Questo scaffale suggerisce libri stampati a caratteri grandi o con criteri tipografici di alta leggibilità.
E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti (nella colonna a sinistra), oppure utilizzando il box di ricerca veloce o la relativa ricerca avanzata.

Trovati 1444 documenti.

Mostra parametri
I vicerè / Federico De Roberto. Vol. 1
0 0 0
Materiale linguistico moderno

I vicerè / Federico De Roberto. Vol. 1

I vicerè / Federico De Roberto. Vol. 2
0 0 0
Materiale linguistico moderno

I vicerè / Federico De Roberto. Vol. 2

Il circolo Pickwick / Charles Dickens. Vol. 1
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Il circolo Pickwick / Charles Dickens. Vol. 1

Il circolo Pickwick / Charles Dickens. Vol. 2
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Il circolo Pickwick / Charles Dickens. Vol. 2

Il circolo Pickwick / Charles Dickens. Vol. 3
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Il circolo Pickwick / Charles Dickens. Vol. 3

Anna Karenina / Lev Tolstoj. Vol. 1
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Anna Karenina / Lev Tolstoj. Vol. 1

Anna Karenina / Lev Tolstoj. Vol. 2
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Anna Karenina / Lev Tolstoj. Vol. 2

Anna Karenina / Lev Tolstoj. Vol. 3
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Anna Karenina / Lev Tolstoj. Vol. 3

[Vol. 3]: Paradiso
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Alighieri, Dante <1265-1321>

[Vol. 3]: Paradiso

La certosa di Parma / Henry Beyle (Stendhal). Vol. 1
0 0 0
Materiale linguistico moderno

La certosa di Parma / Henry Beyle (Stendhal). Vol. 1

La certosa di Parma / Henry Beyle (Stendhal). Vol. 2
0 0 0
Materiale linguistico moderno

La certosa di Parma / Henry Beyle (Stendhal). Vol. 2

Il gatto nell'armadio e altri racconti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Il gatto nell'armadio e altri racconti / AA.VV ; a cura di Cinzia Tani

B.I.I. onlus, 2018

Peter Pan
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Barrie, J. M. <1860-1937>

Peter Pan / James Matthew Barrie

B.I.I. onlus, 2017

Abstract: La vera storia di Peter Pan e della sua seconda vita nei giardini di Kensington, dopo l'Ora di Chiusura, quando le fate si lanciano in balli scatenati. E si scopre che tutti i bambini sanno volare ma poi, crescendo, se ne dimenticano. Tutti tranne Peter Pan, il bambino in parte uccello, destinato a volare per sempre dentro i cancelli dei giardini di Kensington.

Cristiani di Allah
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carlotto, Massimo <1956->

Cristiani di Allah / Massimo Carlotto

B.I.I. onlus, 2018

Abstract: Algeri, 1541. Il Mediterraneo è teatro di guerre, razzie, traffici di schiavi, scontri ideologici e religiosi. La possente armata di Carlo V, punta di lancia della Cristianità, viene annientata alle porte della capitale nordafricana dai corsari di Hassan Agha, che reggono la città per conto del sultano di Costantinopoli. I corsari sono in gran parte dei rinnegati, ossia degli europei cristiani che hanno abbracciato l'Islam, per interesse, come scelta di libertà o più semplicemente per poter saccheggiare navi e depredare coste nel Mediterraneo sotto la protezione della Sublime Porta. Anche Redouane e Othmane, i protagonisti del romanzo, sono dei corsari rinnegati. Il primo albanese, il secondo tedesco, ex lanzichenecchi, hanno scelto là libertà di Algeri, da dove salpano sul loro sciabecco per le scorrerie e dove credono, di poter vivere indisturbati la loro storia d'amore proibita. Othmane però commetterà l'errore di invaghirsi di un giannizzero, uno dei fanatici e spietati cani da guardia del sultano, e trascinerà anche Redouane in un gorgo di vendette, agguati, intrighi.

Imperfetto futuro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bergomi, Cristina <1973->

Imperfetto futuro / Cristina Bergomi

0111, 2012

Abstract: Giulia è una moglie e una madre impeccabile. Ha trascorso la sua vita a fare quello che gli altri si aspettavano da lei, rinunciando a se stessa e alla carriera per dedicarsi completamente al marito Paolo, stimato avvocato, e alle loro figlie Anna e Camilla.Vive immersa in un bozzolo di finta serenità, soddisfatta della quieta immobilità della sua vita, quando la fortuita scoperta del tradimento di Paolo la costringe a sporgersi sul burrone del proprio inconscio per tendere la mano alla ragazza che ha dimenticato di essere e spingersi oltre la facciata, apparentemente perfetta, del suo matrimonio.

Il ventre di Napoli
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Serao, Matilde <1856-1927>

Il ventre di Napoli : venti anni fa, adesso, l'anima di Napoli / Matilde Serao ; a cura di Fania Pozielli

Ed. ad alta leggibilità

Mauna Kea, 2020

Abstract: Spesso considerata, con tono benevolo e sprezzante, un reportage, il capolavoro della Serao ha la forza della verità che si fa letteratura, del rifiuto per quella retorichetta a base di golfo e colline fiorite che serve per quella parte di pubblico che non vuole essere seccata con racconti di miserie. La sua denuncia resta, a un secolo di distanza, di straordinaria attualità: Questo ventre di Napoli, se non lo conosce il governo, chi lo deve conoscere? A che sono buoni tutti questi impiegati alti e bassi, questo immenso ingranaggio burocratico che ci costa tanto?

Nel muro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Corona, Mauro <1950->

Nel muro / Mauro Corona

B.I.I. onlus, 2020

Abstract: Nel fitto di un bosco di uno dei monti dell'Italia settentrionale un uomo ritrova una baita appartenuta ai suoi antenati. Decide di ristrutturarla, per andarci a vivere e sfuggire così alla crudeltà del mondo che lo circonda. Ma, mentre lavora, un colpo di piccone bene assestato cambia per sempre la sua vita. Dietro la calce, in un'intercapedine del muro, trova i corpi mummificati di tre donne. E si accorge che sulla loro carne sono stati incisi dei segni, quasi lettere dell'alfabeto di una lingua misteriosa e sconosciuta. Qual è la storia delle tre donne? Chi le ha nascoste lì? Qual è il terribile messaggio che quelle lettere vogliono comunicare? Ed è possibile che la cerva dagli occhi buoni che sbuca ogni sera dal bosco voglia davvero proteggere l'uomo e rivelargli qualcosa? Mentre le tre mummie cominciano a infestare i suoi pensieri e i suoi sogni, trasformandoli in incubi e allucinazioni, l'uomo si mette alla ricerca della verità, una ricerca che può portarlo alla perdizione definitiva o alla salvezza. O forse a entrambe. Mauro Corona, dopo anni in cui si era dedicato a forme più brevi, torna al romanzo vero e proprio. E lo fa con un libro che racconta la maestosità della natura e la cattiveria degli uomini, denso di immagini - per esempio quella del pivason, l'uccello-vampiro, e del suo spaventoso verso, presagio di morte - e di momenti di lirismo, come la scena in cui il protagonista scende in una foiba e dentro una pozza d'acqua scopre un piccolo essere di cui si sente improvvisamente e inaspettatamente fratello.

Momenti di trascurabile felicità
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Piccolo, Francesco <1964->

Momenti di trascurabile felicità / Francesco Piccolo

B.I.I. onlus, 2019

Abstract: Possono esistere felicità trascurabili? Come chiamare quei piaceri intensi e volatili che punteggiano le nostre giornate, accendendone i minuti come fiammiferi nel buio? Sei in coda al supermercato in attesa del tuo turno, magari sei bloccato nel traffico, oppure aspetti che la tua ragazza esca dal camerino di un negozio d'abbigliamento. Quando all'improvviso la realtà intorno a te sembra convergere in un solo punto, e lo fa brillare. E allora capisci di averne appena incontrato uno. I momenti di trascurabile felicità funzionano così: possono annidarsi ovunque, pronti a pioverti in testa e farti aprire gli occhi su qualcosa che fino a un attimo prima non avevi considerato. Per farti scoprire, ad esempio, quant'è preziosa quella manciata di giorni d'agosto in cui tutti vanno in vacanza e tu rimani da solo in città. Quale interesse morboso ti spinge a chiuderti a chiave nei bagni delle case in cui non sei mai stato e curiosare su tutti i prodotti che usano. A metà strada tra Mi ricordo di Perec e le implacabili leggi di Murphy, Francesco Piccolo mette a nudo i piaceri più inconfessabili, i tic, le debolezze con le quali tutti noi dobbiamo fare i conti. Pagina dopo pagina, momento dopo momento, si finisce col venire travolti da un'ondata di divertimento, intelligenza e stupore. L'autore raccoglie, cataloga e fa sue le mille epifanie che sbocciano a ogni angolo di strada. Perché solo riducendo a spicchi la realtà si riesce ad afferrare per la coda il senso profondo della vita.

Alice nel paese delle meraviglie
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carroll, Lewis <1832-1898>

Alice nel paese delle meraviglie / Lewis Carroll ; traduzione di Silvio Spaventa Filippi

B.I.I. onlus, 2019

Abstract: Le vicende di una bimba di nome Alice, che nel giorno del suo settimo compleanno, seguendo un coniglio bianco con giacca e panciotto, precipita in un magico mondo sotterraneo, dove vive strabilianti avventure e incontra bizzarri personaggi, tra assurdità e paradossi di ogni tipo. Gli stravaganti protagonisti del romanzo non sono però così distanti dalla realtà, in quanto offrono una carrellata dei difetti e delle manie del genere umano, e numerosi sono i riferimenti a personaggi e avvenimenti dell'epoca. In tutta l'opera abbondano inoltre giochi linguistici e matematici, citazioni, nonsense e figure retoriche, che fanno di Alice nel paese delle meraviglie un capolavoro di originalità, da oltre 150 anni letto e tradotto in tutto il mondo.

Le mie prigioni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pellico, Silvio <1789-1854>

Le mie prigioni / Silvio Pellico ; a cura di Giampietro De Angelis

Ed. ad alta leggibilità

Mauna Kea, 2020

Abstract: 1832 Goethe pubblica la seconda parte del Faust e muore a Weimar. Evariste Galois redige la sua memoria sulle equazioni algebriche la notte prima di morire in un duello. Nel Canale di Sicilia sprofonda l'isola Ferdinandea. Viene dato alle stampe presso l'editore Bocca di Torino Le mie prigioni, scritto da Pellico l'anno prima su consiglio del suo confessore. La Polonia è proclamata provincia russa. Viene fondata la società Michelin. Von Clausewitz pubblica Della guerra. Scoppiano rivolte liberali nello Stato pontificio. In Inghilterra viene approvata una riforma della legge elettorale che concede il suffragio ai proprietari di beni immobili. Applaudito scrittore di tragedie fino al 1832, a partire da quella data Pellico inizia a essere fischiato a ogni sua apparizione pubblica. La ragione di questa diffidenza, se non di aperta ostilità, è da cercarsi nella pubblicazione de Le mie prigioni, il libro che recò più danno all'Austria che una battaglia perduta o cento mazziniani frenetici. Tra il sospetto dei politici e il timore dei benpensanti, era nata questa raccolta di memorie, che si rivelerà decisiva per la formazione della coscienza civile degli italiani. Quella coscienza che tenterà con alterne fortune di fondere passioni civili e pietà religiosa, illuminismo e cristianesimo, e che non può mancare di riconoscere in Pellico il suo glorioso inizio.