Community » Forum » Recensioni

Mistral
0 2 0
Nanetti, Angela <1942->

Mistral

Firenze : Giunti, 2008

  • Copie totali: 100
  • A prestito: 11
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Mistral è un vento forte, quello stesso vento che accompagna la nascita di un bambino destinato a vivere a stretto contatto con il mare e le sue tempeste. Mistral è il nome che i suoi genitori decidono per lui, segnandone forse l'intero percorso di vita. Nel corso degli anni, e delle estati, si compie la crescita e la maturazione del protagonista, un ragazzo che vive la stagione di passaggio di un'epoca quando ancora la vita quotidiana pare non conoscere la modernità.

258 Visite, 2 Messaggi
La Vetrina
1247 posts

Segnalato da "La Vetrina"

Romanzo per ragazzi; Mistral Coiro è un ragazzo nato su un’isola del Mediterraneo e, come il forte vento, è indomito e fiero, poco incline ai compromessi

Segnalato per: Chi ama il mare, la solitudine, le emozioni

Angela Nanetti ci fa sentire il respiro di quella piccola isola, che ognuno può immaginare in qualsiasi punto della propria geografia mediterranea. E ci fa sentire il pensiero di Mistral Coiro, che appartiene all'isola come una roccia, un cespuglio, un fiore, come il vento, come un'onda. L'onda di quel mare che la cinge da ogni lato e che è il vero scenario dell'intera storia, il campo immenso che divide i mondi ma allo stesso tempo li fa incontrare: gli universi così distanti di Mistral e di Cloe.

Quel mare che unisce e separa un figlio dal padre, così uguali l'uno all'altro ciascuno secondo la partitura del proprio tormento. Soprattutto è un mare dalla dimensione temporale, che divide il passato (l'isola Scura) dal presente e dal futuro (la costa). Le forze del destino agiscono sempre in opposizione a quelle della volontà, come Angela Nanetti ci sussurra in una delle frasi che ci restano appiccicate come salsedine: "Non è il nostro sguardo che misura lo spazio, ma il nostro desiderio".

La tensione tra rimanere e restare è potente in Mistral, il suo cuore "gli faceva così male dal desiderio". Il cuore di un innamorato che si conosce (e conosciamo) nell'infanzia, nell'adolescenza, alle soglie della maggiore età. L'amore e il confronto con se stesso stanno al centro di questo bel romanzo di formazione, tutto racchiuso entro il perimetro di un'isola dove "niente si ripete uguale, nemmeno una partenza"; giacché, come ci ammonisce nelle prime pagine l'autrice: "Le isole sono come riassunti della terra".

  • «
  • 1
  • »

6228 Messaggi in 5061 Discussioni di 716 utenti

Attualmente online: Ci sono 2 utenti online