E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti (nella colonna a sinistra), oppure utilizzando il box di ricerca veloce o la relativa ricerca avanzata.

Include: all following filters
× Languages French

Found 32632 documents.

Show parameters
Alfabetiere interculturale
0 0 0
Modern linguistic material

Parenzan, Ramona <1973->

Alfabetiere interculturale : dei personaggi delle fiabe, racconti, miti e leggende del mondo / a cura di Ramona Parenzan

Coccolena, 2019

Abstract: I protagonisti che popolano le pagine dell'alfabetiere ci insegnano a leggere e interpretare gli eventi della vita in modo più immaginoso, saggio e interculturoso. Il mondo è come un grande albero di fiabe che è bello e piacevole leggere e gustare in compagnia!

Studi su Stendhal e La Certosa di Parma
0 0 0
Modern linguistic material

Balzac, Honoré de <1799-1850>

Studi su Stendhal e La Certosa di Parma / Honore de Balzac ; con la risposta di Stendhal ; a cura di Pino di Branco

La Vita felice, 2019

Abstract: «Monsieur Beyle, più conosciuto con lo pseudonimo di Stendhal è, secondo me, uno dei maestri più importanti della Letteratura delle Idee [...]. La Charteuse de Parme è, nella nostra epoca e fino ad ora, ai miei occhi, il capolavoro della Letteratura delle Idee, e Monsieur Beyle vi ha saputo fare delle concessioni alle altre scuole che le persone intelligenti possono accettare e che sono soddisfacenti per entrambi i campi.» Quando, il 14 ottobre 1840, il console francese a Civitavecchia Monsieur Henri Beyle, noto a noi come Stendhal, ricevette con il battello postale proveniente da Marsiglia il terzo numero della «Revue Parisienne», la rivista politico-letteraria fondata, diretta e quasi interamente scritta da Balzac, trasecolò. Più della metà della rivista era occupata da un articolo, un vero e proprio saggio letterario, intitolato Études sur M. Beyle, dedicato alla sua Certosa di Parma. E che articolo! In esso Stendhal veniva riconosciuto come uno dei maggiori scrittori della Francia contemporanea, un vero e proprio genio, e il romanzo il capolavoro di quella che veniva definita la Letteratura delle Idee [...]. Ma l'interesse dell'articolo non è limitato solo all'analisi letteraria che uno dei maggiori scrittori dell'Ottocento fa a uno dei maggiori capolavori della sua epoca, né allo stile in cui è scritto; forse l'interesse maggiore sta nel lungo riassunto che Balzac fa del romanzo di Stendhal [...]. L'articolo di Balzac ha avuto larga fortuna editoriale, ma in italiano è stato tradotto una sola volta, all'interno di un'antologia degli scritti critici di Balzac, da Mario Bonfantini nel 1958.

La strega
0 0 0
Modern linguistic material

Bavent, Magdelaine <1602-1652>

La strega : una storia vera : testo francese a fronte / Madeleine Bavent ; traduzione e cura di Anna Lia Franchetti

Clichy, 2019

Abstract: L'ampio dibattito demonologico che nel Cinquecento e Seicento coinvolse magistrati, medici, uomini di Chiesa è ben documentato e studiato... Ma chi ha raccontato la storia delle vittime? Questo libro è un'occasione per dare nuovamente voce a tutte le donne imprigionate o finite sul rogo con l'accusa di stregoneria. Madeleine Bavent, giovane religiosa in un convento francese, subisce per mano del suo confessore e del suo curato qualsiasi tipo di tortura psicologica e fisica, tanto da impazzire ed essere per questo accusata di possessione demoniaca. Attraverso la confessione che le viene estorta dai suoi esorcisti, Madeleine è costretta a rivivere i momenti cruciali della sua esistenza tormentata: dalla vocazione religiosa alla scoperta della sessualità, dall'iniziazione alle messe nere fino agli esorcismi, dalla prigionia ai ripetuti tentativi di suicidio, per arrivare infine al patto col diavolo e alla ribellione, che non esclude però la consapevolezza del peccato.

La pelle
0 0 0
Modern linguistic material

La pelle : Luc Tuymans

Marsilio, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Il fiammingo Luc Tuymans (Mortsel, 1958) è considerato uno dei più influenti pittori contemporanei e il punto di partenza del revival della pittura negli anni novanta. Tranquillo, sobrio, ma talvolta inquietante, il suo lavoro oscilla tra la storia e la sua rappresentazione e soggetti tratti dalla vita di tutti i giorni, raccontati sotto una luce diversa. Ripresi da iconografie esistenti, sembrano spesso sfuocati o poco colorati, come astrazioni in 3D della realtà. Mentre i primi lavori si basavano su fotografie di riviste, disegni, filmati televisivi e Polaroid, i più recenti includono materiale scaricato on-line, e immagini scattate con l'iPhone, stampate e talvolta rifotografate molte volte. Il catalogo di questa mostra (Venezia, Palazzo Grassi, 24 marzo 2019 - 6 gennaio 2020), la più grande monografica su Tuymans mai organizzata in Italia, con oltre 80 opere illustrate, è stato concepito in stretta collaborazione con l'artista e si intitola "La Pelle" - dal titolo del libro di Curzio Malaparte pubblicato nel 1943, che dà il nome anche a una delle tele dell'artista.

Petunia
0 0 0
Modern linguistic material

Giacometti, Magali <1981-> - Neri, Albertina <illustratrice>

Petunia / Magali Ohayon-Giacometti, Albertina Neri

Il Ciliegio, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Primo giorno di scuola per la streghetta Petunia: che emozione! Ha tanto atteso questo momento e ora vuole imparare a fare gli incantesimi. Con grande vergogna, però, scopre di non dover usare la bacchetta magica: per compiere prodigi, infatti, a lei basta fare delle... puzzette. Cosa succederà?

Mosto
0 0 0
Modern linguistic material

Canestrari, Samuele <1996->

Mosto / Samuele Canestrari

Libri Somari : MalEdizioni, 2019

Abstract: Mosto è una selezione di disegni fatti con vari tipi di grafite e gomme. È un liquido denso e torbido come quella melma di buccia e succo che diventerà vino. Diventerà, ma non lo è ancora. Bisogna preparare le botti. Lavarle bene. Metterle in un luogo con la giusta temperatura. Aspettare che fermenti. Minimo due anni. La pazienza è fondamentale.

Cremona 1859
0 0 0
Modern linguistic material

Valotti, Gianluigi <1958->

Cremona 1859 : il soccorso dei feriti francesi dopo la Battaglia di Solferino = Crémone 1859 : les secours aux blessés francais après la bataille de Solferino / Gianluigi Valotti

Compagnia della stampa Massetti Rodella, 2019

Abstract: opera che testimonia la presenza francese a Cremona nei giorni precedenti e successivi alla Battaglia di Solferino e tributa un giusto omaggio alla popolazione di Cremona, che l'indomani della battaglia del 24 giugno 1859 accolse 8.500 soldati francese feriti. Il lavoro dell'autore dà una visione più completa del contributo e della partecipazione francesi negli eventi del Risorgimento, che hanno condotto all'unità d'Italia.

Imbuto
0 0 0
Modern linguistic material

Ndengeyintwari, Christophe

Imbuto = Fruits = Fruits = Matunda / umwanditsi Itsinda ry'Ubwanditsi rya Bakame Editions ; uwashushanyije Christophe Ndengeyintwari

Bakame, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: I nomi dei frutti e dei rispettivi alberi da frutto

Il figlio maledetto
0 0 0
Modern linguistic material

Balzac, Honoré de <1799-1850>

Il figlio maledetto / Honoré de Balzac ; introduzione di Alessandra Ginzburg ; traduzione di Mariolina Bertini

Marsilio, 2019

Abstract: Nel pieno delle guerre di religione, in una notte di tempesta, Jeanne de Saint-Savin dà alla luce un bambino fragile e delicato. Il marito - un uomo d'armi rude e brutale - rifiuta di riconoscere quel figlio tanto dissimile da lui. Étienne, il «figlio maledetto», crescerà esiliato in una capanna in riva all'oceano; dialogherà con le onde, con i fiori e con le stelle, e sarà votato a un destino di amore e di morte. In questo singolare racconto, scritto tra il 1831 e il 1836, Balzac si muove alla ricerca di suspense e di atmosfere da romanzo gotico, e al tempo stesso si immerge in riflessioni sorprendenti sulla natura del pensiero e delle passioni, sui rapporti tra energia e materia.

The churches of Manerba
0 0 0
Modern linguistic material

Leali, Giuliana

The churches of Manerba : history and legend = Manerbas Kirchen : zwischen Geschichte = Le églises de Manerba : entre histoire et légend / Giuliana Leali

[Comune di Manerba del Garda] : Proloco, Manerba del Garda, 2018

Abstract: Breve panoramica delle chiese e degli edifici sacri presenti sul territorio di Manerba del Garda.

Il libro della Costituzione
0 0 0
Modern linguistic material

Luzzati, Emanuele <1921-2007> - Piumini, Roberto <1947-> - Onida, Valerio <1936->

Il libro della Costituzione / Valerio Onida, Roberto Piumini ; illustrazioni di Emanuele Luzzati ; testimonianza di Elisabeth Arquinigo Pardo

Sonda, 2019

Abstract: Un testo avvincente sui valori della nostra Costituzione. Le tavole di Emanuele Luzzati e i testi di Roberto Piumini raccontano i valori della Costituzione attraverso 15 parole-chiave: democrazia, lavoro, diritti umani, uguaglianza, diritti e doveri, unità della Repubblica, rispetto delle diversità linguistiche, Stato e chiesa, dialogo tra le religioni, cultura e ricerca, ambiente, arte e storia, accoglienza dello straniero, pace, tricolore. La prima parte della Costituzione italiana viene proposta in dodici lingue (albanese, arabo, cinese, ebraico, francese, inglese, portoghese, rumeno, russo, spagnolo, tedesco), compreso l'italiano, per consentire ai bambini italiani e a quelli provenienti da altri Paesi e culture di comprenderla più profondamente e di sentirla più vicina alla propria mente e al proprio cuore. Il testo è arricchito dai commenti del costituzionalista Valerio Onida dei primi 12 articoli con i consigli per applicarli nella vita di tutti i giorni.

À quelques pas des lignes
0 0 0
Modern linguistic material

Tardieu, Victor <1870-1937> - Tardieu, Jean <1903-1995>

À quelques pas des lignes : correspondance 1914-1918 / Victor Tardieu & Jean Tardieu ; édition établie et présentée par Giacomo Turolla

Presses universitaires de Lyon, 2019

Abstract: Composée de quatre-vingts lettres échangées entre 1914 et 1918, cette correspondance entre Victor et Jean Tardieu offre un aperçu de la vie quotidienne d’un soldat un peu particulier, à travers des descriptions du front stylisées par le regard du peintre et illustrées par les reproductions de ses plus belles oeuvres. Cet échange révèle aussi les premiers pas littéraires d’un tout jeune garçon. Au-delà de l’histoire du conflit proprement dit, ce qui ressort est un tableau précis, raisonné et approfondi de la pensée sociale française sous la Troisième République. C’est aussi le regard d’un père sur son fils et sur son propre rôle de parent absent. Le point de vue est à la fois celui des civils, devant faire face au bouleversement de leur vie quotidienne, et celui des soldats envoyés au front. Ces deux mondes se répondent, dans un dialogue indispensable au maintien du lien entre les deux pans d’une famille à l’heure où elle doit, comme l’ensemble du pays, remettre en question son existence et se retrouver jour après jour.

De la race des seigneurs
0 0 0
Modern linguistic material

Delon, Alain-Fabien <1994->

De la race des seigneurs : roman / Alain-Fabien Delon

Stock, 2019

Edmonde
0 0 0
Modern linguistic material

Saint Pern, Dominique de <giornalista>

Edmonde : roman / Dominique de Saint Pern

Stock, 2019

Fortunato Martinengo
0 0 0
Modern linguistic material

Fortunato Martinengo : un gentiluomo del Rinascimento fra arti, lettere e musica / a cura di Marco Bizzarini e Elisabetta Selmi

Ateneo di Brescia, Accademia di scienze, lettere ed arti : Morcelliana, 2018

Abstract: Contemplando il ritratto del conte Fortunato Martinengo oggi esposto alla National Gallery di Londra non si può che essere rapiti dallo sguardo assorto del giovane gentiluomo sontuosamente abbigliato e circondato da una foresta di simboli oggi non facilmente decifrabili. Quale immagine di sé egli intendeva evocare? Quella di un melanconico sognatore? Di un erudito filosofo? O semplicemente di un uomo dubbioso? E qual è il profondo significato del motto greco riprodotto sul cappello (“Ahimè, troppo desidero”), apparentemente estraneo, in questa precisa forma gnomica, a fonti e tradizioni letterarie antiche? Non c’è dubbio che proprio questo celebre dipinto del Moretto si distingua nettamente per valori artistici e per fascino storico non solo all’interno del catalogo del pittore bresciano, ma nel più ampio contesto della ritrattistica cinquecentesca italiana. Il capolavoro del Bonvicino, con il suo carico di enigmi irrisolti, ha dunque rappresentato un ideale punto di partenza per l’articolato percorso di studi avviato dal Convegno internazionale su Fortunato Martinengo promosso congiuntamente con l’Ateneo di Brescia e l’Ateneo Veneto di Venezia. Il convegno si proponeva di far luce sul nobile bresciano ritratto dal Moretto, di cui non si dispone oggi neppure di una breve voce nel Dizionario biografico degli Italiani; nondimeno la sua straordinaria personalità ebbe grande rilevanza nei cenacoli culturali dell’epoca per quanto riguarda le lettere, la passione civile, l’editoria, la musica, le arti figurative, il pensiero filosofico e religioso. Una biografia, quella del Martinengo, intessuta di ambiziosi progetti editoriali, di splendidi mecenatismi, ma anche di amicizie pericolose che forse, nel lungo periodo, finirono per decretarne una sorta di damnatio memoriae. Fortunato (nome di battesimo Fortunale) era nato ad Arco di Trento il 9 luglio 1512, figlio di Cesare ii, appartenente a quel ramo bresciano dei Martinengo che già nel xvi secolo si cominciava a definire “de’ Cesareschi”. Sua madre era Ippolita Gambara, del medesimo lignaggio della poetessa Veronica. Al pari di molti altri aristocratici concittadini, Fortunato studiò a Padova e nella città veneta entrò presto in contatto con Sperone Speroni e con l’Accademia degli Infiammati. Bernardino Tomitano gli riserverà un ruolo centrale nei Ragionamenti della lingua toscana (1545). Uomo colto e raffinato, amante dell’eleganza, proprietario di un ingente patrimonio, coltivava in prima persona la poesia dedicandosi con singolare passione anche alla musica. Forti inquietudini spirituali lo portarono a progettare un avventuroso pellegrinaggio in Terrasanta. Ben presto acquisì rinomanza, anche al di là delle Alpi, tra numerosi letterati. Come si può immaginare, sono molteplici gli interrogativi sollevati dall’enigmatica personalità dell’aristocratico bresciano entro uno scacchiere fortemente ramificato, tale non solo da trascendere i confini della storia locale, ma da imporre di necessità un approccio multidisciplinare. Negli ultimi tempi il panorama degli studi si è notevolmente arricchito: sulla diffusione degli scritti erasmiani in Italia e sulla penetrazione di istanze riformistiche è appena il caso di ricordare i fondamentali apporti di specialisti quali Silvana Seidel Menchi, Adriano Prosperi e Achille Olivieri. Per venire nello specifico a Fortunato Martinengo, si segnalano – in ambito storico-letterario – i recenti contributi di chi scrive e di Marco Faini. Inoltre Pino Marchetti ha chiarito diversi aspetti del rapporto tra Fortunato e il teorico musicale d’origine ebraica Pietro Aaron; Bonnie Blackburn ha messo in relazione con la cerchia del Martinengo il giovanile soggiorno bresciano del celebre compositore oltremontano Cipriano de Rore, mentre lo scrivente ha dimostrato che Barbara Calini, “madrina” dell’Accademia degli Occulti (per molti aspetti ideale prosecuzione del cenacolo dei Dubbiosi), era figlia di una sorella di Fortunato. Da questo rinnovato quadro delle conoscenze ha preso le mosse il convegno del 2016 di cui ora si pubblicano integralmente gli atti. Grazie a una minuziosa consultazione delle superstiti carte dell’Archivio Storico Privato Martinengo Cesaresco, non poche novità documentarie emergono dai contributi iniziali.

Un parfum de djihad
0 0 0
Modern linguistic material

Bouvier, Édith <1980-> - Martelet, Céline <giornalista>

Un parfum de djihad : qui sont ces Françaises qui ont rejoint une organisation terroriste? / Édith Bouvier, Céline Martelet

Plon, 2018

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Per la prima volta, una quindicina di donne hanno accettato di confidarsi in questo libro. È una ricerca sulle donne francesi partite verso la Siria e l'Iraq per vivere il loro sogno di Stato islamico. Alle autrici hanno raccontato le ragioni della loro partenza, la loro scelta di tornare, le loro paure per i loro figli, anche per i loro mariti. Grandi giornaliste, Céline Martelet ed Edith Bouvier hanno anche ascoltato poliziotti, educatori e tutti coloro che hanno attraversato il loro cammino per scrivere questo libro che sconvolge e preoccupa.

Le livre du lykke
0 0 0
Modern linguistic material

Wiking, Meik <1978->

Le livre du lykke : (prononcer lu-keu) / Meik Wiking

First, 2018

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0
Le lambeau
0 0 0
Modern linguistic material

Lançon, Philippe <1963->

Le lambeau / Philippe Lançon

Gallimard, 2018

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Parigi, 7 gennaio 2015, un commando terrorista di ispirazione jihadista attacca la redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo. Muoiono undici persone. Philippe Lançon, sebbene gravemente ferito, è tra i sopravvissuti. Gli ci vuole un anno prima di prender la penna e raccontare. Venti capitoli, il racconto di un uomo che si mette a nudo: dal tormento della distruzione fisica e psicologica fino alla lenta ricostruzione di se stesso. Subire una "ferita di guerra" in tempo di "pace", sopravvivere, rinascere, tutto questo sconvolge il rapporto dell'autore con il mondo, la scrittura, l'amore e l'amicizia. Le lambeau è la storia del suo ritorno alla vita.

Gli uomini non sono isole
0 0 0
Modern linguistic material

Ordine, Nuccio <1958->

Gli uomini non sono isole : i classici ci aiutano a vivere / Nuccio Ordine

La Nave di Teseo, 2018

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Prendendo le mosse dalla commovente meditazione di John Donne (1624) a cui si ispira il titolo del volume, Nuccio Ordine arricchisce la sua “biblioteca ideale” invitandoci a leggere (e a rileggere) altre meravigliose pagine della letteratura mondiale. Convinto che una brillante citazione possa sollecitare la curiosità dei lettori e incoraggiarli a impossessarsi dell'opera intera, Ordine prosegue la sua battaglia a favore dei classici, mostrando come la letteratura sia fondamentale per rendere l'umanità più solidale e più umana. In un'epoca segnata da brutali egoismi, dalla ripresa dei razzismi e dell'antisemitismo, dalle terribili disuguaglianze economiche e sociali, dalla paura dello "straniero", queste pagine invitano a capire che "vivere per gli altri" è un'opportunità per dare un senso forte alla nostra vita.

L'État contre les Juifs
0 0 0
Modern linguistic material

Joly, Laurent <1976->

L'État contre les Juifs : Vichy, les nazis et la persécution antisémite, 1940-1944 / Laurent Joly

Grasset, 2018