Zandel

Milano : Mursia, 2011

Abstract: Le foibe, l'esodo giuliano-dalmata, l'esilio, gli odi e i pregiudizi politici: ricordi personali e storia s'intrecciano sul filo di una memoria personale che si fa pagina di storia collettiva. La voce narrante è quella di un bambino nato in un campo profughi, cresciuto in estrema povertà circondato dal silenzio doloroso degli adulti; sarà l'incontro con un uomo, un testimone muto della tragedia a condurlo verso una nuova consapevolezza delle sue radici e della sua storia. Un libro che non concede sconti e getta uno sguardo scomodo sugli avvenimenti seguiti al 1947 e al Trattato di pace di Parigi, nel tentativo di riannodare un filo spezzato dagli estremismi del secolo scorso dando voce a quanti soffrirono quei drammi, e nella speranza di far conoscere a tutti una materia spesso considerata d'altri.

I ribelli della Resistenza
0 0 0
Modern linguistic material

Francio <1920-1946>

I ribelli della Resistenza : venti mesi di lotta e speranza / Francio

Mursia, 2011

Abstract: Testimone delle ultime ore di Mussolini, Francesco Magni, nome di battaglia «Francio», descrive la lotta combattuta dai ribelli per amore della libertà, tra il settembre del '43 e l'aprile del '45 sulle Prealpi lombarde, sulla base dei documenti ufficiali del CLN, delle relazioni dei comandanti e della sua personale partecipazione alla Resistenza. Dai primi gruppi spontanei di partigiani alla costituzione della 40ª brigata «Matteotti» e della 55ª brigata «Fratelli Rosselli», dai primi rastrellamenti e fucilazioni da parte dei nazifascisti al piano progettato ma non realizzato di liberare Galeazzo Ciano, in carcere a Verona, dai combattimenti dell'aprile del '45 alla cattura e alla morte del duce e di Claretta Petacci sul lago di Como: questi gli eventi che ricostruisce «Francio» e a cui partecipò insieme ai suoi compagni partigiani «Al», «Nino», «Pedro », «Mina» e «Monti», nome di battaglia di Enrico Mattei.

Tutte le strade portano ad Assisi
0 0 0
Modern linguistic material

De Bernardi, Carla

Tutte le strade portano ad Assisi / Carla De Bernardi

Milano : Mursia, 2011

Abstract: Un viaggio a piedi di quasi 300 chilometri in dodici tappe, dalla costa romagnola ad Assisi, sulle orme di Francesco e dei suoi compagni, attraverso l'Appennino, le foreste del Casentine Camaldoli, Sansepolcro, Città di Castello, Gub-bio. Un cammino lungo sentieri e strade medievali, a contatto con la natura, con gli animali selvatici e con la ricca storia dei territori attraversati, dall'origine del monachesimo alle bande partigiane, in luoghi che richiamano i colori di Michelangelo e di Piero della Francesca ed evocano continuamente i versi di Dante e i personaggi della sua Commedia. Il diario di viaggio diventa anche una guida ricca dì informazioni e suggerimenti su aspetti pratici come l'allenamento preliminare e la preparazione dell'equipaggiamento perfetto, dove dormire e dove mangiare lungo il percorso, come affrontare le diffi-coli à delle singole tappe nei tratti più impervi e in salita e dove la segnaletica dei sentieri è meno precisa. E il cammino del corpo conduce l'anima in un percorso spirituale, emotivo e culturale, anche attraverso le feste locali e i piatti della nostra tradizione.

Di tre desideri me ne bastano due
0 0 0
Modern linguistic material

Albertetti, Paola - Tollari, Alessandro

Di tre desideri me ne bastano due : un anno con Valentina Magli / Paola Albertetti, Alessandro Tollari

Mursia, 2011

Abstract: Questa è la storia di Valentina Magli. Ha ventitré anni, i capelli castani, un sorriso accattivante, e le piace guardare dalla finestra. È stata allieva del liceo scientifico Amaldi di Orbassano, in provincia di Torino. Ora la scuola è finita, ma lei non è felice come i suoi compagni, perché andare a scuola è uno dei pochi modi che ha per entrare nel mondo, per non rimanere sola alla finestra. Infatti, Valentina è una ragazza diversamente abile. La sua malattia le impedisce di fare tante cose e soprattutto di parlare: deve digitare ogni parola al computer, tasto dopo tasto, con fatica, pazienza, interruzioni. Questa è anche la storia di una ventina di ragazzi, gli studenti della terza I. Insieme alla loro insegnante elaborano un progetto per aiutare Valentina: nel nuovo anno scolastico, ogni venerdì pomeriggio si incontreranno con lei per raccontare la sua storia, una realtà dura in cui è sottoposta al rischio continuo di essere presa per una stupida. E il dialogo prosegue anche a casa nel corso della settimana: i ricordi e le confidenze dei ragazzi viaggiano attraverso il computer, via e-mail, e ne esce un bel ritratto di una generazione che spesso sa anche impegnarsi e riflettere.

Una vita per la professione
0 0 0
Modern linguistic material

Bernoni, Giuseppe

Una vita per la professione : cinquant'anni di ricordi e incontri di un commercialista milanese / Giuseppe Bernoni ; a cura di Gianni Fossati e Isidoro Trovato

Milano : Mursia, 2011

Tutto per l'Italia
0 0 0
Modern linguistic material

Pivetta, Sergio

Tutto per l'Italia : diario di un alpino del Battaglione "Piemonte", 1943-1945 / Sergio Pivetta ; prefazione di Luigi Morena

Milano : Mursia, 2011

Abstract: Il sergente Pivetta aveva ventun anni quando, come alpino del Battaglione Piemonte, costituito dopo l'armistizio e inquadrato nell'esercito del Regno del Sud, si ritrovò a combattere la guerra di Liberazione a fianco delle truppe anglo-americane. Le operazioni a cui partecipò sulle montagne molisane e abruzzesi dell'Appennino e sulle colline marchigiane ed emiliane erano sicuramente meno tragiche rispetto a quelle del fronte russo e greco-albanese, con disponibilità di mezzi e con i soli rischi della battaglia, senza quelli di fame e freddo. Tuttavia, gli alpini del Piemonte furono messi a dura prova da ripide pareti rocciose e scoscesi canaloni ghiacciati, con il nemico sopra la testa asserragliato in rifugi in caverna sicuri e attrezzati. Il battaglione dimostrò coraggio e attaccamento alla Patria, dalla conquista di Monte Marrone (fronte di Cassino), baluardo ritenuto inespugnabile dai tedeschi e inattaccabile dagli Alleati, alla liberazione di Jesi, al vittorioso combattimento di quota 363 in Val d'Idice (fronte di Bologna). Questo libro ripropone il diario di guerra che il giovane alpino ha scritto, giorno per giorno, in tenda, a lume di candela o sotto le stelle, più spesso sotto il sole, tra un combattimento e l'altro, raccontando sei mesi in prima linea, tra il marzo e il settembre del 1944.