E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti (nella colonna a sinistra), oppure utilizzando il box di ricerca veloce o la relativa ricerca avanzata.

Include: all following filters
× Subject Cataloghi di esposizioni
Include: none of the following filters
× Names Bossaglia, Rossana <1925-2013>

Found 18319 documents.

Show parameters
Vitaliano VI Borromeo
0 0 0
Modern linguistic material

Vitaliano VI Borromeo : l'invenzione dell'Isola Bella / a cura di Alessandro Morandotti, Mauro Natale

Rizzoli, 2020

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Un volume dedicato al personaggio influente e illuminato al quale la nobile famiglia Borromeo deve il suo gioiello architettonico, il palazzo barocco dell'Isola Bella, tra i luoghi più visitati d'Italia. La famiglia Borromeo, che ha avuto fin dalle origini medievali una forte vocazione imprenditoriale, ha costruito nei secoli un patrimonio di bellezze di cui il palazzo dell'Isola Bella è l'espressione più compiuta. Al colto principe Vitaliano VI (1620-1690) è dedicata la mostra che aprirà a fine marzo sull'isola. Il volume narra la storia di Vitaliano VI e della sua ambiziosa impresa di costruire sull'isola del lago Maggiore una dimora sfarzosa con una collezione di dipinti, sculture e oggetti d'arte di grande pregio. La galleria dei quadri - la più importante pinacoteca privata ancora esistente in Lombardia - la sala del trono, le favolose grotte decorate con ciottoli di fiume sono tra gli ambienti che ogni anno attirano sull'isola quasi mezzo milione di visitatori da tutto il mondo. Curato da due studiosi del barocco lombardo, il libro è illustrato.

Ulisse
0 0 0
Modern linguistic material

Ulisse : l'arte e il mito / catalogo a cura di Gianfranco Brunelli ... [et al.]

Silvana, 2020

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Quanti Ulisse! E quante Odissee! Il protagonista dell'Odissea è il più antico e il più moderno personaggio della letteratura occidentale. Egli getta un'ombra lunga sull'immaginario dell'uomo, in ogni tempo. L'arte ne ha espresso e reinterpretato costantemente il mito. Raccontare di Ulisse ha significato raccontare di sé, da ogni riva del tempo, e raccontarlo utilizzando i propri alfabeti simbolici, la propria forma artistica, attribuendogli il significato del momento storico e del proprio sistema di valori. Dall'Odissea alla Commedia dantesca, da Tennyson a Joyce e a tutto il Novecento, di volta in volta, Ulisse è l'eroe dell'esperienza umana, della sopportazione, dell'intelligenza, della parola, della conoscenza, della sopravvivenza e dell'inganno. È "l'uomo dalle molte astuzie" e "dalle molte forme".

Un artista chiamato Banksy
0 0 0
Modern linguistic material

Un artista chiamato Banksy

SAGEP, 2020

Abstract: Originario di Bristol, il celeberrimo quanto misterioso writer anglosassone è considerato uno dei maggiori esponenti della Street Art. A pochi giorni di distanza dalla sua ultima creazione, Game Changer, opera donata al General Hospital di Southampton in cui è raffigurato un bambino che ai tradizionali supereroi preferisce una bambola vestita da infermiera, Ferrara gli rende omaggio con la mostra Un artista chiamato Banksy, curata da Gianluca Marziani, Stefano Antonelli e Acoris Andipa, prodotta e organizzata dall'Associazione Culturale MetaMorfosi. L'esposizione si compone di oltre 100 opere dell'artista britannico, tra cui alcuni dipinti, serigrafie e numerosi stencil. Oltre a questi, il pubblico avrà l'occasione di ammirare anche alcuni oggetti installativi e memorabilia. Il catalogo della mostra rappresenta anche una monografia su uno degli artisti più discussi e, al tempo stesso, ammirati del nuovo millennio. Da Dismaland print a Love Is In The Air, da Barcode a Monkey Queen, da Girl with Balloon a Mickey Snake, il lettore avrà la possibilità di intraprendere un lungo viaggio attraverso la rivoluzionaria e originale poetica del writer inglese senza identità.

Tomàs Saraceno
0 0 0
Modern linguistic material

Tomàs Saraceno : aria

Palazzo Strozzi : Marsilio, 2020

Sguardi privati
0 0 0
Modern linguistic material

Sguardi privati : volti e personaggi di Valcamonica tra '600 e '700 / [catalogo della mostra a cura di Federico Troletti]

Museo Camuno : Compagnia della stampa Massetti Rodella, 2020

Abstract: I volti delle donne e degli uomini che hanno vissuto e fatto grande, con il lavoro e con la cultura, la Valcamonica: una raccolta di rittratti raffiguranti la borghesia e la nobiltà camuna tra Seicento e Ottocento. La mostra ha ospitato dipinti di istituzioni pubbliche, musei e proprietà private.

De re aedificatoria
0 0 0
Modern linguistic material

De re aedificatoria : opere di Mario Pozzan / a cura di Paolo Conti, Valter Rosa e Andrea Visioli

[S.n.], 2020

Letizia Battaglia
0 0 0
Modern linguistic material

Letizia Battaglia : fotografia come scelta di vita = photography as a life choice / a cura di = edited by Francesca Alfano Miglietti

Marsilio, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: In occasione della mostra "Letizia Battaglia, Fotografia come scelta di vita", (Venezia, Casa dei Tre Oci) Marsilio pubblica un volume antologico che raccoglie ben 300 scatti, molti dei quali inediti, provenienti dall’archivio storico della grande fotografa, con l’intento di raccontare un’artista, una donna e una vita. Letizia Battaglia è riconosciuta come una delle figure più importanti della fotografia contemporanea non solo per i suoi scatti saldamente presenti nell’immaginario collettivo, ma soprattutto per il valore civile ed etico da lei attribuito al fare fotografia. Nel catalogo oltre al saggio introduttivo della curatrice Francesca Alfano Miglietti, sono presenti interventi di noti personaggi quali il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, Filippo La Mantia, e il fotografo Paolo Ventura. Un saggio di Maria Chiara Di Trapani racconta inoltre la vita nell’archivio della fotografa. Si presenta una Letizia Battaglia inedita, fotografa di mafia ma anche della bellezza: dagli omicidi di piazza a Milano negli anni settanta agli animali, le coppie, i baci; l’inconsapevole eleganza delle bambine del quartiere Cala a Palermo; le processioni religiose, lo scempio delle coste siciliane, i volti di Giovanni Falcone, Pier Paolo Pasolini e di tante donne nelle quali la fotografa si rispecchia. Nel volume si documentano inoltre l’impegno politico, l’attività editoriale, quella teatrale e cinematografica e la recente istituzione del Centro internazionale di fotografia a Palermo.

La bellezza della fede
0 0 0
Modern linguistic material

La bellezza della fede : l'arredo sacro tra liturgia e storia a Brignano Gera d'Adda : catalogo della mostra, Brignano Gera d'Adda, Palazzo Visconti, 27 aprile-19 maggio 2019 / a cura di Beatrice Bolandrini

Parrocchia di Santa Maria Assunta, [2019]

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0
Leonardo e i suoi libri
0 0 0
Modern linguistic material

Leonardo e i suoi libri : la biblioteca del genio universale / a cura di Carlo Vecce

Giunti, 2019

Abstract: Nell’anno delle celebrazioni mondiali del cinquecentenario dalla morte di Leonardo da Vinci, una mostra fiorentina affronta un tema curioso e avvincente: come lavorava Leonardo? Che competenze di studio possedeva? Che libri leggeva e possedeva? Leonardo non era un “omo sanza lettere”, come definiva se stesso con un po’ di ironia. Era un appassionato lettore, cacciatore e collezionista di libri. Alla fine della sua vita, arriverà a possedere quasi duecento volumi: un numero straordinario per un ingegnere-artista del Quattrocento. La biblioteca di Leonardo è in realtà una biblioteca ‘perduta’: un solo libro di sua proprietà è stato finora identificato, il trattato di architettura e ingegneria di Francesco di Giorgio Martini conservato nella Biblioteca Laurenziana di Firenze, con postille autografe dello stesso Leonardo. Per la prima volta, la mostra presso il Museo Galileo di Firenze tenta la ricostruzione di questa biblioteca: i documenti della famiglia, i primi libri del giovane Leonardo (Dante, Ovidio), i grandi maestri (Alberti, Toscanelli, Pacioli). Viene inoltre ricostruito lo studio di Leonardo con gli strumenti di scrittura e da disegno da lui utilizzati. La mostra, a cura di Carlo Vecce, è realizzata dal Museo Galileo in collaborazione con Commissione per l’Edizione Nazionale dei Manoscritti e dei Disegni di Leonardo da Vinci, Accademia Nazionale dei Lincei e Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.

Typos
0 0 0
Modern linguistic material

Typos : Giorgio Tentolini / a cura di Valter Rosa

Biblioteca A. E. Mortara, 2019

Abstract: Nei lavori di Tentolini l’immagine affiora tramite differenti scansioni e livelli di luminosità costruiti sapientemente attraverso la sovrapposizione di materiali di volta in volta diversi, dall’acetato al plexiglass, dalla carta alle reti – siano esse in pvc, di tulle, o metalliche. E proprio di fredda rete metallica sono fatte la maggior parte delle opere esposte in mostra. Accanto a queste opere troviamo anche la serie in carta denominata Edge, i cui soggetti – ritagliati a partire dal bordo di fotografie rubate a passanti, sconosciuti o turisti – danno luogo a rilievi altimetrico-chiaroscurali incisi nella carta.

Zehra Doğan
0 0 0
Modern linguistic material

Zehra Doğan : avremo anche giorni migliori : opere dalle carceri turche / a cura di Elettra Stamboulis

Skira, 2019

Abstract: È nell'uso del plurale, in quel verbo avremo, che ci coinvolge tutti, che consiste la chiave interpretativa della pratica artistica della giovane artista e giornalista curda del sudest della Turchia. La potenza immaginifica della sua mano è il risultato della riflessione e della relazione di una specifica collettività, quella delle donne detenute con Zehra nelle prigioni di Mardin, Diyarbakir, Tarso. Due anni e nove mesi di prigione per un disegno su Twitter e una lettera di una bambina di dieci anni pubblicata: questo periodo è diventato l'occasione per mostrare che la resistenza che passa attraverso l'arte non si può ingabbiare. Sostenuta da artisti come Banksy e Ai Weiwei durante la detenzione, ha affrontato con cocciutaggine e inesauribile ottimismo insieme alle altre la prigionia. L'ha guidata la fede nella potenza liberatoria e nella possibilità di cambiamento positivo dell'arte. "Non devi voltare le spalle alle fonti che ti nutrono. Sono nata in Curdistan. Sono cresciuta e mi sono formata con i disegni del Curdistan, e queste ricchezze hanno dato senso alla realtà. Sì, le ingiustizie e i massacri in cui viviamo sono una terribile disgrazia, ma abbiamo anche meravigliose opportunità [...]. Può essere considerato quasi un lusso. Questo deve essere ben compreso e ben interpretato. Voltare le spalle a questa realtà sarebbe un grande errore". Fedele alla sua terra, è costretta oggi a un auto esilio che non ferma però il suo pennello.

Nel cuore dei diritti
0 0 0
Modern linguistic material

Nel cuore dei diritti : i disegni e i sogni dei bambini, i doveri e le responsabilità degli adulti

Fondazione PInAC, 2019

Abstract: Catalogo della mostra tenuta a Rezzato dal 28 settembre 2019 al 28 giugno 2020 sui diritti dell'infanzia

Canova
0 0 0
Modern linguistic material

Canova : i volti ideali / a cura di Omar Cucciniello e Paola Zatti

Electa, 2019

Abstract: Il volume è il catalogo della mostra, allestita alla GAM di Milano dal 25 ottobre 2019 al 15 marzo 2020, che ricostruisce la genesi e l'evoluzione della tipologia di busti femminili realizzati da Canova all'apice della sua carriera. In mostra 30 opere, di cui oltre 20 Canova, provenienti da prestigiosi musei internazionali. I busti, chiamati da Canova stesso "teste ideali", ebbero immediata fortuna tra i contemporanei, sia presso la committenza sia presso la critica. I saggi contenuti nel catalogo ricostruiscono per la prima volta la storia di questo filone, a partire dai modelli classici e dal significato attribuito da Canova stesso, per arrivare alla fortuna, alterna, delle sue sculture nel corso del Novecento. Seguono le schede delle opere, raggruppate per temi o per prototipi, in cui si delinea la genesi sia dei soggetti sia delle singole sculture, collocandole, attraverso l'analisi di documenti dell'epoca, nel contesto storico e nella vicende biografiche di Canova. In chiusura si dà conto delle caratteristiche dell'allestimento, basato su un attento studio dei materiali, delle proporzioni spaziali e del rapporto visivo tra i busti e lo spettatore, a cui lo stesso Canova poneva grande attenzione.

U.mano
0 0 0
Modern linguistic material

U.mano : arte e scienza, antica misura, nuova civiltà / a cura di Andrea Zanotti

Bononia University Press, 2019

Abstract: Catalogo della mostra dedicata alla mano e sviluppata su più piani di lettura: dall’esplorazione dell’interiorità dell’uomo all’aprirsi alla comprensione dell'universo che gli sta intorno, in stretto e inevitabile collegamento con il cervello. La mano è l'elemento di raccordo tra la dimensione del fare e quella del pensare ed è quindi rappresentativa della prospettiva di azione di Fondazione Golinelli nel recuperare il segno di un legame oggi perduto: quello tra arte e scienza, che proprio nella cultura italiana ha raggiunto il suo culmine. La riflessione sul tema della mano consente così di indagare il ruolo dell’uomo in un presente dominato dalla tecnologia.

Figure per Gianni Rodari
0 0 0
Modern linguistic material

Figure per Gianni Rodari = Illustrators for Gianni Rodari : eccellenze italiane = italian excellence

Einaudi ragazzi, 2019

Abstract: Catalogo della mostra Eccellenze italiane – Figure per Gianni Rodari, organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di San Francisco in collaborazione con Bologna Children’s Book Fair. 21 illustratori, 21 interpretazioni visive che accompagnano il lavoro di Gianni Rodari dagli anni ’60 alla contemporaneità.

Cent'anni fa... la Grande guerra
0 0 0
Modern linguistic material

Cent'anni fa... la Grande guerra : 1914-1918

Associazione storica Cimetrincee, 2019

Abstract: Il libro raccoglie il lavoro del progetto omonimo iniziato dai soci lombardi nel 2013. Dedicato alle terribili vicende della Prima Guerra Mondiale, di cui ricorre proprio quest’anno il centenario dell’entrata in guerra dell’Italia. I colori vivi e intensi delle cartoline, messe a disposizione dai collezionisti di Cimeetrincee, insieme a fotografie inedite, hanno restituito il carattere originario dei tempi. Una mostra visiva, retta da immagini che hanno permesso d’immergersi in una storia fondamentale e ancora attuale del nostro recente passato. Ridotti all’essenziale i testi. Mostrando le fotografie, le cartoline, le uniformi e i ricordi della Prima Guerra Mondiale si è voluto ricordare cosa significasse all'epoca combattere e morire sulle pietraie del Carso, in una fangosa trincea del fronte occidentale o fra le rovine di una città bombardata.

L'arte di costruire un capolavoro: la colonna traiana
0 0 0
Modern linguistic material

L'arte di costruire un capolavoro: la colonna traiana / a cura di Giovanni Di Pasquale

Giunti : Firenze Musei, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: La ricostruzione della straordinaria avventura dell'edificazione della Colonna Traiana, illustrata a partire dalla sua progettazione passando attraverso le tecniche e gli strumenti utilizzati dagli uomini che resero possibile quel risultato. La colonna fu eretta a Roma nel II secolo d.c. per volere dell'imperatore Traiano dopo la conquista della Dacia. Il catalogo analizza la storia e la struttura di questo capolavoro di arte romana, dal punto di vista costruttivo e artistico (lungo tutta la sua superficie si svolge un racconto a bassorilievo delle campagne vittoriose dell'imperatore). Ma ripercorre anche il lungo viaggio dei giganteschi blocchi di marmo dalle cave delle Apuane fino alle ingegnose soluzioni per farli discendere intatti al mare e il loro trasporto sulle navi fino al cantiere della Colonna nel Foro traianeo; vicende che sono illustrate in questo volume attraverso i modelli dei dispositivi tecnici e delle macchine di sollevamento e posizionamento utilizzate dai romani. Decine di spettacolari ricostruzioni grafiche illustrano queste fasi con una ricca galleria di immagini.

Il meraviglioso mondo della natura
0 0 0
Modern linguistic material

Il meraviglioso mondo della natura : una favola tra arte, mito e scienza / a cura di Giovanni Agosti e Jacopo Stoppa ; con note sull'allestimento di Margherita Palli e Pasquale Mari

24 ore cultura, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Pensata in occasione delle celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, la mostra consente ai visitatori di dare uno sguardo spettacolare sulla rappresentazione artistica della natura, lungo un arco cronologico che va dal Quattrocento al Seicento, con un'attenzione particolare allo scenario lombardo. Promosso e prodotto dal Comune di Milano | Cultura, Palazzo Reale e 24 Ore Cultura - Gruppo 24 Ore, il progetto coniuga arte e scienza sotto il comune denominatore della natura, rappresentata nelle sue centinaia di varietà animali e vegetali. Fulcro della mostra è infatti la ricostruzione, nella Sala delle Cariatidi, di uno dei più singolari complessi figurativi del Seicento in Italia, il Ciclo di Orfeo, commissionato da Alessandro Visconti per il proprio palazzo di Milano negli anni '70 del Seicento e ospitato in Palazzo Sormani dal 1877, dove è stato riallestito nei primissimi anni del Novecento e dove è divenuto noto come Sala del Grechetto.

Pietro Aretino e l'arte nel Rinascimento
0 0 0
Modern linguistic material

Pietro Aretino e l'arte nel Rinascimento / a cura di Anna Bisceglia, Matteo Ceriana, Paolo Procaccioli

Giunti : Firenze Musei, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Dipinti, sculture, oggetti di arte applicata, arazzi, miniature e libri a stampa, restituiscono un ritratto composito di Pietro Aretino (1492-1556), grande intellettuale, caustico provocatore, attore non secondario sulla scena diplomatica del Cinquecento. Una mostra e un catalogo che, a più voci, attingendo all'italianistica e alla storia dell'arte, restituiscono la sfaccettata identità di un protagonista il cui rilievo storico va ben oltre la fama, pur innegabile, di autore licenzioso. Nell'epoca che vede l'affermazione di Michelangelo e Raffaello a Roma e la diffusione oltre confine della cultura maturata nello sfarzo della corte di Giulio II, Leone X e Clemente VII, l'Aretino vive da par suo fra Arezzo, Perugia, Roma, Mantova e Venezia. Amico di Raffaello e Sebastiano del Piombo come del Sansovino e di Tiziano, protetto di Giulio de' Medici, compagno di Giovanni dalle Bande Nere, a Venezia trova infine una patria ideale. Spregiudicato e riottoso nei rapporti con il potere, mentre primeggiano in Europa Francesco I e Carlo V, il favore dei quali godrà in fasi diverse, ne tesse le trame con grande abilità. Al contempo alimenta la satira popolare dando voce al Pasquino, ed è un virtuoso cultore delle lettere, che declina in chiave parodistica e salace così come di temi d'argomento religioso. Provocatore nato, blasfemo e ricattatore per alcuni, è innanzitutto un eccezionale interprete del suo tempo. Il tempo anche del Bembo e dell'Ariosto, che nel suo poema ricorda «il flagello de' principi, il divin Pietro Aretino». La mostra "Pietro Aretino e l'arte del Rinascimento" è dedicata a un artista, ma innanzitutto a un uomo, vissuto al centro delle cose nel pieno della "Maniera moderna", secondo la definizione di Giorgio Vasari nelle sue Vite, pubblicate nel 1550 e nel 1568. Il catalogo, come la mostra, è scandito in cinque sezioni che illustrano i principali momenti della vicenda di Pietro, e l'avvicendarsi di scenari che vanno dagli esordi tra Arezzo e Perugia, all'approdo alla corte pontificia e al trasferimento nel Nord Italia, dapprima a Mantova e, infine, a Venezia. L'iconografia della pubblicazione è particolarmente ricca, le schede di catalogo si avvalgono delle competenze di 50 autori di diversa estrazione.

Carthago
0 0 0
Modern linguistic material

Carthago : il mito immortale / a cura di Alfonsina Russo ... [et al.]

Electa, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Questo volume viene pubblicato in occasione dell'omonima mostra, allestita a Roma presso il Parco archeologico del Colosseo dal 27 settembre 2019 al 29 marzo 2020. Il progetto curatoriale, nel suo complesso, nasce dalla scarsa attenzione finora posta sulla celebre metropoli nord-africana: mentre ai Fenici sono state, infatti, già dedicate alcune esposizioni (la più celebre quella di Palazzo Grassi del 1987), Cartagine non ha goduto finora di altrettanto interesse, nonostante il progredire degli studi. Le attività di scavo e di ricerca degli ultimi decenni, dunque, conferiscono al volume un oggettivo e alto interesse scientifico, offrendo l'occasione di fornire un quadro aggiornato delle conoscenze e di segnalare anche alcune novità e scoperte di rilievo. Oltre l'archeologia lo caratterizza un tuffo nella modernità, con l'affrontare il ruolo di Cartagine nell'immaginario collettivo attraverso uno straordinario corredo iconografico contemporaneo che coinvolge la letteratura, i fumetti, la musica, i videogame, naturalmente senza tralasciare il cinema. Si è cercato dunque di affrontare con un approccio particolare un soggetto familiare ai più: Cartagine, infatti, non può non evocare immediatamente Roma, tanto furono storicamente legate le vicende delle due grandi metropoli mediterranee. Insieme al volume viene pubblicato anche il catalogo della mostra, che ripercorre sezione per sezione il percorso espositivo e presenta la totalità degli oltre 400 pezzi esposti, provenienti dalle maggiori collezioni italiane e internazionali.