E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti (nella colonna a sinistra), oppure utilizzando il box di ricerca veloce o la relativa ricerca avanzata.

Include: none of the following filters
× Subject Memorie
Include: all following filters
× Country Switzerland
× Subject Sec. XIX

Found 38 documents.

Show parameters
Il paese delle vocali
0 0 0
Modern linguistic material

Pariani, Laura <1951->

Il paese delle vocali / Laura Pariani ; con una nota di Arnaldo Colasanti

Casagrande, 2019

Abstract: Argentina, oggi: una nonna e le sue due nipoti in soffitta aprono un baule da cui emerge un vecchio libretto in italiano intitolato Abbeccedario. Contiene una storia più vera che inventata: è la storia di una giovanissima maestra che alla fine dell'Ottocento approda, da Milano a Malnisciola, un paesino lombardo abbandonato da Dio e dagli uomini. La signorina Sirena Barberis non crede ai suoi occhi quando si scontra con la miseria, la malattia, l'ignoranza, l'ottusità religiosa. Inesperta della vita e della professione, non sa se lottare per insegnare ai ragazzini selvaggi oppure se abbandonare il campo e tornare nella comoda città. Deciderà di rimanere e farà in tempo a dare scandalo in paese prima di conoscere il male di sopravvivere.

Donne altrove
0 0 0
Modern linguistic material

Romeo, Marcella

Donne altrove : viaggi, scrittura periodica e identità nell'Ottocento inglese / Marcella Romeo

Agorà, 2015

Abstract: Il volume analizza i resoconti di viaggio in India, Africa e Medio Oriente, pubblicati da scrittrici note quali Frances Power Cobbe (1822-1904) e Harriet Ward (1808-1860), e meno note come Alice Helen Nava Balfour (1850-1936), Maria Carolina Bolitho (1850-1834), Annie Reichardt (1831-1904) e Emily A. Richings (?), su alcuni dei periodici britannici più popolari dal 1840 al 1900. Nello specifico, vengono approfondite le modalità di esordio, il rapporto delle viaggiatrici con il paesaggio, la relazione che queste stabiliscono con i nativi, la modalità identitaria assunta nel racconto dell'esperienza di viaggio, l'autenticità del racconto e come queste varie componenti interagiscono con la de-costruzione dell'identità, i paradigmi dell'epilogo. Nelle terre Altre, infatti, le viaggiatrici d'Ottocento mettono in atto percorsi proibiti ed esclusivi attraverso i quali potere articolare e potenziare il proprio sé e rinegoziare la definizione della propria identità culturale. Il movimento permette loro di fare esperienza di nuove modalità soggettive, di indossare, per così dire, pelli diverse, e la scrittura di questo movimento produce spazi testuali conoscibili, performativi e autoriali.

Memorie di una contadina
0 0 0
Modern linguistic material

Tolstoj, Lev Nikolaevic <1828-1910> - Kuzminskaja, T. A.

Memorie di una contadina / Lev Tolstoj, T. A. Kuzminskaja ; traduzione e cura di Isabella Panfido

Bellinzona : Casagrande, copyr. 2008

Abstract: Su consiglio di Tolstoj, Tat'jana A. Kuzminskaja passò intere giornate ad ascoltare e trascrivere le confessioni i una contadina: i suoi amori e i poveri rituali di matrimonio, il lavoro nei campi, le perfidie di paese, la deportazione in Siberia. In seguito, Tolstoj stesso mise la sua scrittura al servizio di questa donna semplice che per sensibilità e patimenti sembrava uscita da un suo romanzo. Ma questa è una storia vera: una testimonianza quasi incredibile e tutt'oggi illuminante dalla Russia prerivoluzionaria.

Il paese delle vocali
0 0 0
Modern linguistic material

Pariani, Laura <1951->

Il paese delle vocali / Laura Pariani

Casagrande, 2000

Abstract: Argentina, oggi: una nonna e le sue due nipoti in soffitta aprono un baule da cui emerge un vecchio libretto in italiano intitolato Abbeccedario. Contiene una storia più vera che inventata: è la storia di una giovanissima maestra che alla fine dell'Ottocento approda, da Milano a Malnisciola, un paesino lombardo abbandonato da Dio e dagli uomini. La signorina Sirena Barberis non crede ai suoi occhi quando si scontra con la miseria, la malattia, l'ignoranza, l'ottusità religiosa. Inesperta della vita e della professione, non sa se lottare per insegnare ai ragazzini selvaggi oppure se abbandonare il campo e tornare nella comoda città. Deciderà di rimanere e farà in tempo a dare scandalo in paese prima di conoscere il male di sopravvivere.

Il cantone malato
0 0 0
Modern linguistic material

Talarico, Rosario

Il cantone malato : igiene e sanità pubblica nel Ticino dell'Ottocento / Rosario Talarico ; prefazione di Franco Della Peruta

Lugano : Fondazione Pellegrini-Canevascini, 1988

Delitto e castigo
0 0 0
Monographs

Dostoevskij, Fëdor Mihajlovic <1821-1881>

Delitto e castigo / Fedor Dostoevskij ; traduzione di Agostino Villa ; introduzione di Leonid Grossman ; illustrazioni originali di Philippe Jullian

Ginevra : Edito-Service, [198-?]

Abstract: Raskol'nikov è un giovane che è stato espulso dall'università e che uccide una vecchia usuraia per un'idea, per affermare la propria libertà e per dimostrare di essere superiore agli uomini comuni e alla loro morale. Una volta compiuto l'omicidio, però, scopre di essere governato non dalla logica, ma dal caso, dalla malattia, dall'irrazionale che affiora nei sogni e negli impulsi autodistruttivi. Si lancia cosi in allucinati vagabondaggi, percorrendo una Pietroburgo afosa e opprimente, una città-incubo popolata da reietti, da carnefici e vittime con cui è costretto a scontrarsi e a dialogare, alla disperata ricerca di una via d'uscita. Nuova traduzione di Emanuela Guercetti. Prefazione di Natalia Ginzburg e saggio introduttivo di Leonid Grossman.

Umiliati e offesi
0 0 0
Modern linguistic material

Dostoevskij, Fëdor Mihajlovic <1821-1881>

Umiliati e offesi / Fedor Dostoevskij ; traduzione di Clara Coisson ; introduzione di Ernesto Livraghi ; ritratto di Pietro Sarto ; illustrazioni originali di Jacques Carelman

Ginevra : Edito-Service, [198-?]

Abstract: Fra le strade di Pietroburgo, nelle fredde prospettive della capitale, si incrociano le vicende di esseri umani in lenta rovina. La famiglia Ichmenev, amministratrice dei terreni del principe Valkovskij, viene allontanata dalla casa familiare a causa dell'amore sorto fra la giovane Natasha e il figlio del principe, l'ingenuo Alesa, ed è costretta a trasferirsi nella capitale; qui si muove anche Nelly, orfana poco più che bambina, che ha assistito impotente alla malattia della madre e all'indifferenza del nonno. Ivan Petrovic, studente e scrittore, ritratto di un Dostoevskij ventenne, è testimone protagonista: innamorato di Natasha sin da bambino, la aiuta nella fuga d'amore con Alesa, e decide di adottare Nelly per sottrarla agli abusi e alla mendicità. In Umiliati e offesi, uno dei primi romanzi di Dostoevskij, emergono da una nebulosità ancora diffusa i personaggi e le situazioni che saranno propri del grande scrittore: i tormenti e l'amore, i personaggi candidi, l'indagine e la comprensione dell'animo umano.

Guerra e pace
0 0 0
Monographs

Tolstoj, Lev Nikolaevic <1828-1910>

Guerra e pace / Lev Tolstoj ; traduzione di Enrichetta Carafa D'Andria ; ritratto di Eric Tschumi ; illustrazioni di Christian Wilhelm von Faber du Faur

Ginevra : Edito-Service

Abstract: Guerra e pace, certamente il capolavoro di Tolstoj, è, come ha scritto Ettore Lo Gatto, la più grande opera della letteratura narrativa russa e una delle più grandi della letteratura europea del secolo XIX. Il romanzo racconta la storia di due famiglie aristocratiche, i Bolkonski e i Rostòv, in una Russia sconvolta dalla guerra e dall'invasione napoleonica. Raramente è dato di leggere un'opera in cui i destini individuali dei personaggi principali - fra cui spiccano Natasa Rostòva, il principe Andrei Bolkonski e il conte Pierre Bezuchov - si intrecciano in modo così perfetto con gli avvenimenti storici e militari: una dimensione che il cinema non ha mancato di sottolineare in tanti film di successo. L'epopea del popolo russo, il rapporto fra personalità individuale e collettività, i grandi temi filosofici dell'Ottocento e l'interrogazione sul senso della storia si fondono in questa grandiosa narrazione tolstoiana.

I fratelli Karamazov
0 0 0
Monographs

Dostoevskij, Fëdor Mihajlovic <1821-1881>

I fratelli Karamazov / Fedor Dostoevskij ; traduzione di Agostino Villa ; con uno scritto di Sigmund Freud su Dostoevskij e il parricidio ; illustrazioni originali di Pietro Sarto

Ginevra : Edito-Service, [198-?]

Abstract: I fratelli Karamazov sono il romanzo più grandioso che mai sia stato scritto, l'episodio del Grande Inquisitore è uno dei vertici della letteratura universale, un capitolo di bellezza inestimabile... Non è certo un caso che tre capolavori di tutti i tempi trattino lo stesso tema, il parricidio: alludiamo all'Edipo re di Sofocle, all'Amleto di Shakespeare e ai Fratelli Karamazov di Dostoevskij. In tutte e tre le opere è messo a nudo anche il motivo del misfatto: la rivalità sessuale per il possesso della donna. (Sigmund Freud)

Anna Karenina
0 0 0
Monographs

Tolstoj, Lev Nikolaevic <1828-1910>

Anna Karenina / Lev Tolstoj ; traduzioni di Leone Ginzburg e Clara Coisson ; illustrazioni originali di Roland Topor

Ginevra : Edito-Service

Abstract: Il romanzo racconta la tragica passione che una elegante e tormentata dama dell'aristocrazia russa, sposata senza amore a un alto funzionario dell'apparato statale, prova per il fascinoso ma superficiale conte Vrónskij. Attorno a questo nucleo si muovono altre figure e altre vicende, tra cui l'amore soddisfatto di Lévin e di Kitty, felice soluzione al problema morale che inquietava allora Tolstòj. Sullo sfondo di una grandiosa pittura d'ambiente - i salotti aristocratici di Mosca e Pietroburgo, la quieta campagna russa - e di un attento studio psicologico dei caratteri, Tolstòj costruisce quella che a molti lettori, Dostoevskij per primo, è parsa come l'opera d'arte assolutamente perfetta.

Oblomov
0 0 0
Monographs

Goncarov, Ivan Aleksandrovic

Oblomov / Ivan Goncarov ; prefazione e traduzione di Ettore Lo Gatto ; illustrazioni originali e ritratto di Pierre Estoppey

Ginevra : Edito-Service

Abstract: La vita passa davanti al giovane, ricco Ilia Ilyic Oblomov. Gli passa davanti il benessere, garantito dalla tenuta di Oblomovka, gli passa davanti la quotidianità sempre uguale, spesa spostandosi da un comodo divano all'altro in preda a sterili pensieri astratti. Gli passa davanti la possibilità di dar corpo ai sogni idealistici della gioventù, su sollecitazione del vitalissimo amico Stolz. E gli passa davanti l'amore, incarnato dalla bella e sensibile Olga. In un linguaggio che nulla ha da invidiare alla perfezione di Puskin o al feroce realismo di Gogol', Goncarov dà forma a un universo apparentemente immobile ma in realtà freneticamente vivo di osservazioni, pensieri e annotazioni, sostanziando uno dei massimi capolavori della letteratura russa (e mondiale). Un capolavoro imprendibile, impossibile da catalogare e spiegare e, per questo, ancora più grande.

The Mallen streak
0 0 0
Modern linguistic material

Cookson, Catherine <1906-1998>

The Mallen streak / Catherine Cookson

ES, 1979

Il conte di Montecristo
0 0 0
Modern linguistic material

Dumas, Alexandre <1802-1870>

Il conte di Montecristo / Alexandre Dumas

Ginevra : Ferni, 1979

Abstract: Ha centosettant'anni, ma non perde un colpo. Pubblicato a puntate fra l'agosto 1844 e il gennaio 1846 sul Journal des Débats, mentre Dumas lo stava ancora scrivendo (con l'aiuto di un ghost-writer, Auguste Maquet), senza sapere nemmeno lui come l'avrebbe concluso, e intanto metteva in cantiere altri due o tre romanzi, Il conte di Montecristo ha lasciato, e lascia tuttora, col fiato sospeso folle di lettori di ogni estrazione sociale e di ogni paese. Nessun romanzo, forse, ha avuto tante edizioni (settantasei solo in Italia, già dal 1846), tanti adattamenti cinematografici (il primo nel 1922) e televisivi; è diventato un musical, un fumetto con Paperino, è stato immortalato sulle figurine Liebig e condensato nelle strisce della Magnesia San Pellegrino; oggi ispira la serie americana Revenge. Tutti quindi possono dire di conoscerne almeno a grandi linee la trama e il protagonista, anche chi non lo ha mai letto. Ma non c'è trasposizione, necessariamente lacunosa, data la mole del romanzo, che valga il godimento di aprirlo e rimanere intrappolati senza scampo nel suo inesorabile ingranaggio narrativo, che funziona sempre anche se si sa già come andrà a finire la vicenda. I suoi stessi difetti, le ripetizioni, le digressioni, le zeppe, sono funzionali al piacere della lettura.

La capanna dello zio Tom
0 0 0
Modern linguistic material

Stowe, Harriet Beecher

La capanna dello zio Tom / Harriet Beecher Stowe

Ginevra : Ferni, 1979

Abstract: Kentucky, attorno al 1850. Stroncato dai debiti, George Shelby si vede costretto a vendere il suo schiavo nero più fidato e onesto. Una serie di vicissitudini aspettano d'ora in poi il povero Tom che, sostenuto da una fede incrollabile e da una grande forza d'animo, non perde mai la speranza di riconquistare la libertà. Il giorno di Capodanno del 1863, in piena guerra di Secessione, il presidente degli Stati Uniti Abraham Lincoln proclamò solennemente l'abolizione della schiavitù ed espresse la sua gratitudine alla piccola donna che ha acceso la scintilla di questa grande guerra. Alludeva all'autrice della Capanna dello zio Tom. Età di lettura: da 8 anni.

Michele Strogoff
0 0 0
Modern linguistic material

Verne, Jules <1828-1905>

Michele Strogoff / Jules Verne

Ferni, 1978

Michele Strogoff
0 0 0
Modern linguistic material

Verne, Jules <1828-1905>

Michele Strogoff / Jules Verne

Ginevra : Ferni, 1978

David Copperfield
0 0 0
Modern linguistic material

Dickens, Charles <1812-1870>

David Copperfield / Charles Dickens

Ed. riservata agli Amici della storia

Ginevra : Ferni, copyr. 1977

Abstract: Il piccolo David, orfano di padre, trascorre un'infanzia felice e spensierata con la fedele Peggotty e la dolce ma fragile mamma. Finché, un brutto giorno, il bimbo si ritrova in casa un patrigno, e la sua vita sembra precipitare in un incubo. Alla morte della madre, il ragazzino cerca l'aiuto della stravagante e in apparenza bisbetica prozia Betsey. Con coraggio e una forza d'animo straordinaria, grazie anche all'aiuto di amici sinceri quali il buon Traddles e l'angelica Agnes, David farà fronte ai colpi che il destino ancora gli riserva, in attesa che anche la sua sorte cominci ad arridergli.

Le avventure di Tom Sawyer
0 0 0
Modern linguistic material

Twain, Mark <1835-1910>

Le avventure di Tom Sawyer / Mark Twain

Ed. riservata agli Amici della storia

Ginevra : Ferni, copyr. 1977

Abstract: Tom Sawyer è orfano e vive con la zia. Capelli rossi, una spruzzata dì lentiggini e lo sguardo impertinente: tutti a St. Petersburg conoscono Tom Sawyer. I pirati sono i suoi eroi, l'avventura lo scopo della sua vita, i guai la sua professione (per la disperazione dell'intero paese, ma soprattutto dell'energica zia Polly). Tom marina sempre la scuola, passa le giornate al fiume a nuotare e una volta scappa persino di casa per andare a vivere su un'isola insieme ai suoi amici. Ma l'impresa in cui sta per imbarcarsi con l'amico Huckleberry Finn gli procurerà più grane del previsto, incluso l'odio di un feroce assassino.

Le avventure di Huck Finn
0 0 0
Modern linguistic material

Twain, Mark <1835-1910>

Le avventure di Huck Finn / Mark Twain

Ginevra : Ferni, 1977

Abstract: Il libro costituisce una vasta epopea dell'America degli avventurieri e delle miserabili città dislocate lungo la vallata del Missouri e dell'Ohio, l'America dell'età dell'oro e della colonizzazione, della vita violenta e della vita semplice e patriarcale. Tom Sawyer e Huckleberry Finn sono il tipico ritratto del ragazzo americano e del suo rapporto con questo mondo. Huckleberry, fuggito dalle persecuzioni di un padre ubriacone, dopo aver vissuto dentro una botte da zucchero, di nuovo fuggiasco, intraprende un grande viaggio sul Missouri, in compagnia di uno schiavo negro: Jim un altro miserevole evaso. Avventure complicate e incontri imprevisti, fino all'incontro con Tom Sawyer

Le avventure di Oliver Twist
0 0 0
Monographs

Dickens, Charles <1812-1870>

Le avventure di Oliver Twist / Charles Dickens

Ginevra : Ferni

Abstract: Oliver Twist ha vissuto fino a nove anni all'orfanotrofio dei poveri. Ma questa è solo la prima delle sue sfortune: mandato a lavorare in un'impresa di pompe funebri, riesce a fuggire e a raggiungere Londra, dove viene costretto a unirsi a una banda di ladruncoli e a partecipare a furti e a rapine agli ordini del sinistro Fagin. Sarà solo dopo innumerevoli, tragiche peripezie, e con l'aiuto di chi si affezionerà a lui, che Oliver troverà la strada verso la felicità e la sicurezza di sé.