Alle zeigen

Letzte Nachrichten des Forums

La casa delle catene - Steven Erikson

Fra tutti è quello che mi è piaciuto di più, complice anche il fatto che è stato più facile seguire la trama visto che per buona parte il racconto verteva ineramente su un personaggio dalla rapida ma piacevole crescita, così piacevole che la seconda parte ha meno mordente, pur essendo comunque bella. Carino anche come la strada che segue si intrecci con quella di altri personaggi incontrati negli altri libri e arrivati lì attraverso tutt'altre vicissitudini.
Ho deciso però di sospendere la lettura della saga, mi sono accorto che fatico un po' troppo e a lungo andare tutte le caratteristiche positive non riescono più a compensare la confusione in cui navigo pagina dopo pagina. Non escludo però di concluderla prima o poi.

Memorie di ghiaccio / Steven Erikson. Pt. 2

Prosegue la saga e il mio strano rapporto con essa: da una parte mi piace, dall'altra la ritengo mal raccontata per i motivi già detti.
La trama principale si profila all'orizzonte un pochino meno nebulosa, ma per una spiegazione data sorgono svariate altre domande. Ho respirato maggiore pathos nel rapporto tra i personaggi, dovuto all'attrito tra ex nemici ora alleati, e ad uno sviluppo maggiore del loro aspetto umano, non più solo soldati a tutto tondo ma persone dalla personalità complessa. Si ha la riprova di come l'autore conosca bene tutto il suo mondo e la storia e la trama globale.
Anche questo tutto sommato carino.

La dimora fantasma - Steven Erikson

Devo ammettere di fare fatica a leggere questa saga, il brancolare pagina dopo pagina in attesa di delucidazioni che non arrivano non è proprio il modo che preferisco di sentir raccontata una storia, e la cosa mi rammarica perchè con la l'abilità e la fantasia che l'autore ha dimostrato di saper padroneggiare nel creare un universo così complesso, con dei personaggi così realistici e una trama così articolata, sarebbe stato un libro molto più bello se spiegato maggiormante, ovviamente per i miei gusti. Mi chiedo se narrare in questo modo apporti qualcosa di più o sia solo un difetto, ma non so darmi una risposta oggettiva.
Il punto di forza secondo me anche in questo secondo volume restano la capacità narrativa che rende tutto interessante e curioso, e i personaggi, tutti dalla presenza molto forte e ben definita. Rispetto al primo si respira molto di più la campagna militare che tiene impegnato l'impero anzichè scontri epici tra personaggi, anche se non mancano certo le storie dei singoli. Nonostante quanto detto all'inizio anche questa è stata una lettura stancante ma piacevole.

I giardini della luna - Steven Erikson

Curiosando i commenti in rete avevo letto che si trattava di una saga particolare, non così semplice da leggere, ed effettivamente un po' inconsueta è, tanto da farmi pensare che se non avessi sbirciato tali consigli, primo fra tutti quello di non demordere, probabilmente avrei interrotto la lettura adducendo il fatto che la narrazione non è un granchè scorrevole, non tanto per lo stile di scrittura, molto gradevole, ma per la confusione in cui si viene buttati. Fin dall'inizio infatti non viene spiegato nulla, persino nei dialoghi si assiste a persone che parlano di qualcosa che non è neppure stato accennato, che conoscono solo loro, così ci si ritrova in un mondo sconosciuto, con razze non ben identificabili, dei e semidei di cui non si capisce il ruolo, un sacco di personaggi dai nomi non sempre facili da ricordare, una scrittura asciutta e senza fronzoli con poche descrizioni, costretti a far uso di memoria e pazienza, soprattutto quando ci si rende conto che bisognerebbe ricordarsi talvolta anche semplici azioni o frasi dette dai personaggi apparentemente superflue o slegate dal contesto, che però poi sono la chiave per capire in seguito altre situazioni.
Tutto questo casino secondo me sarebbe sufficiente a bocciarlo, se non fosse che è largamente compensato da altri punti positivi, motivo per cui mi considero fortunato a non aver commesso l'errore di abbandonarlo, perchè è stata una piacevole lettura. Fin dalle prime pagine c'è una sensazione di attesa, di tensione minima ma costante, di calma prima della tempesta, con numerose pedine che si predispongono sulla scacchiera e un'azione vasta che si profila all'orizzonte.
L'autore è bravo a mantenere viva la curiosità e a rendere il tutto interessante, ed anche i personaggi sono molto belli, credibili ed interessanti hanno tutti una forte personalità, molta presenza, forse la cosa più bella del libro. La trama è molto articolata e molto ampia, tanto che per tutto il libro non si ha una visone completa. Anche il mondo creato funziona bene, e il sistema magico è interessante, per quanto rimanga poco chiaro.

Re: Revoca automatica

Buongiorno, non ci risulta che la sua tessera sia bloccata. Per cui dovrebbe poter prenotare online senza problemi.
Se ha difficoltà ad accedere può provare a recuperare la password, oppure basta chiedere alla sua biblioteca di riferimento.