Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

La spada della verità : romanzo / Terry Goodkind ; traduzione dall'inglese di Nicola Gianni. Vol. 1

Speravo di iniziare una bella saga, ma si è rivelata una delusione che non mi aspettavo. Non mi è piaciuto il modo di raccontare dell'autore, non genera empatia con i personaggi nè con quel che accade perchè anzichè farlo vivere al personaggio, e così per suo tramite al lettore, troppo spesso lo racconta l'autore. I dialoghi sono troppe volte poco realistici, addirittura patetici. Pesante è anche l'assenza di profondità del background dei personaggi, viene accennato il minimo indispensabile utile più a collocarli nella storia che a renderli vivi. La trama, con un cattivo che è quasi una caricatura tanto si comporta da cattivo, mi è parsa un po' troppo priva di profondità, con troppa bontà pura che rende il tutto quasi infantile, e decisamente troppo circoscritta ai buoni che cercano di combattere il cattivo e al cattivo che cerca di combattere i buoni, senza nulla attorno che la renda più realistica. almeno sino al punto a cui sono riuscito ad arrivare con la lettura. Lo sconsiglio.

Le spade dell'imperatore - Brian Staveley

Scritto in maniera semplice e scorrevole, non mancano misteri e problemi per i personaggi nonostante la trama principale si sviluppi molto lentamente, anzi poco o nulla dato che si narra per lo più dell'addestramento e della vita quotidiana dei protagonisti, almeno fino al punto in cui l'ho letto prima di abbandonarlo. Quel che non mi è piaciuto è proprio quel che è raccontato: sa troppo di costruito a doc per colpiere il lettore anzichè di storia genuina che si sviluppa in maniera naturale e che vale la pena raccontare, troppo stereotipata persino per un libro per ragazzi. Non lo consiglio.

Gli orologi del diavolo - Gianfranco Franciosi

In questo libro succede di tutto; il ritmo narrativo è elevato, il coinvolgimento emotivo è forte, i personaggi vivaci e credibili. Inoltre la lettura ci arricchisce di informazioni inedite sul narcotraffico, sulla giustizia internazionale e sui programmi di protezione testimoni. Lo troverei un libro da leggere anche se fosse di pura fantasia; ma è una storia vera dalla prima all'ultima riga. Sconvolgente.

Poemario di campo - Alonso Palacios, Leticia Ruifernández

Che piccolo libro splendente! Poesie e acquarelli spandono luce con la loro semplicità e bellezza.

Il formato particolare, stretto e molto allungato; l'incantevole custodia che squilla e chiama dal rosso dei suoi papaveri; la sottostante copertina rigida lavorata come un bassorilievo monocromatico bianco: tutto è raffinato e oggetto di un'ammirevole cura editoriale. La casa editrice Orecchio Acerbo è sempre capace di stupire.

La passione del corpo - Clarice Lispector

Ucraina di nascita, brasiliana d'adozione: sarà questo il segreto della scrittura di quest'autrice di culto?
In questi racconti brevi, scrive come uno potrebbe ballare una samba: festosamente, con movimenti rapidi e fluidi, e guizzi personalissimi e imprevedibili. A fianco di Madama Morte, sotto le stelle del cielo.

Il grande marinaio - Catherine Poulain

La grande marinaia.
Se amate il mare navigato, intendo dire l’oceano Pacifico del golfo d’Alaska, col suo ghiaccio, i suoi venti, le sue onde di trenta metri, la sua nebbia, questo libro vi farà godere. Quando poi leggerete che al rollio e al beccheggio si aggiunge l’instabilità dovuta alle birre e ai liquori bevuti senza ritegno vi chiederete come Catherine Poulain, classe 1960, abbia potuto resistere per dieci anni a quella vita. E, sia ben chiaro, la sua è stata una scelta ponderata, un anelito di libertà, una fuga dalla routine. Ma quel che più colpisce è come abbia potuto sopravvivere, unica donna a bordo di un peschereccio, in compagnia di otto membri di equipaggio maschi. Costretta a turni di lavoro massacranti, a sventrare pesci, con la cerata costantemente inzuppata di interiora e acqua salmastra, a rompere il ghiaccio della stiva utilizzando un piccone e dormire per terra in un sacco a pelo.
Alla fine diventerà uno di loro: scatarrerà fuori bordo, si soffierà il naso con le dita ma resterà donna, e amerà Yude il grande marinaio. Tuttavia non sufficientemente grande da convincerla a seguirlo.
La libertà ha il suo prezzo.
Se amate il mare estremo, dicevo, questa storia vi affascinerà, considerando poi che è tutta vera. L’autrice vive ancora ed è tornata in Francia.
Se invece per voi il mare è Cesenatico o Sharm, lasciate perdere. Leggendolo finireste con l’avere qualche conato di vomito.
Nascondi

4 mi piace

roberto
Sabrina Granata...
Sabrina Granata...
Ha scritto il 15/05/17

ToccanteLa ricerca spasmodica della Libertà in un Paese come l'Alaska, una donna coraggiosa in cerca di se stessa, in un mondo di uomini rudi, tra i pescherecci e la vita al porto...Pieghe di umanità in una storia di pesca estrema, alcool e vite ..." Continua...

1 mi piace

roberto
avril
avril
Ha scritto il 31/01/17

l'ho comprato seguendo una recensione entusiasta de La Lettura, non solo mi ha annoiata mortalmente ma l'ho trovato anche mal tradotto. Delusione!

1 mi piace

roberto
Chiara171
Chiara171
Ha scritto il 17/01/17

Autobiografia degli anni passati dalla scrittrice sui pescherecci in Alaska, tra gelo, mari in burrasca, alcool, vite al limite ed inaspettati momenti di calore e profonda umanità.
Una donna che vorrei incontrare. Splendido.

2 mi piace

roberto
Anina e...
Anina e...
Ha scritto il 16/12/16

Autore: francese (1960). Romanzo.In realtà è una specie di autobiografia.Una ragazza che non sopporta di vivere al chiuso una vita normale. Gira il mondo e finisce per 10 anni a lavorare su un peschereccio, in Alaska.Adora il lavoro fisico, fatica ..." Continua...

12 mi piace 3 commenti

roberto
Ultimo commento a questo contributo
amapola
amapola 9 mesi fa
Certo che c'è una bella differenza tra lavorare su un peschereccio, in Alaska e allevare pecore sulle Alpi. L'indipendenza ha molte facce.
Vedi altri...
Hai letto questo libro?
Scrivi una Recensione
espandi form
Avviso spoiler