E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti (nella colonna a sinistra), oppure utilizzando il box di ricerca veloce o la relativa ricerca avanzata.

Found 932552 documents.

Show parameters
Verso Sant'Elena
0 0 0
Modern linguistic material

Pazzi, Roberto <1946->

Verso Sant'Elena / Roberto Pazzi

Bompiani, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: È ormai calata la sera quando Napoleone apprende che giungerà in vista di Sant'Elena all'alba. L'imperatore si ritira presto sulla Northumberland, quel sabato 14 ottobre 1815. Da più di due mesi è in navigazione sulla fregata inglese. Che cosa mediti alla fine del viaggio e forse dell'avventura della sua vita, nessuno potrebbe saperlo, mentre cigola la porta della cabina, non per un colpo di vento. Chi è mai la bella clandestina entrata? È davvero l'Eugénie, l'eroina del suo romanzo giovanile rimasto nel cassetto? Dopo la donna, nel dormiveglia compaiono la madre e alcune inquietanti presenze protagoniste degli eventi della sua vita dalla Rivoluzione alla battaglia di Waterloo. In Europa intanto si diffondono reazioni contrastanti. A San Pietroburgo lo zar Alessandro comincia a prevederne imbarazzanti rivelazioni. Pio VII accoglie a Roma i congiunti rifiutati dalle dinastie che avevano sollecitato l'onore d'imparentarsi coll'imperatore. A Vienna la moglie Maria Luisa, in procinto di recarsi a governare Parma, si concede al generale Neipperg. Il governatore designato di Sant'Elena a Londra riceve segrete istruzioni. Sulla Northumberland a poche ore dalla meta tutti dormono. La sola Eugénie veglia, custode del sonno di Napoleone: «dormi, sogna, riposa, ma sogna con la stessa potenza con cui hai combattuto, e non arriveremo mai a Sant'Elena.» E scrive sul diario di bordo il diverso corso che Napoleone immagina ancora d'imprimere alla Storia, mentre la nave sembra sparire in un folto banco di nebbia.

Pranzi di famiglia
0 0 0
Modern linguistic material

Petri, Romana <1965->

Pranzi di famiglia / Romana Petri

Pozza, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: A fine novembre, con il cielo di Lisbona carico di pioggia, Vasco Dos Santos chiude la sua galleria in Travessa dos Fieis de Deus sempre più tardi. Non ha alcuna voglia di tornare a casa da sua sorella Rita, divenuta ormai intrattabile. Nata deforme e, grazie al coraggio e alla tenacia della madre Maria do Ceu, «ricostruita» attraverso una lunga e dolorosa serie di operazioni, Rita è ormai costantemente in preda all'ira. La morte di sua madre, dell'unica persona capace di preservare l'armonia familiare, ha inasprito oltre ogni misura i suoi rapporti non soltanto con Vasco, ma anche con la sorella Joana, la cui bellezza è così abbagliante da risultare dolorosa, e con il padre Tiago, che anni prima, per sfuggire alla tragedia della figlia, ha abbandonato la famiglia e si è legato a Marta, una donna rancorosa che lo spinge a recidere ogni legame con il suo passato. Tuttavia, da uomo pragmatico quale è, Tiago ha trovato un modo per mantenere un, seppur fragile, contatto con i figli: la domenica, ogni domenica della sua vita, la dedica al pranzo con loro. Una cosa frettolosa, niente di troppo familiare. Un flebile omaggio alla volontà di Maria do Ceu di tenere uniti i figli. È in uno di questi pranzi che i tre fratelli si ritrovano a condividere una scoperta sorprendente: nessuno di loro conserva ricordi del passato. Perché hanno rimosso tutto? La loro vita è stata infelice al punto da volerla dimenticare quasi completamente? Spetterà a Rita ricostruire la storia della famiglia attraverso i documenti ufficiali emersi dagli archivi di Stato, scoprendo una realtà ben diversa da quella che Maria do Ceu aveva raccontato. Nel frattempo, a turbare ulteriormente gli «squilibri» di questa complicata famiglia portoghese sarà l'arrivo di Luciana Albertini, un'eccentrica, visionaria pittrice italiana che farà breccia nel cuore di Vasco.

La magia del presente
0 0 0
Modern linguistic material

Tannier, Kankyo <monaca buddista>

La magia del presente / Kankyo Tannier

Sperling & Kupfer, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Immersi ogni giorno, senza sosta, in mille impegni e pensieri diversi, cerchiamo un po' di pace nel tempo libero, magari lontano dalla solita vita. È un'esperienza comune alla maggior parte di noi: da un lato la concitata attività quotidiana, dall'altro rare e preziose pause per recuperare energie, intuito ed equilibrio. Ma davvero una breve fuga in qualche luogo appartato può rimediare alla fatica di abitare il nostro mondo convulso, alla sensazione di essere continuamente risucchiati da qualcosa al di fuori di noi? Proseguendo la riflessione iniziata con "La cura del silenzio", Kankyo Tannier si domanda se questa stessa contrapposizione non sia una parte del disagio che proviamo. E suggerisce, col consueto approccio vivace e sorridente, come tentare di superarla imparando la concentrazione e l'ascolto consapevole ed esercitandoci ad assaporare il presente con semplici rituali che aprono spazi immensi di quiete nel mezzo delle nostre giornate. Un percorso pieno di saggezza e umorismo che accende scintille di spiritualità capaci di illuminare il quotidiano di magia e poesia.

Gh'éra na òlta l'òm de mòlta, ancora poesie, proverbi, modi di dire e amenità in dialetto castelleonese
0 0 0
Modern linguistic material

Zanardi, Claudio <1935->

Gh'éra na òlta l'òm de mòlta, ancora poesie, proverbi, modi di dire e amenità in dialetto castelleonese : secolo XX / Claudio Zanardi

A cura di Claudio Zanardi, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Quarto libretto sul dialetto di Castelleone. Dopo una breve sintesi sulle regole del dialetto, l'autore presenta una raccolta di poesie, proverbi, modi di dire, amenità varie e qualche filastrocca in rigoroso dialetto castelleonese.

Uccidi i tuoi amici
0 0 0
Modern linguistic material

Niven, John <1968->

Uccidi i tuoi amici / John Niven ; traduzione di Marco Rossari

Einaudi, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Londra, 1997. Il New Labour è al potere, il Brit-pop è al suo apice e l'industria discografica non è mai stata cosí bene. Forse. Steven Stelfox è un discografico di successo, alla costante ricerca della prossima hit. E non si ferma mai, grazie a una dieta fatta di cinismo, sesso e quantità smodate di cocaina. Del resto, stordirsi è l'unico modo per resistere in un ambiente pieno di colleghi incompetenti e spietati, per i quali la musica è l'ultimo degli interessi. Un posto dove i sogni degli altri bruciano nelle fiamme dell'inferno. Ma via via che i successi si fanno piú rari, e la scena musicale inizia a sentire i venti della crisi che la cambierà per sempre, Stelfox capisce che è tempo di prendere sul serio – anzi, alla lettera – il motto alla base del mondo degli affari: mors tua vita mea.

La forma perfetta
0 0 0
Modern linguistic material

Apuzzo, Dario <medico fisiatra>

La forma perfetta : mente-anima-corpo : il metodo MAC per conquistare il benessere psicofisico / Dario Apuzzo

Rizzoli, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 1
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Raggiungere la forma perfetta non significa perdere i chili in eccesso e recuperare la tonicità muscolare. Significa piuttosto trovare un proprio equilibrio, migliorare davvero la qualità della vita. Ciò che serve è una “dieta del cervello”, che coinvolga ogni aspetto della nostra esistenza e ristabilisca l’armonia dentro di noi e tra noi e il mondo esterno. Ecco perché il metodo MAC si basa proprio sui tre pilastri che sostengono il nostro essere: Mente, Anima e Corpo. È un approccio alla vita che tutti possono mettere in pratica: i giovani, concentrati su loro stessi e sulla costruzione del loro futuro; gli adulti, che dopo aver raggiunto una buona stabilità riescono finalmente a godersi il presente; e anche chi comincia ad avere un po’ di anni sulle spalle e si scopre a guardare al passato con una certa nostalgia e magari qualche rimpianto.La mente è il motore di tutto, e dobbiamo utilizzarla al massimo delle sue possibilità, senza farci mai guidare passivamente dalle abitudini, dalla pigrizia o dal conformismo. L’anima, al di là del credo religioso, è quel qualcosa in più che ci permette di vivere la vita nel migliore dei modi, di essere pienamente consapevoli di noi stessi. E poi c’è il corpo, che molti mettono al centro di tutto, ma se una struttura si regge su tre pilastri, e due vengono a mancare, che cosa succede? Il corpo va certamente curato e valorizzato, è la parte visibile di noi, ma deve rispecchiare un benessere più completo.Attraverso un allenamento adatto a ogni momento della giornata, fatto di esercizi semplici da far diventare buone abitudini consolidate, impareremo un po’ alla volta a prenderci cura di noi per trovare finalmente la forma perfetta.

Case di vetro
0 0 0
Modern linguistic material

Penny, Louise <1958->

Case di vetro / Louise Penny ; traduzione di Letizia Sacchini

Einaudi, 2019

Abstract: Deciso e sempre misurato, Gamache crede nella legge ma risponde prima di tutto alla propria coscienza. E considera i suoi concittadini gente come lui, da proteggere e rispettare. E talvolta da arrestare.

Le  parole di Sara
0 0 0
Modern linguistic material

De Giovanni, Maurizio <1958->

Le parole di Sara / Maurizio de Giovanni

Rizzoli, 2019

Abstract: In “Le parole di Sara” ritroviamo Sara Morozzi, nuova splendida detective nata dal padre dei Bastardi di Pizzofalcone Maurizio De Giovanni. Nota ai lettori dal precedente “Sara al tramonto”, Sara Morozzi è una poliziotta in pensione e una donna invisibile: coi suoi capelli grigi e il suo abbigliamento incurante se ne sta da sempre a osservare le vite degli altri per carpirne i segreti. E anche ora che è solo una pensionata e una nonna, qualcuno dei suoi ex colleghi ogni tanto ha bisogno del suo aiuto. Perché Sara ha un raro talento: interpreta alla perfezione il linguaggio del corpo e delle parole dette a mezza voce. Questa volta Sara è chiamata a indagare su un caso che coinvolge direttamente l'amica Teresa, donna ai vertici dell’unità segreta per cui la stessa Moroni ha a lungo lavorato. Ad aiutarla nelle indagini non mancheranno l’ispettore Davide Pardo, goffo detective sfortunato in amore, Viola, l'ultima compagna di suo figlio che l'ha appena resa nonna, e Boris, il Bovaro del Bernese. Profondo e avvincente come solo i libri di Maurizio De Giovanni sanno essere, “Le parole di Sara” è il secondo appuntamento imperdibile con la serie che sta riscrivendo il noir italiano al femminile.

I numeri
0 0 0
Modern linguistic material

George, Joshua - Lemon Ribbon <studio di grafica e design creativo>

I numeri / Joshua George ; disegni di Lemon Ribbon

Gallucci, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 2
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Quante cose riesci a contare in ogni pagina? Tira le linguette per scoprire le risposte...

Le parole
0 0 0
Modern linguistic material

George, Joshua - Lemon Ribbon <studio di grafica e design creativo>

Le parole / Joshua George ; disegni di Lemon Ribbon

Gallucci, 2019

  • Not reservable
  • Total items: 2
  • On loan: 0
  • Reservations: 0

Abstract: Cosa si nasconde in ogni pagina di questo libro? Tira le linguette per scoprire le risposte e tante nuove parole...

Riflessioni sulle onde del Garda
0 0 0
Modern linguistic material

Castellini, Carlotta

Riflessioni sulle onde del Garda / poesie di Carlotta Castellini

[S. n.], 2019

La nemica del cuore
0 0 0
Modern linguistic material

Nesser, Håkan <1950->

La nemica del cuore / Håkan Nesser ; traduzione di Carmen Giorgetti Cima

Guanda, 2019

Abstract: È un momento molto difficile per Agnes: suo marito Erich è morto, e lei rischia di perdere la casa in cui hanno sempre vissuto insieme. Ancora rinchiusa nella solitudine del suo dolore, Agnes riceve una lettera inaspettata, un affettuoso messaggio da parte di Henny, amica d'infanzia con cui aveva rotto ogni rapporto vent'anni prima. Spinta dalla nostalgia e dalla curiosità, Agnes dà il via a quella che all'inizio sembra solo un'innocente corrispondenza tra vecchie conoscenti. Ma tutto cambia quando Henny svela ad Agnes il suo piano: uccidere il marito che la tradisce e cominciare una nuova vita. Per farlo senza destare sospetti, però, ha bisogno del suo aiuto, e per convincerla è disposta a tutto. Sopraffatta da un passato che credeva non sarebbe più tornato, Agnes sente di non avere scelta. Ma quanto vale una vita umana? Com'è possibile che una donna come lei possa pensare di uccidere qualcuno? Si tratta solo di soldi? O dietro c'è qualcos'altro?

Madre Teresa
0 0 0
Modern linguistic material

Sánchez Vegara, María Isabel

Madre Teresa / Maria Isabel Sànchez Vegara ; illustrazioni di Natascha Rosenberg

Fabbri, 2019

Abstract: Fin da bambina, Agnese sognava di fare la missionaria per potere aiutare le persone più povere del pianeta. Così, giovanissima, lasciò per sempre il suo Paese e la sua famiglia e partì per l'India, dove divenne suora con il nome di Madre Teresa. A Calcutta diede un tetto ai vagabondi, cibo agli affamati, affetto agli orfani, cure agli ammalati. E con il suo esempio insegnò a tutti che, con piccoli gesti e grande amore, chiunque può rendere il mondo un posto migliore. Agnese ha realizzato il suo sogno. E tu?

Le parole sono importanti
0 0 0
Modern linguistic material

Balzano, Marco <1978->

Le parole sono importanti : dove nascono e cosa raccontano / Marco Balzano

Einaudi, 2019

Abstract: Quando ci raccontano l'etimologia di una parola proviamo spesso una sensazione di meraviglia, perché riconosciamo qualcosa che non sapevamo di sapere, un universo di elementi che era sotto i nostri occhi ma che non avevamo mai notato. Allora come è possibile che l'etimologia, così carica di fascino, non riceva la considerazione che merita? Eppure padroneggiare le parole nella loro storicità e non possederne solamente la scorza ha dei vantaggi. Per esempio, chi acquisisce una forma mentis etimologica sa che attribuire a qualsiasi vocabolo un solo significato è limitativo. Da questo punto di vista l'etimologia è come la poesia, perché sa offrire sempre un'immagine o un gesto che danno tridimensionalità alla parola. Inoltre, quando ne conosciamo l'archeologia, possiamo chiederci se l'uso odierno dei vocaboli conservi ancora qualcosa del significato originale e, nel caso non sia così, indagarne le ragioni. Attraverso dieci appassionanti scavi etimologici, Balzano ci dice non solo che ogni parola ha un corpo da rispettare, ma anche che non è un contenitore da riempire a piacimento. Perché ogni parola ha una sua indipendenza e una sua vita.

La lettera di Gertrud
0 0 0
Modern linguistic material

Larsson, Björn <1953->

La lettera di Gertrud / Bjorn Larsson ; traduzione di Katia De Marco

Iperborea, 2019

Abstract: È spargendo al vento le ceneri della madre che Martin Brenner, genetista all'apice di una brillante carriera, marito e padre felice, comincia a interrogarsi sul suo rapporto con lei: perché non prova un vero dolore, perché ha sempre sentito che un velo si frapponeva tra loro? Scoprirà il motivo in una lettera che lei gli ha lasciato: quello che li divideva era un segreto. Sua madre non si chiamava Maria, ma Gertrud, ed era un'ebrea sopravvissuta ai lager. Glielo aveva nascosto per proteggerlo, ma anche per lasciarlo libero di scegliere, da adulto consapevole, la propria identità e la propria vita. Ma qual è la scelta davanti a una rivelazione così scioccante? E cosa vuol dire poi essere ebreo? Con il razionalismo dello scienziato, Martin si getta in ogni genere di letture, ricerche, discussioni con l'amico Simon e il rabbino Golder, per poter decidere: tenere il segreto o accettare la sua ebraicità, sconvolgendo non solo la propria esistenza, ma anche quella della sua famiglia, nonché quel quieto rapporto di «reciproca indifferenza» che ha sempre avuto con Dio? Ed è davvero libero di scegliere o è in realtà costretto ad accettare una definizione che per un genetista, e ateo, non ha alcun significato, e un'appartenenza che non sente? Con la sua capacità rabdomantica di captare i grandi temi del presente e trasformarli in storie da leggere d'un fiato, Björn Larsson affronta uno dei grandi equivoci di oggi – l'identità levata a vessillo di divergenza e inconciliabilità e l'appartenenza come bisogno primordiale eretto a muro divisorio – per rivendicare il diritto di ognuno di essere guardato e giudicato per l'unica vera identità che abbiamo: quella di singole persone.

Vita di C.
0 0 0
Modern linguistic material

Zaccaroni, Caterina

Vita di C. : romanzo / Caterina Zaccaroni

Mondadori, 2019

Abstract: Quello che tenete tra le mani non è un comune romanzo; è un esordio straordinario sotto tutti i punti di vista. È il racconto di una vita che pare contenerne cento, è la storia di una donna come tante che dopo qualche pagina vi sembrerà di conoscere da sempre, una donna forte, inquieta, generosa, sensuale e ribelle che per oltre quarant'anni ha inseguito, a volte anche a scapito della propria felicità, due soli fari: libertà e curiosità. È la storia della vita di C. Cresciuta sotto l'ala di una madre passionale e imprevedibile e di un padre ingombrante nella sua assenza, C., innamorata del pianoforte, dei libri e delle lingue, comincia giovanissima a cercare il proprio posto nel mondo. Sull'onda di una fame insaziabile di nuove esperienze, viaggia prima in Germania per studiare il tedesco, poi a Parigi, dove il suo fascino inconsapevole le apre le porte del circolo di artisti e viveurs che si raccoglie attorno a Salvador Dalí. È solo il primo giro di una giostra inarrestabile di peregrinazioni, incontri, avventure sentimentali, erotiche e intellettuali, l'inizio della vertiginosa altalena di cadute e rinascite che sarà la sua giovinezza. Milano le riserverà il primo grande amore e la prima perdita, New York le aprirà gli occhi e la mente, Roma le darà un lavoro e gli amici più cari, e infine l'India, approdo di fortuna dopo una serie di relazioni burrascose, stabilirà un nuovo, inaspettato ordine delle cose. La narrazione procede per accumulo in un presente vivido e febbrile, che scorre impetuoso nella lingua intima, semplice e potentissima di Caterina e che vi trascinerà inevitabilmente e gioiosamente con sé. L'autrice attinge a piene mani dal proprio vissuto e, applicandovi una sapiente dose di lievito romanzesco, costruisce un'autobiografia immaginaria, un romanzo di formazione amorosa, erotica e politica in cui risuonano gli echi dell' Arte della gioia , una gemma letteraria che si legge tutta d'un fiato.

Sentirai parlare di me
0 0 0
Modern linguistic material

Rattaro, Sara <1975->

Sentirai parlare di me : vita e avventure della prima reporter della storia / Sara Rattaro

Mondadori, 2019

Abstract: Bianca ha un sogno: da grande vuole fare la giornalista. Insieme al suo migliore amico Martino si occupa del giornale della scuola e vorrebbe invitare alle riunioni anche Matteo, un compagno della classe accanto al quale non trova il coraggio di rivolgere la parola. Durante la “Settimana dei mestieri”, i ragazzi incontrano Vittoria, giornalista invitata a tenere una lezione appassionante, che però sarà costretta a interrompere sul più bello per seguire una misteriosa indagine. Bianca, incuriosita, vuole a tutti i costi rintracciarla per chiederle un aiuto: è alla ricerca di un anonimo artista che sta colorando la città con alcuni strani murales… Quando rincontrerà Vittoria, però, Bianca riceverà in più una sorpresa esclusiva: il racconto della vita e delle avventure di Nellie Bly, la prima donna nella Storia ad aver osato il mestiere di reporter e ad aver combattuto per i diritti delle donne. E sarà proprio attraverso il coraggio e la ribellione di un’americana di fine Ottocento che Bianca troverà l’entusiasmo decisivo per affrontare gli eventi e la chiave per conoscere meglio se stessa.

Diego il dinosauro
0 0 0
Modern linguistic material

Bolaffio, Raffaella <1977->

Diego il dinosauro / Raffaella Bolaffio

Emme, 2019

Abstract: Diego il dinosauro ha sempre fame! Si mangerebbe un brontosauro, se solo non fosse così alto… O uno stegosauro , se solo non fosse così cattivo… Per fortuna quelle pannocchie dorate sembrano innocue e invitanti! Ma cosa accade se un improvviso terremoto butta all’aria ogni merenda e fa volare le pannocchie dentro al vulcano?

L'infinito
5 0 0
Modern linguistic material

Leopardi, Giacomo <1798-1837>

L'infinito / Giacomo Leopardi ; illustrato da Marco Somà

Einaudi ragazzi, 2019

Abstract: Sempre caro mi fu quest’ermo colle,E questa siepe, che da tanta parteDell’ultimo orizzonte il guardo esclude.Ma sedendo e mirando, interminatiSpazi di là da quella, e sovrumaniSilenzi, e profondissima quieteIo nel pensier mi fingo; ove per pocoIl cor non si spaura. E come il ventoOdo stormir tra queste piante, io quelloInfinito silenzio a questa voceVo comparando: e mi sovvien l’eterno,E le morte stagioni, e la presenteE viva, e il suon di lei. Così tra questaImmensità s’annega il pensier mio:E il naufragar m’è dolce in questo mare. Un viaggio nella malinconica sofferenza di di Giacomo Leopardi, probabilmente il più grande poeta italiano di sempre, un uomo che seppe dare alle proprie delusioni e al proprio spaesamento un valore universale. Poeta, filosofo, filologo e scrittore, Leopardi ha cantato la sensibilità e l’esistenza in note finissime e attraverso immagini indimenticabili, che lo hanno affermato tra le più importanti figure della letteratura mondiale ben oltre il suo tempo.

Rime rimedio
0 0 0
Modern linguistic material

Tognolini, Bruno <1951->

Rime rimedio : cinquanta filastrocche chieste dai grandi per i bambini che hanno accanto, o dentro / Bruno Tognolini

Salani, 2019

Abstract: Le formule magiche, gli scongiuri, i proverbi hanno sempre funzionato. Chi non ci crede li dice e li fa lo stesso, sorridendo di sé: "non si sa mai’" La sospensione dell’incredulità apre le porte al gioco, alla leggerezza, e infine al conforto. Le Rime Rimedio partono da questo gioco di scaramanzia per azzardare la poesia. E la poesia rimedia davvero, sempre, ma a qualcos’altro rispetto a ciò che dice, appena fuori dallo sguardo, un po’ più in là; e noi ci muoviamo nel cuore verso questo barbaglio, e così ci lasciamo alle spalle ciò per cui avevamo detto quella rima. Che così ha funzionato. Rime Rimedio perché sono un buon rimedio. E fossero pure un Placebo, che in latino significa "piacerò", per un libro non sarebbe un motto improprio. E infine Rime Rimedio – dopo Rima Rimani, Rime di Rabbia e Rime Raminghe – per evidenti motivi di tiritera, di oracolare cantilena: perché son solo sante canzonette, scongiuri e rosari, litanie e imprecazioni ,le stesse che da millenni ci aiutano a vivere.