Giovanna Gorlani

Vedi tutti i suoi post
Alle zeigen

Letzte eingegebene Rezensionen

16 marzo 1978 - Giovanni Bianconi

"Sulla vita e sulla morte di Aldo Moro giudicherà la storia" (pg 210 dal comunicato della famiglia): magari si potesse giudicare, si avesse il materiale per poterlo fare.
Ero bambina all'epoca ma qualche anno dopo, su richiesta dell'insegnante di scrivere una poesia che fosse letta e giudicata dal grande Eco, scrissi di Moro.Perché da certi fatti non si può prescindere, e si vorrebbe sapere sempre di più, sapere la verità.
Ma a volte i libri non bastano..

Bruciata viva - Suad

Tradizioni? Religione? Cultura? NO!,
No, perché non stiamo parlando di fatti successi centinaia di anni fa, quando regnavamo l'ignoranza e la disinformazione, ma di fatti (non episodi isolati) attuali, ancora in essere. NO!

Ogni piccola cosa interrotta - Silvia Celani

Leggendolo si ha l'idea di leggere un romanzo, mentre invece i temi trattati sono poco "da romanzo". Profondo. A mio parere però la figura dell'eroe la fa il personaggio sbagliato.

E poi a pg 241 mi imbatto nella frase "per quello che avrebbe potuto essere e non era stato, che immediatamente mi ha rimandata al mio amato Gozzano ("Non amo che le rose che non colsi. Non amo che le cose che potevano essere e non sono state". GG, Cocotte). Per poi trovare a pg 267 la citazione, qui attribuita, di una Sua poesia. E qui le stelline attribuite al libro sono aumentate

Re: Almarina - Valeria Parrella

Profondo in breve.
Alcune frasi in futuro potrebbero diventare citazioni
E' il suo quarto libro che leggo.
Rispetto agli altri qui noto ideologia politica molto meno sbandierata (e io lo preferisco), fraseologia meno quotidiana (il voler essere fuori dalle righe spesso mi infastidisce, qui invece non stona).

Il confine del paradiso - Esmé Weijun Wang

Una sfilza di cose incredibili: o forse non così incredibili per chi è riuscito a vivere in Cina all'inizio degli anni novanta. Mi ha proprio riportato là, nonostante non sia ambientato là, e nonostante l'autrice sia americana, di origine taiwanese e relativamente giovane.

L'idiota - Elif Batuman

Incuriosita dal titolo: autore molto sicuro di sé o privo di fantasia? Risposta: forse più la seconda.
Libro strano: all'inizio decidi di arrivare alla fine solo per poter dire che è brutto con cognizione di causa; a metà decidi che non è male ed ha dei passaggi davvero belli (A: O dico quello che penso o non dico niente. Io non dico bugie. B:Ma la civiltà è basata sulle bugie! pg 354);alla fine decidi che adesso che sei alla fine puoi dire che l'idea iniziale non era poi così lontana dalla realtà.

Asimmetria - Lisa Halliday

Sembra quasi che i fatti narrati siano presi a caso, senza alcun legame, nemmeno quello dell'asimmetria del titolo.
E io non ne ho visto la finalità..

Il demonio ha paura della gente allegra - Fabio Geda

Il "me" del titolo crea troppa confusione nel libro.
Sprazzi di vita dell'autore mischiati a quelli della vita di Don Bosco, sprazzi di vita dell'epoca dell'autore mischiati a quelli dell'epoca di Don Bosco, sprazzi di pensieri dell'autore mischiati a quelli di pensieri di Don Bosco.
Quindi solo una miscellanea di sprazzi, purtroppo...

Re: Sotto la pelle - Michel Faber

Diciamo che non sono già di partenza un'appassionata del genere ;-)
Il film invece non mi attira proprio, non amo guardare film di libri che ho letto.
Più raramente invece leggo libri di film che ho visto (senza sapere del libro, altrimenti avrei saltato il passaggio film)

Alle zeigen

Letzte im Forum eingegebene Posts

Meine Regale

Meine gespeicherten Suchen

Es gibt keine veröffentlichten gespeicherten Suche