E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti (nella colonna a sinistra), oppure utilizzando il box di ricerca veloce o la relativa ricerca avanzata.

Include: none of the following filters
× Subject Memorie
Include: all following filters
× Country Switzerland
× Publisher Edizioni Casagrande <Bellinzona>

Found 126 documents.

Show parameters
Tutto brucia e annuncia
0 0 0
Modern linguistic material

Ferretti, Matteo <1979->

Tutto brucia e annuncia / Matteo Ferretti ; illustrazioni di Marino Neri ; con una nota di Fabio Pusterla

Casagrande, 2019

Abstract: La visionarietà è una delle cifre maggiori di questo libro, e si manifesta nel ritmo serrato, a tratti vertiginoso, che conduce da un'immagine all'altra, da un'esperienza personale a una dimensione collettiva, a cavallo tra tempi e mondi distanti eppure riuniti, per un attimo, nella bruciante realtà della parola.

Il paese delle vocali
0 0 0
Modern linguistic material

Pariani, Laura <1951->

Il paese delle vocali / Laura Pariani ; con una nota di Arnaldo Colasanti

Casagrande, 2019

Abstract: Argentina, oggi: una nonna e le sue due nipoti in soffitta aprono un baule da cui emerge un vecchio libretto in italiano intitolato Abbeccedario. Contiene una storia più vera che inventata: è la storia di una giovanissima maestra che alla fine dell'Ottocento approda, da Milano a Malnisciola, un paesino lombardo abbandonato da Dio e dagli uomini. La signorina Sirena Barberis non crede ai suoi occhi quando si scontra con la miseria, la malattia, l'ignoranza, l'ottusità religiosa. Inesperta della vita e della professione, non sa se lottare per insegnare ai ragazzini selvaggi oppure se abbandonare il campo e tornare nella comoda città. Deciderà di rimanere e farà in tempo a dare scandalo in paese prima di conoscere il male di sopravvivere.

Rime facili per grandi e piccini
0 0 0
Modern linguistic material

Nessi, Alberto <1940->

Rime facili per grandi e piccini / Alberto Nessi ; con i disegni di Albertine

Casagrande, 2018

Abstract: Dalla viola al geranio, dal gatto alla salamandra, nelle rime di Alberto Nessi c’è un mondo di piante e animali che dialoga con l’uomo. Una dopo l’altra, le filastrocche riunite in questa raccolta sono quadri che fissano immagini ironiche e surreali: una strega che mangia bio, una lucertola che si specchia in una lacrima e una petunia vanitosa...

Lei è un altro paese
0 0 0
Modern linguistic material

Addonia, Saleh <1972->

Lei è un altro paese / Saleh Addonia ; traduzione di Nausikaa Angelotti

Casagrande, 2018

Abstract: I racconti di Saleh Addonia colpiscono l’immaginazione con la forza e l’esattezza delle fiabe più crudeli e ci offrono, non senza umorismo, una spietata rappresentazione dei nostri anni di profondi spaesamenti. Un vecchio torna dal figlio ormai adulto dopo un’interminabile guerra e i due decidono di recuperare, in una sola notte, gli anni perduti. Una ragazzina si risveglia nel deserto, accanto a un camion andato in fiamme, e fa amicizia con una nuvola. In una città che impone il velo e la divisione dei sessi, un adolescente mosso da un’irrefrenabile pulsione erotica tenta di superare il muro di silenzio e stoffe che lo separa dalla cugina. Un manipolo di clandestini affiliato a un’associazione segreta, il Sindacato dei Diritti dell’Amore, si aggira in incognito per una metropoli occidentale, unito fino all’ultimo da un’unica, disperata missione: trovare «Lei».

Chiodi
0 0 0
Modern linguistic material

Kristóf, Ágota <1935-2011>

Chiodi / Agota Kristof ; traduzioni di Vera Gheno e Fabio Pusterla ; postfazione di Fabio Pusterla

Casagrande, 2018

Abstract: uando nel 1956, poco più che ventenne, Agota Kristof fugge dall’Ungheria con la sua bambina di quattro mesi, oltre che dal paese dell’infanzia si separa dai quaderni che raccolgono le sue prime poesie. Il dispiacere per la perdita di quei versi spinge l’autrice a riscriverli così come se li ricorda e forse a reinventarli. Negli anni, Kristof compone altre poesie, sia in ungherese che in francese, la sua nuova lingua, e poco prima di morire esprime il desiderio di vedere raccolte tutte queste poesie in un libro. Il desiderio si avvera nel 2017, quando le Éditions Zoé le pubblicano in un’edizione bilingue ungherese-francese, e si avvera oggi anche in italiano, grazie alle versioni di Vera Gheno e di Fabio Pusterla. I temi di questi componimenti sono quelli ben noti ai tanti e fedeli lettori dei romanzi e dei racconti di Agota Kristof – lo smarrimento, la perdita, l’esilio, il ricordo dell’amore, l’attesa, il desiderio – ma qui, nell’immediatezza della poesia, sembrano raggiungere un grado di intensità ancora maggiore.

Che razza di ebreo sono io
0 0 0
Modern linguistic material

Segre, Bruno <1930->

Che razza di ebreo sono io / Bruno Segre ; a cura di Alberto Saibene

2. ed.

Edizioni Casagrande, 2017

Abstract: Bruno Segre prese coscienza della propria identità ebraica a otto anni, brutalmente, quando le leggi razziali lo costrinsero ad abbandonare la scuola pubblica. Ci tornò solo nel 1945. Nel frattempo vede il padre morire in maniera drammatica, la madre assumere il ruolo di capofamiglia e riuscire a passare indenne attraverso i rischi di deportazione dopo l'8 settembre. Ai Segre andò bene, ma parenti e amici perirono nella Shoah. Laureato con Antonio Banfi, collaboratore di Adriano Olivetti, insegnante nel Canton Ticino, Segre ha lavorato poi soprattutto nell'editoria e collaborato a giornali e riviste. Dopo la pensione è divenuto attivissimo esponente di una minoranza critica della Comunità ebraica: ha visto infrangersi il mondo nuovo che Israele sembrava promettere negli anni Sessanta, ha contestato il progressivo nazionalismo sionista, ha cercato attivamente soluzioni di convivenza tra Israele e Palestina. La sua storia personale, qui raccontata in una serrata conversazione con Alberto Saibene, diventa il paradigma di un popolo irrequieto, che non ha mai smesso di interrogarsi su se stesso.

Cronache da Buenos Aires
0 0 0
Modern linguistic material

Storni, Alfonsina <1892-1938>

Cronache da Buenos Aires / Alfonsina Storni ; a cura di Hildegard Elisabeth Keller ; traduzione di Marco Stracquadaini

Casagrande, 2017

Abstract: Siamo alla fine del primo decennio del secolo scorso, gli «anni ruggenti» di Buenos Aires: Storni osserva la gente nella giungla urbana, le donne agghindate nei caffè o a spasso per i negozi, gli uomini che, diretti al lavoro, si concedono qualche malizia; registra e descrive l'evolversi dei costumi, il machismo ancora diffuso, la scarsa autodeterminazione delle donne, le aspirazioni e i vezzi della nuova borghesia. E lo fa con una prosa in cui convergono felicemente la spregiudicatezza del giornalismo e lo spirito ludico delle avanguardie storiche, e che ancora oggi, a quasi un secolo di distanza, mantiene un'incredibile freschezza.

Genitori per divertimento, figli per passione
0 0 0
Modern linguistic material

Wechsler, Andreas <pediatra>

Genitori per divertimento, figli per passione : istruzioni per l'uso, 0-3 anni / Andreas Wechsler

Casagrande, 2017

Abstract: Un manuale rivolto a neogenitori che, con tono ludico ma in modo rigoroso e del tutto originale, affronta il vasto tema dello sviluppo del bambino nei suoi primi tre anni di vita. Lo sviluppo del linguaggio e della comunicazione, la gestione dell’autoregolazione (veglia, sonno, alimentazione, pianto), lo sviluppo personale e sociale, cognitivo, neuromotorio: ecco le principali tematiche che il pediatra svizzero Andreas Wechsler affronta in questo volume rivolto ai genitori di bambini da 0 a 3 anni. L’autore non ricorre a teorie o a rigidi schemi, non si mette in cattedra per impartire lezioni, offre invece «soluzioni concrete a problemi concreti; tutte semplici e mai banali». Cede spesso la parola ai veri protagonisti del libro, genitori e bambini, che raccontano dubbi, difficoltà, scoperte e conquiste dei primi tre anni di vita insieme, e la riprende per offrire al lettore interessanti approfondimenti e per aiutarlo con preziosissime “regole” di cui fare tesoro. Un assaggio? I genitori riposati sono i migliori!

Tamangur
0 0 0
Modern linguistic material

Semadeni, Leta <1944->

Tamangur / Leta Semadeni ; traduzione di Laura Bortot

Casagrande, 2017

Abstract: Il nonno è morto da poco e alla nonna manca terribilmente. Con la nonna ora vive la nipote, anche lei tormentata da un'assenza, quella del fratellino portato via dalla corrente del fiume. Nonna e bambina cucinano, fanno il bucato, qualche volta ricevono ospiti. Non si separano mai. Il paese è stretto, un incavo tra le montagne, popolato da capre altezzose, spazzacamini sinistri e personaggi strambi. Lassù, a due passi dal cielo, c'è Tamangur, la foresta di pini cembri più alta d'Europa, per la gente del luogo il regno dei morti. Strutturato in brevi capitoli, quasi istantanee di vita quotidiana, Tamangur racconta attraverso gli occhi della bambina questo mondo in miniatura, e le parole sono quelle dell'infanzia, fantastiche e disarmanti, definitive.

Pomeriggio bellinzonese e altre prose
0 0 0
Modern linguistic material

Orelli, Giorgio <1921-2013>

Pomeriggio bellinzonese e altre prose / Giorgio Orelli ; a cura di Pietro De Marchi e Matteo Terzaghi

Casagrande, 2017

Abstract: Si tratta di una passeggiata narrativa fatta di tanti piccoli incontri, con persone ma anche animali, perfino una scimmia con «una testa da giudice che ha appena tenuto giudizio o lo terrà fra poco», in una città di provincia che «non sembra tramutare con un ritmo troppo diverso da quello del cuore umano» e dove «ogni conato di svariare (di evadere, come si dice) prende tinta d’avventura». Uscito per la prima volta nel 1978 in un pregiato volume d’arte, il racconto viene qui riproposto insieme ad altre quattro prose ambientate a Bellinzona, pagine ora liriche ora argute o apertamente comiche, scritte tra gli anni Cinquanta e l’inizio del Duemila.

La carta delle arance
0 0 0
Modern linguistic material

De Marchi, Pietro <1958->

La carta delle arance / Pietro De Marchi

Casagrande, 2016

Abstract: Antichi aeroplanini al decollo, bolle di sapone... Non è infrequente, tra le metafore del fare poesia, l'immagine dello stacco da terra, della levitazione. Ma quella trovata da Pietro De Marchi nella poesia che sigilla "La carta delle arance" e gli dà titolo ci porta assai peculiarmente dentro le ragioni e le pulsioni di un'esperienza di scrittura in cui hanno parte fondante, radicale, la consapevolezza dell'effimero e, ad avversarla, l'ostinazione che pretende l'iterazione del miracolo. Capiamo allora, giunti al punto apicale del libro e della trilogia che esso conclude, come De Marchi sia riuscito - accensione dopo accensione, verso dopo verso - a farci riconoscere, nel volto del bambino protagonista della poesia di congedo, il nostro stesso volto. Lo ha fatto alimentando il desiderio di esserci, di essere chiamati a testimonianza, di poterci affacciare sulla scena per una qualche minima battuta che ci perpetui: fino a che il desiderio si dissolve e insieme si realizza nell'affidamento alla capacità di ascolto di questo straordinario captatore di voci, detti, storie, ritmi.

Gabbie per belve
0 0 0
Modern linguistic material

Bernardi, Daniele <1981->

Gabbie per belve / Daniele Bernardi

Casagrande, 2016

Il rumore del fiume
0 0 0
Modern linguistic material

Peer, Oscar <1928-2013>

Il rumore del fiume / Oscar Peer ; traduzione di Marcella Palmara Pult

Casagrande, 2016

Abstract: Un'infanzia in Engadina, ma un'Engadina nascosta ("qui non hanno dipinto né Segantini né Giacometti") è quella che ci racconta il maggiore scrittore di lingua romancia del Novecento in questo libro autobiografico. Con una prosa diretta che non ammette abbellimenti letterari, ma con un senso delle scene che può far pensare a una forma di poesia tipicamente cinematografica, Peer ci introduce in un paesino di montagna composto da una piccola stazione ferroviaria, poche case piene di bambini, cataste di legna e panni stesi ad asciugare. È il mondo dei suoi primi anni di vita, che poi si allarga man mano che il protagonista cresce e che, per quanto appartato, non rimane estraneo alle grandi e a volte terribili correnti della Storia. Incontriamo così personaggi che oggi possono apparirci quasi leggendari, come il nonno Tumasch al quale è dedicato un intero capitolo, con le sue avventure di cacciatore e di guida alpina (tra gli altri, per il re del Belgio Alberto I) e le sue disavventure coniugali. Ma i personaggi indimenticabili di questo libro sono numerosi, a partire dalla mamma del piccolo Oscar detto Kini, una donna bella e a suo modo fiera, bravissima a fare le torte, con una passione per la lettura e la scrittura e un debole per le persone emarginate. È questo un romanzo scritto dalla vita, in cui le esperienze vissute in prima persona dal narratore si mescolano con le tante storie tragicomiche che si tramandano nella sua famiglia.

Vita di un materasso di ottima fattura
0 0 0
Modern linguistic material

Krohn, Tim <1965->

Vita di un materasso di ottima fattura / Tim Krohn ; traduzione di Daniela Idra

Casagrande, 2015

Abstract: Quando Immanuel Wassermann, un fabbricante di colori ebreo di Berlino, incontra a Locarno a metà degli anni trenta la giovane e bella siciliana Gioia, i due s'innamorano perdutamente. È un colpo di fulmine che li porta all'altare nel giro di poche ore. Prima di ripartire per il Nord, Wassermann acquista all'albergatore il materasso nuovo di fabbrica sul quale lui e Gioia hanno trascorso la prima notte di nozze, non tanto perché il materasso è di ottima fattura, ma perché la sposina vi ha lasciato un'ampia macchia di sangue che ricorda l'America... E questo l'inizio di un'avventura che vede il materasso attraversare mezza Europa e più generazioni. Giaciglio di una coppia disgraziata, rifugio e gioco per tre fratellini in guerra, promessa di incontri erotici e speranza di salvezza, il materasso è il vero protagonista di questo microromanzo che con leggerezza e ironia racconta il tormentato ventesimo secolo.

La convivenza
0 0 0
Modern linguistic material

Bauman, Zygmunt <1925-2017>

La convivenza : un intervento dopo gli attentati di Parigi / Zygmunt Bauman ; a cura di Lorenza Noseda

Casagrande, 2015

Abstract: Un mese dopo gli attentati alla redazione di "Charlie Hebdo", Zygmunt Bauman, tra i più autorevoli sociologi contemporanei, tiene una lezione pubblica all'Accademia di architettura di Mendrisio sui temi dell'integrazione e del multiculturalismo. Da quella conferenza nasce questo piccolo libro, che concentra nello spazio di poche pagine alcuni motivi imprescindibili per qualsiasi riflessione sulla più recente e sconcertante attualità. In che cosa le migrazioni di oggi differiscono da quelle di ieri? È possibile l'assimilazione dello straniero? Possiamo avere ancora fiducia nello Stato come soggetto attivo di un cambiamento? Con la lucidità e l'acume che lo contraddistinguono, Bauman esplora il romanzo "scandalo" di Michel Houellebecq e le teorie innovative di Manuel Castells e di Benjamin Barber e analizza i processi storici che hanno portato la società occidentale ad essere quella che conosciamo oggi.

Negli immediati dintorni
0 0 0
Modern linguistic material

Negli immediati dintorni : guida letteraria tra Lombardia e Canton Ticino / Anna Banfi ... [et. al.] ; a cura di Matteo Terzaghi e Matteo Campagnoli ; disegni di Giovanna Durì

Casagrande, 2015

Abstract: Da Airolo a Milano, da Locarno a Malpensa, ventitré scrittori esplorano il territorio disegnato dai treni regionali Ticino-Lombardia. Il risultato è una guida poetica e irregolare per muoversi non solo nello spazio ma anche nel tempo e nei sentimenti.

Morte di una dottoressa
4 0 0
Modern linguistic material

Schneider, Hansjörg <1938->

Morte di una dottoressa / Hansjörg Schneider ; traduzione di Gabriella De' Grandi

Casagrande, 2014

Abstract: Il commissario Hunkeler, madido di sudore, se ne sta seduto alla scrivania nella nuova sede della polizia criminale di Basilea e rimpiange il vecchio ufficio dai muri spessi, che mantenevano una certa frescura anche nei mesi più caldi. Una telefonata lo riscuote dalla noia: l'assistente della dottoressa Christa Erni lo informa che la dottoressa è stata assassinata. I primi sospetti cadono su alcuni tossicodipendenti che Erni aveva in cura. Un delitto di droga? Ma chi era Christa Erni? Hunkeler la conosceva come medico, ma della sua vita privata sa poco. Una donna emancipata, attiva in politica, amante della cultura. Nel suo passato, una storia d'amore infelice e un figlio. Le indagini, che si dipanano nella regione intorno a Basilea dove Svizzera, Germania e Francia si intendono grazie a un dialetto comune, coinvolgono il dottor Knecht, l'abbronzato collega con cui Christa Erni condivideva l'ambulatorio, la bella assistente Ruth Zbinden, lo spacciatore Lukas Schindler, la giovane e fragile Ruth Künzli, alcuni ospiti della casa per anziani vicina allo studio medico, il poeta solitario Heinrich Rüfenacht, il pittore Hans Graber, forse amante della dottoressa, e Regula Hämmerli, morta da poco per un tumore.

La mia cucina con le verdure autunnali e invernali
0 0 0
Modern linguistic material

Bissegger, Meret <cuoca>

La mia cucina con le verdure autunnali e invernali / Meret Bissegger ; fotografie di Hans-Peter Siffert

Casagrande, 2014

Abstract: La cuoca Meret Bissegger offre indispensabili consigli per preparare piatti insoliti e gustosi anche nel periodo più freddo dell’anno: dalle barbabietole ai cavoli, dalle zucche alle castagne, dalle pastinache alle spezie, ogni ingrediente contribuisce a creare nuove armonie in cucina. Utili suggerimenti sulla preparazione e la conservazione delle verdure e tante idee per presentare piatti originali fanno di questo libro un’inesauribile fonte d’ispirazione. Costellato di interessanti “pillole” informative e di reportage sul lavoro di piccole e medie aziende di agricoltura biologica, questo libro alimenta il dialogo tra produttori e consumatori, che scoprono insieme il valore di un’agricoltura ecosostenibile e di un consumo critico e consapevole.

L'occhio che ascolta
0 0 0
Modern linguistic material

Noseda, Giorgio <1938->

L'occhio che ascolta : medicina ed empatia / Giorgio Noseda ; conversazione con Giulia Fretta ; con le testimonianze di Umberto Veronesi, Silvano Toppi e Guido Ceronetti

Casagrande, 2014

Abstract: Eminente cardiologo, da decenni impegnato nella lotta contro il cancro, Giorgio Noseda ha contribuito in modo decisivo ai progressi del settore medico ticinese. Grande sostenitore della medicina scientifica e tecnologica (come dimostra il suo apporto al rinnovamento dell’Ospedale della Beata Vergine a Mendrisio e, più di recente, alla creazione dell’Istituto di Ricerca in Biomedicina a Bellinzona), Noseda è però altrettanto convinto della necessità di «umanizzare» la medicina e non si stanca di ricordarci che la medicina è una scienza applicata in cui l’empatia tra medico e paziente gioca un ruolo fondamentale. Ed è proprio questo stretto legame tra le esperienze della vita e la scienza a costituire il filo conduttore della lunga conversazione con Giulia Fretta. Sollecitato dalla giornalista, Noseda rievoca alcuni momenti centrali della sua stessa storia familiare e professionale: l’infanzia a Chiasso e il forte legame con i genitori, il sostegno della moglie nonostante la sua professione totalizzante, il rapporto con il mistero della trascendenza, i progetti umanitari, gli incontri con personalità del mondo scientifico, come il Premio Nobel Renato Dulbecco, e con artisti di fama internazionale come Jean Tinguely e Arturo Benedetti Michelangeli, l’esperienza politica quale deputato in Gran Consiglio, senza dimenticare la breve, entusiasmante ma anche sofferta esperienza del «Quotidiano», giornale progressista fondato insieme a Silvano Toppi e altri. Questo libro è dunque la preziosa testimonianza di un uomo che ha dedicato la vita allo studio della medicina e alla cura dei malati, ma offre anche un utile bilancio sulle strutture sanitarie e sulla ricerca medica in Ticino e in Svizzera.

Caccia allo stambecco con Wittgenstein
0 0 0
Modern linguistic material

Tuor, Leo <1959->

Caccia allo stambecco con Wittgenstein / Leo Tuor ; traduzione di Roberta Gado

Casagrande, 2014

Abstract: La caccia allo stambecco è considerata una specialità della Surselva, le Alpi svizzere del Canton Grigioni. Ogni anno, all'apertura della stagione venatoria, cacciatori e bracconieri sfidano la montagna e inseguono le loro prede. Ma ci vuole vigilanza e pazienza, molta pazienza, prima che l'animale si mostri nel binocolo... A metà tra saggio e racconto autobiografico, questo libro descrive le contraddizioni di una pratica oggi sottoposta a complicati regolamenti. Con sguardo spesso ironico, l'autore riesce a dare volti e voci ai personaggi più schivi e improbabili e, soprattutto, suggerisce un significato più profondo, meno scontato forse, dell'andare a caccia. Un significato che ha a che fare con l'esperienza di sé e del mondo: "Se vuoi imparare a conoscere una valle nei dettagli, una montagna con i suoi pendii, le sue pareti scoscese, i suoi ghiaioni, con i suoi nasi e grugni rocciosi, i suoi avvallamenti, le sue conche e i suoi ripari, vai a caccia di stambecchi in alta quota...".